Quanda burdell p mett na cazz d crucètt

26 02 2013

Domenica sò andato a votare pure io, dop che abbiamo andato nzimm a Lilìn Manuzzèll che ha fatt a fgùr d mmèrd con lo squacciatone, siamo andato a prendere a Samànd e alla sorella che pò tnèmm appundamènd co Robbertìn Ukkijsturt per andare a votare andò vann lòr. Passo davanti a casa d sòr’m pigghij e angapp a mio nipote che stèv iucànn là. E s’è mis appriss cum e na zèkk che vulèv vnì pur ìss. E tand che s’è mis ngullangùll che ce lo abbiamo voluto portare apprìss. Che at cacacazz! Che pò quill è nu strunzulòn e ù cicìr mmòkk non se lo sa tenere, e cià ditt tutt i fatt a Samànd e ha fatt: “Samanta, ma tu e zio Gino fate le cose dei grandi? Le cose sporche?” e quell s’è fatt tutta rosh, cì cì che fgùr d mmèrd che mi fa fare mio nipote, che ci tiene, mannagg’ a iss!
E inzò abbiamo angappato pure a Robbertìn Ukkijsturt annànz alla scuola e sìamo trasùti dentro a votare. E stèv nu sakk d gend che quill s vann a fà la camminàta e s mettn ù vstit della domenica. Pure Dèbbora, à sòr d Samand, stev tostatòst, mamm e quand è bbòn. Tnèv na cazzd minigònn che ascèv tutt à kosh, e pò ten nu cul che è a fin du munn. Che pò stc’ Robbertìn che se n’è uscito di capa per Dèbbora e stc’ caaa shkùm mmòkk che saa vol fà. Ma quell nu penz proprij, e iss vol semb fà ù tust annanz a ess p fà avdè che èij ùn bùn. E s stev mttènn a fà allìt cu presidend perchè quando sono entrate a votare, quill cià dato due schede a Samand e una scheda a Dèbbora e ha ditt: “lei vota solo alla Camera”. E quell, che ngapish nind, ha fatt: “e perchè a me solo una?” e subbt qulu pngòn d Robbèrt s’è ficcato in mezzo, è trasut e ha fatt: “oh giovane, keghè stu fatt? dacc’ nata schèd aa uagliòn mè, kò kòò!” e inzò è succiss nu mizz burdèll perchè quill il presidente ha accumnz’t a fà “chi ha meno di 25 anni vota solo alla camera, e comunque lei chi è? E’ un elettore? altrimenti non può entrare, aspetti fuori!” e quill Robbertìn s stèv mnànn mbacc’… Robbertìn è nu mattignòn, nz pot arraggiunà, tuu pird da ind alle mani. Efèss io e Tonìn amm vulùt trasì p’ammandnirl e ce lo siamo portato fuori. Pò stevn vnènn pure quill daa viggilànz. E inzò mendr che arraggiunàmm co Robbertìn, che Tonino ci stava spiegando il fatto delle schede, tutt nzimm send nu rumòr… sbadabàààà!! Pigghij e ved a nipotm che stèv cummattènn imbaccia a na gràst e aveva fatto ammoccare il vaso che s’er sfrandum’t: efèss tutt u sabbiòn che s’era ittàto pendèrra. Kesimmalà, agghij vulùt iè a ngappà pur a iss mizz a tutt stu burdèll. Mio nipote è nu fatt allucinànd: cum u lass da sùl, vc’ facènn kokke dammàgg…
Cioddètt: “oh, ciaccanì, tu te stà attìnd che se te l’abbushkavi mbrond mò avemma pur iè fuiènn allo spedale”.elezioni2
Pigghij e agghij sndùt a duij stubbtùn arrèt a me che parlavn tropp e facèvn: “mamm che zannìr, già quann sò criatur ì mbàrn bun, e patapìmm e patapàmm” e là m’hann fatt vnì à sust. Sò andato e ciagghij ditt: “keghè giovane tin qualche probblèm? Vui ess scuffl’t a bott d castagnùn mbacc’?” e ciò menato nu leccamùss che s’è stato zitto zitto. I soliti vilakkiùn che parlano sempre e pò quann s’abbushkn i mafalùn s stann citt. Ormai ì teng fatt a tutt quand, sti vokkapirt.
E inzò, alla fine sò iùt a vutà pure io che qua agghij fatt nu sondagg’ e aveva vutà a Peppegrìll che me l’hanno detto pure quelli che hanno fatto le scuole fattizze, che pò hann ditt che esh na cos d sold p chi è che nn fatìg e allor vdìm nu poc che succèd e ho votato a Peppegrìll. Pure Tonìn dice che ha votato a Peppegrìll e Tonìn s’p tutt i cazz e ha ditt che Peppegrìll è ùn bùn. Invece Manuzzèll avrà fatt kokke ping sop à schèd. Samand e Dèbbora invece hanno vulùt vutà a Bers’n pkkè dice che stc’ un amico du padr che è sindacalìst e fors ci fann ascì na fatìg, sacc’… Speriamo, ma io non ci credo che quill sò quatt magnamagn pur lòr, ciggièll cisdleuìll e quand n tèn’n, mokk a lor e quili zokkl diii mamm lòr.
Dop che amm spicciato tutt sti fatt siamo andato alla scuola andò che aveva vutà Robbertìn. E mio nipote ha fatt natu dammagg, che stèv l’estindòr e quill già quando siamo trasùti l’avev pigghij’t a ukkij. Poi mendr che stèmm kiakkriànn che avemma fà la fila, qulu strunz è andato citt citt, ha pigghij’t l’estindòr e s vulev mett a pazzià e faceva imbaccia alle persone: “mirare, puntare, fuoco!”. E meno male che l’estindòr è p’sand e stèv pur à sicùr imbaccia alla maniglia che sinnò s’aveva mett pur a sparà daveramend à polvr sop ai gend… makkeveramè, nuu putim ammandnè kiù a stu cazz d criatùr.
Che pò mendr che ce ne stemm iènn a arrtrà, stava uno fuori che parlava con la fitanzata e facèv: “amore hai bagnato la punta della matita con la lingua prima di mettere la croce?” e ciagghij ditt: “cumbà avast a mett i crucètt, caa leng fatt abbagnà à matìt che tin aa vèij d sott, capisciammè!”.
Sti uagliù d’ogg’… poi si lamentano che i femmn ci fann semb i corn!

Annunci

Azioni

Information

One response

7 03 2013
pino

mi fai morire dal ridere………. spero pero’ che qualcosa sia inventato,la violenza gratuita a me non piace……….. 😉

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...




%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: