Il paliatone al nero

30 03 2013

Pò dic’ che non mi devo ingazzare! Ma sti cazz d nèr che vonn fà i gallètt ind a Fogg’ che già è assaij che i fann vnì dai paìs lòr… e pò anna pur cacà u càzz! I vulèss accìd a tutt quand tranne a quello che parla foggiano che è tropp simbatk, che dice sempre che teng i sold sott ò matòn e m magn spaghett ki cozz.
E inzò, stavamo io e Tonìn vicino a casa, pigghij è vnùt Robbertìn k nu scuteròn che chissà chi cazz suu stc’ chiagnènn e ha fatt: “Oh v vulìt fà nu gìr che ogg’ sta il sole, efèss e che iurnatòn!” Però onèst, siccòm che Robbertìn tèn l’ukkji stùrt e guardammè e neruèr, e non vede bene, ciagghij ditt: “mè, famm fà stu gìr però famm guidà a me che sinnò m fì mett appaùr angòr che ci iàmo a skiandà ind a kokke murètt, che tu fuss capace d trasì pur ind a nu purtòn che t pinz che è na gallerèij!!” Efèss Tonino e quanda risate s’è fatto sop a stu fatt daa gallerèij…
E inzò mi ho messo avanti e quill Robbertìn stèv arrèt e facèv u scèm e io ci dicevo che s’aveva stà calm… Onèst ù scuteròn pure a due persone tèn na cazz d riprès, e m’agghij mis a fà l’accelerazziòn da zer a cìnd e volevo fà pur i derapùn sop à rotònd alle croci, però quill Robbertìn è vilakkiòn e non voleva. Non mi ha fatto nemmango imbennàre che sinnò l’aveva fà cacà sòtt tropp àà paùr, kesimmalà!
E inzò a nu cert pund che stèmm passann vicino alla scuola, stèv nu nèr che cummattèv imbaccia al bidone daa mnnèzz… atu nzvùs e shkfùs, stèv tutto spisilato da ndèrr, caa kp e ki vràzz propij da ind ò bdòn e fuori stèv na specie d carrùzzìn che da ind tnèv tutt à mnnèzz che stèv accugghiènn… mamm e ke shkfèzz! Agghij fatt imbaccia a Robbertìn: “oh, mo ù pass p sop a stu nèr d mmèrd!” e u stèv pundànn a tutta sparata. Però io pazziavo, mica u vulèv ficcà sott daveramend, che pò quill stèv e metà ind ò bdòn, per ficcarlo sott ciavemma iè a ficcà pur nuij ind ò bdòn, kesimmalà.nero_munnezz
E inzò all’ultimo momento sono cambiato strada, p pazzià. Pigghij e va Robbertìn e allong à gamm e mena il calcio al carrozzino duu nèr che stèv affiang ò bidòn!! Efèss e che bòtt! Agghij sndùt nu rumor ‘sbadabàmm‘ e sono guardato dèndrallospecchiètto: stèvn tutt sti cazz d cusarìll che da dentro al carrozzino si erano iettàti per sopra alla strada e stèv ù nèr che natu poc e s’era accappottato da ind ò bdòn! Forse si era shkandato del rumore, o forse il carrozzino era azzoppato e l’avev fatt squilibbrà… inzòmm quist se ne esh da stu bdòn e accummènz a dic’ i paròl e agghij vist che facèv segn a noi e lucculava. Kesimmala!!! Iss m’aveva dic’ i paròl a me? Agghij inghiumm’t ù scuteròn che ha fatt nu sgummatòn d vind mètr che Robbertìn s n stèv vulànn da sop ò sedìl, mi sò girato e agghij turn’t arrèt! Sono fermato lo scuterone, ho sceso e sò iut ritt ritt da stu ner… efèss e quand cazz è r àvt! Er nu gigànd! E cioddètto: “Oh, kundakì! Ke tin kokkepprobblè? T’agghia fà addvndà rush d sang?” E sò partìt che u vulèv ngastagnà! Oh, mo nu sacc’ se quist sò kiù resistènd però quill s’abbushkava i papagnùn ma nz facèv nind… come se fòss che in Africa fànn l’allenamènd cum e ‘tana delle tigri’, non lo so. E inzò quist dop nu poc se ne voleva scappare e stèv Robbertìn che facèv: “oh, l’amma mnà natavot ind ò bdòn e u chiudìm da ind?” Efèss Robbertìn che atu pngòn, sacc’ chi cazz l’aveva avzà al nero da ndèrr che quill minimo aveva pesà cind kìl… Cum cazz ci vengono a Robbertìn sti stubbtarèij!
Che pò a nu cert pund il nero se n’è scappato dentro alla casa di uno che abita là e quist nn sapèv che aveva fà. E io celò detto che lo doveva fare uscire che sinnò trasèv fin e ind alla casa e paliàvo pure a lui, à migghièr e tutt quand.
Adda dic’ grazie che è arrivato Tonìn e ha ditt che ce ne dovevamo andare pkkè stànn semb i nvamùn che chiamano alle battuglie che arrivano con le madame… che pò se veniva la polizia avevna truà pur ù scuteròn arrubb’t… E allora ce ne siamo andato.
Però sti cazz d nìr m’hann già fatt fastdià. Se lo angàppo all’ipercòpp l’agghia azzuppà d kp ndò carrèll daa spès.





Sepolcri, bizzoche e vicchiarìll

29 03 2013

Ieri siamo andato a fare i sepolcri. Efèss e quanda risate che ciamm fatt. Stèmm au stadij io e Tonìn, che il Foggia ha vind cu cittièll campania (e ci facciamo le feste più tranquilli), e ci stavamo sfunnànn cu borghètt. E inzò m’arriv la telefonata da Samànd: “Luigi vieni ai sepolcri?” Kessò? I s’bbùlkr? Mamm da quanda timb che nn mii fazz, ero piccolino che stèv mia nonna che s vulèv semb fà sti cazz d s’bbùlkr e ogne ànn, ind a na iurn’t, facèv kiù kilòmtr io della cindvindisètt d papà… robb che ci volevano i cup’rtùn sott e scarp! Cum a Ronaldo nella pubblicità daa Pirèll.
E inzò io non ci volevo andare, però uì, mica ci putèv dic’ d no a Samànd? E allòr mi ha convinto e ciagghi ditt che andavo. Però pò ho fatto venire pure a Tonìn che accussì almèn mi facevo quatt rìs. E inzò turnànn turnànn abbiamo ingappato a Lilìn e Robbèrtìn, e quill siccome vèniva pure Dèbbora s’hann attakk’t appriss, sti dui rattùs d mmèrd. Mendr che andavamo da Samànd siamo pure passato p nu negòzzij che stavano le uove di pasqua che ce lo volevo accattare a Samànd. E stèv n’ov gigànd che costava cìnd èur! Kesimmalà! E chi cazz su ccàtt! Allora ciò comprato un uovo più piccolo. E mendr che stèmm là, a nu cert pund Lilìn ha intoppato l’ov gigand e u stèv facènn ammuccà… e allora per non farlo cadere p ndèrr l’ha ingappato con le mani però siccòm che tèn à manuzzèll offès ha fatt na prèsa nu poc acciaffòn e l’ha sfunn’t di lato che s’è sndùt ù rumòr “cràc”. Efèss io e Tonìn a rìd… che poi i padroni del negozio n’hann capìt nind e ce ne siamo andato citt citt. Chissà chi sùù ccàtt quill’ov, efèss e che buk ngp s’adda abbushkà! Adda caccià cind èur p’avè n’ov che è già sfrakan’t!
Comunque vabbù, amm iùt a pigghià a Samànd e a Dèbbora, che stèv Robbertìn caa shkùm mmòkk, atu rapcòn, e abbiamo andato a fare il giro delle chiese. E và a sandànn, e và a sandelìgg’, ai crùce, à cattedr’l, a kkìs di colònn, efèss, nz capèv kiù nind.sepolcri E quanda cazz d bzzòk che stavano, i vikkiarèll cu maccatùr in testa, la folla a catèn. Che pò quist vànn ind ai kkìs e fànn kiù burdèll d quànn vànn ò venerdì… efèss stèv na vikkiarèll che zingriàva con la commàra e ce l’avèv co tutt quand: e vid a quill e cum s’è vstùt, e vid a quill’at e quand è vash, e vid a quill e quand è àvt, e vid a quèll e quand è brutt, e patapìmm e patapàmm… a nu cert pund agghij fatt: “oh, signò, ma t sì vist tù? sì vash, sì brùtt, tìn i baffètt, t fèt pùr à vokk d cipòll, ma che cazz parl a fà condr a l’at?” Efèss si sò girati tutt quand e Samànd s’è ngazz’t con me pkkè ha ditt che quell è peccato e non si dice così alla persona. Ma che cazz m n frèk a me, ata ndrakkìr e bzzòk d mmèrd. Poi vabbù, stèvn quatt vicchiarìll che parlavano di politica. E uno facèv: “quill Bersano ngapish nind! Cheghè iss adda fà ù guèrn? Anè, andò cazz s vol abbià!” e quell’altro che diceva: “oh, vid che à colp è d peppegrìll pkkè nz vòl alleà!” e nateùn facèv: “che alleà, quannè che t n vì da qua! peppegrìll s’adda alleà k quili quatt purk? che nu vid che vonn shkitt magnà?” e un’altro ancora che facèv: “ma kessò! facèss l’alleànz k Berluscòn, accussì grìll s n vc’ affangùl! E ci dann l’imu arrèt!“.
Seeeeeee!! Anè l’imu… ciagghij ditt: “papanò e parè bell! Tu aspìtt semb, che Berluscòn l’imu tu vèn a purtà fin e ind ò tavùt mo ke mùr!” e ce ne siamo andato.
Poi vabbù stèv na kìs che tropp à foll nz putèv trasì… io tenevo da sputà à cingòmm che quando sto co Samànd nn vuole che iètt i cos p ndèrr, e nn stèv mang nu bdòn d mnnèzz, e allora senza farm vdè l’ho menata ind ò còs dell’acquasànd andò che si tràse nella chiesa, tand pò qualche prèvt lo va a pulire mo che cambiano l’acqua. Ma pò chissà se la cambiano l’acqua. Però Tonìn m’ha vist e s’è mis a rid: “mamm, Giggì, ekkekkàzz! Nda l’aqquasànd no!” e ciagghij ditt: “statt citt!! e ndo l’aveva mnà? bidoni ng’n stànn!” e Tonìn ha fatt: “e mìn in arij, accussì!” pigghij e si leva la cingomma sua da mmòkk e la tira in mezzo alla folla! Chissà chi cazz s l’ha abbushk’t! Efèss e quanda risate, cì cì…
Alla fine ce ne siamo andato e ciàmm fatt nu tre o quatt bìrròzz alla ghiacciaia, sgurruttiànn sgurruttiànn!
Onèst, a sti s’bbùlkr quist’ann mi sono divertito.





Accattàtv i pàààlm!!!

25 03 2013

Efèss siamo andato a vendere le palme domenica! Lilìn tèn l’industria delle palme a catèn d mondàgg’ che s’arròbb i rami d vulìv dai cambàgn (che pò ce li porta pure Giuànn dalla campagna sua) poi s’arròbb à pittùr metallizz’t d’òr e d’argènd e ci mettiamo a pittarle, che pò dop che s’asciugano i mttìm nelle buste di plastica che sììì frek pur quell, ci mettiamo il fiocchettino e la preghierina che sii frèk da ind a kokke kkìs, e poi le vendiamo in mezz alla strada, vicino a ndo che si mette con la barracchèlla p vènn i tricchettràkk.
Però a sta bott mi sono portato la 127 che mi sedevo da dentro pkkè a stà semb allmbìd l’anno scors m’agghij rutt u cazz. Che poi con le cassette di musica da discotèk efèss il ritmo a trecìnd vàtt: tand che facèv a vibbrazziòn, le palme s mttèvn a cammnà sòp ò bangòn e se ne andavano p ndèrr, kesimmalà!
E inzò stèv Lilìn che lucculava: “i pàààlm!! accattatv i pàààlm!” e si menava imbaccia al semaforo p vènn i palm a quill che stèvn fèrm col rosso. Però nisciùn si vulèv accattà pkkè soldi nginnànn che sta la crisi accatèn e la gente non ce la fa. Che pò Lilìn è nu rabbìn che tèn i prèzz tropp àvt: efèss e quanda gènd che saa vulèv accattà la palma però pò sentiva il prezzo e s n fuièv senz aspettà nemmàng che ascèv ù vèrd!!palm
Cioddètto a Lilìn: “oh pngò se n’avash i prezz ndabbushk nind ogg, e nz fatìg” e quill facèv “ma ciamm fatt ù mazz p farl sti palm” e io cioddètt “oh e meno male che nee pag’t nu cazz e t sì frkt tutt cos, i palm, à pittùr, i bust, i preghìr… stàt scurz! Metti l’offerta 3-4 palm a cinghèur e vid cum sii ccàtt’n
E quando ha provato così la gend se le accattàva pkkè pò stann quill che ce le portano alla siròga, ai cainàti, ai papanònn e a tutt à razza lòr… però pur accussì si fatigàva troppo poco. E quill Lilìn s pigghij’v vlèn…
A nu cert pund è passato uno e ha fatt: “oh ma se tenete i prezzi così alti non le vendete mai perchè sta uno qui dietro l’angolo che le vende a meno di voi“. Kessòòò!!???!! Tann stèss Lilìn che si abbììa e si affaccia au pizz dàà str’d e accummenz a gastmà i murt e i stramùrt che stavano due senza bangtìll e senza nind che vendevano le palme senza permèss, makkeveramè! Ciamm mis a fà allìt, stèv Lilìn che su vulèv magnà. Che poi eranno due uagliùttèlli pingoni, che facèvn “eh ma pur nuij amma fadgà, e mica la strada è la tua, e patapìmm, e patapàmm…” Mamm e quanda shkàff che s’hann abbushk’t. Si devono imparare che sti fatt nz fann che se stiamo già noi là nn ponn vnì pur lòr sinnò non ci fanno fadgà. Quist è cum ù fatt du parchegg’ arrèt ò cimitèr u iùrn dii murt. E che cazz!
Poi a nu cert pund sò passati dui criaturìll che si volevano frecare le palme dal bancone e Lilìn che i fuièv apprìss, nz capèv kiù nind. Uno faceva la parte che s vulèv frkà le palme, e quando Lilìn si menava a fà l’inseguimend, l’altro veniva e se le frecava daveramend. Che poi mendr che li fuièva appresso è ingiambicato e s’è accapputt’t lung lung p ndèrr che natupòc facèv nu buc ind a strd e ascèv ù petrolij!!! Cazz e Lilìn, sta propio ingrippato.
Alla fine è vnùt Tonìn attàrd attàrd che quill la sera prima s’avrà iùt a fà qualche frecata co qualche femmn e ha fatt tard… tnèv angòr i scazzìll imbaccia a l’ukkij. Però Tonìn ten l’indeliggènz e ha ditt a Lilìn: “Lino, angàpp nu sett ott uagliùn e dacci un po’ di palme che si vann a vènn casa casa, fatt dà n’eur a palm e poi se le vendono cum cazz vonn lor! Però tu indand t fikk i sold ind a sakk!
Oh, ha fatt accussì e ha ingappato a quill che avevamo paliàto prima e a bott d shkàff l’ha convind a accattars i palm a un euro e poi se le rivendevano. Che pò io ho fatto: “vabbù daccìll pure a ciguanda cendesm“. E inzò ndannìnd le abbiamo vendute tutte che stèvn tutt sti criatur che se le venivano a prendere a dieci a dieci… Alla fine Tonìn ha trovato pure un amico suo che si chiama Teodòr che le vendeva e se le aveva finite e s’è vnùt a pigghià tutt quill che erano rimaste pkkè ha ditt che teneva da vendere. Lilìn ce le ha sganciate a trènd cendèsm, efèss quanda sold s’è fatt.
Io mi sono stipato un po’ di palme che ce l’agghij purt’t a Samànd e a mammà. Nzomm, tra le palme la mattina, i trùkkl d mammà ca brashòl, il Foggia che ha pareggiato a Brindisi, e la frekata co Samànd la sera, è st’t na dumènk dii palm propij d luss!!!
Però sò vindànn che angòr n’agghij capìt nu fatt: pkkè s kiamn i palm se pò i frònn d l’aulìv? Che at cazz d fatt!





Fgùr d mmèrd a l’ipercòpp

15 03 2013

Allora l’altro giorno siamo andato a fare la spesa che Giuànn ha organizzato una sera in campagna a magnà e vèv (e pur a frkà se esh kokkekkòs) così putìm stà tutt nzimm. E inzò avemma fà nu poc d spès, e avemma iè io e Tonino a accattà robb d patatìn, poppcò, la rangiàta e cocacòl e cos accussì. Pò se u timb è bun, e s pot fà à furnacèll, accattiamo pur i caravùn e i zavzikkij. Tonìn ha fatt: “oh vdìm pur se facim asci nu pakk d copripìng dai sold daa spès accussì s sparàgn kokkekkòs” e cioddètto: “kessò, kevvifacènn… le frecate s fann a crùd, senza nind! Anè!
Però pò abbiamo ingappato a Lilìn e s’è attakk’t apprìss e ce lo siamo voluto portare pur a iss a fà à spès. E inzò abbiamo preso la 127 e ce ne siamo andato all’ipercòpp sgummànn sgummànn. Efèss nel parcheggio stèv ficcànn sott a nu nèr, che quill stànn semb là a cacà u càzz che vonn i sold. I vulèss accìd a tutt quand! Sono parcheggiato, sò sceso e ciagghij ditt: “Oh, kundakì! P stavòt t’agghij vulut scanzà, ma a prossma vot t pass p sòp e t lass d facc’ ind àà sfàlt tutto acciaccato!”. E m’hann vulut ammandnè che sinnò l’aveva sfrandumà, e la faccia da nèr cia facèv rosh d sang. A me sti cazz d nìr m stann sop ò cazz tranne quill che parl fugg’n e dice che teng i sold sott ò matòn e tèn u tavl ki ciamb all’arij, che quill è simbatico e u vogghij ben. Però fèt a kn’murt!
E inzò siamo entrato all’ipercòpp e stèmm vdènn che putemm accattà. E mendr che stèv cummattènn imbaccia agli scaffali piglia e va Tonino e fà: “maaa! vid a Manuzzella 2 – la vendetta!!“. M’aggìr e ved che stava uno che teneva la mano finta… mamm facèv mbressiòn che assummègghij che tnèv la mano come i manikìn che stann ind ai vetrìn dii negòzzij… kesimmalà! Che pò sta cazz d mano finta èr kiù abbrunz’t dell’altra mano vera… e la teneva lustralùstr. Ci volevo dire “cumbà che t mìtt ù gràss d fòk au post daa leocrèm?” però mi sono stato cìtt angòr che quill saa putèv pigghià a fort, che già a stà senza mano adda ess trist… Cioddètto a Tonìn: “madò povrìll quill cum cazz fc’ a farci i ditalìn ai femmn?” E Tonìn ha fatt: “con l’altra mano“… E cioddetto: “Eh, però pò nz ponn fà doij còs nzìmm, tipo che ci puoi shkaffà pur ù dìt mmòkk mendr che shkàma cum a na pork, che alle femmine ci piace il dito in bocca. T’immaggini ci shkàff la mano finta mmòkk e c spàkk i dind!“. Efèss e quanda risate che ciamm fàtt. Che poi Tonìn facèv: “ma tu t’immaggini che vol tuccà àà migghièr e tèn la mano ghiacciata e à migghièr s shkànd e u mann affangùl“… madò, cì cì, nat poc e u rirèmm mbacc’ a qulu povrìll. Che poi stèv pur Lilìn Manuzzèll e Tonino sfuttèv pur a Lilìn e facèv: “Oh ma tu se te fà nu man’k te lo fai con la mano offèsa?” Kesimmalà! Che pò quann attakk à ridarèll non la finiamo più…
E inzò, a nu cert pund amm vist che stèv quist che mendr che stèv pigghiànn nu cos, stèv facènn cadè tutt cos ndèrr e p nn fà cadè i cos ndèrr s’è messo a mantenere con tutte e due le mani… però una mano era finta e tenev difficoltà a mandnè tutt cos. E allòr io lo volevo far aiutare da Lilìn e l’ho vottato e ho fatto: “Oh Lilì, DACCI UNA MANO A QUEL SIGNORE!” però non l’ho fatto appòst, non me ne sono accorto che er na battùt, che quill la mano era finta e Lilìn peggiangòr che la tiene offesa. Pigghij e Tonìn accummenz a rìd che gli sono uscite le lacrime… Agghij vist che quill mo si accappottàva e Lilìn che lo voleva aiutare ma con la manuzzella offès andò s’aveva abbià…
Inzòmm nu burdell, alla fine sò cadùt tutt i cazz p ndèrr però stavano le altre persone che hanno aiutato a ricogghij da ndèrr tutt còs. Mammamà però che fgùr d mmèrd che amm fatt! Efèss Tonino con le lacrime a l’ukkij pure dopo che amm asciùt dalla cassa a pagare, naa finèmm kiù!!
Mi diverto troppo assai co Tonìn!





Lilìn e le “pietre” di Matera…

10 03 2013

A sta bòtt ciamm addvrtùt. Siamo andato a Matera che con la scusa che avemma iè a vdè ù Fogg’  e amm fatt la scambagnata. Efèss e quandebbèll Matèr!
Tonìn ha avuto una bella idea pkkè ù timb èr pur bùn, stèv ù sòl, ci siamo abbiato dalla mattina pkkè accussì putèmm vdè i fatti belli che stann a Matèr.sassi1 Che quill Tonìn s’p tutt i cazz e allora venerdì m’avev ditt: “oh Giggì se ci abbiìàmo dalla mattina putìm iè a vdè i sassi di Matèr” e io ci avevo detto: “e che càzz ciamma abbià a fà daa matìn? p iè a vdè i fricciùn a Matèr?” però Tonìn mi ha spiegato che è nu fattappòst di città vecchia che è tog e vanno un sacco di gente a vederli e che hann fatt pur ù film sop a G’S’Crìst, quill cò Melghìbso che nz capìsh nu cazz d nind pkkè parlano giargianès… E inzò ciamm organizzato e abbiamo fatto due macchine che sò vnùt pur Samànd e Dèbbora e pò è vnùt pur Lilìn, Robbertìn e Annarita, l’amica di Samànd che tèn i gattarìll. Però è vnùt senza gattarìll che sinnò a Lilìn u facèmm murì paa str’d!
E inzò abbiamo fatto cum se fòss che èr na pasquètt che ognun ha portato kokkekkòs da magnà, io sono fatto fare i trùkkl da mammà, Tonìn ha purt’t i brashòl, Samànd e Dèbbora hann fatt nu dolc’, quill’at hanno portato da vèv, Lilìn le birre, Robbertìn ù borghètt… inzò sti fatt accussì.
Che poi stèv facènn allìt co Robbertìn pkkè facèv ù babbiòn che s vulèv fà ù viagg’ nella stessa macchina co Dèbbora e ciagghj ditt: “Samànd e Debbòra anna vnì k me e Tonìn, tu vavattìnn co Lilìn, Giuànn e quill’at pngòn du cumbagn d Tonìn che se sbaglia strada ve ne andate pur affangùl… e statv attìnd che se Lilìn s mett a fà i lòff sò cazzavùstr”.
Che poi ciamm shkatt’t da i rìs pkkè Tonìn ha fatt: “stavòt nginnànn nè autostrada e nè autogrìll, perciò se a Lilìn ì scàpp da cacà s’adda iè a mnà mizz à cambàgn!”.
Ciamm fatt nu viagg’ tropp bell con le canzoni di Giggi D’Alèssij e Gianni Celèst a manètt e a cantare tutti insieme nella macchina, stc’ Dèbbora che fc’ paùr a candà, ciagghij ditt: “oh ma pkkè non vai a ìskfàcto a candà? che quill t pigghij’n”… Che poi se a pigghij’n non è pkkè s’p candà ma pkkè è bòn… efèss e quand è tost!
Alla fine siamo arrivato a Matèr e io tnèv già à cialàng e ho cacciato i trukkl d mammà e m’agghij mis a magnà sop à cappòtt daa makn caa birròzz affiàng. A nu cert pund sò passati due e guardàvn, è iùt ùn e ha fatt: “efèss che at zannìr a magnà sop à makn, quist è d Fogg’, ciamma fà semb accanòsh!” e m’ha fatt tuccà d nìrv e ciagghij ditt: “oh stubbtò kettìn kokkepprobblè? Parl mbacc’ se sì bun!” e quello s’è avvilacchiato e guardava senza parlà. Sò andato che ù vulèv sfracanà però Samànd e vnùt e ha fatt: “Luigi se alzi le mani mi arrabbio e me ne torno a Foggia, m fazz accumbagnà da Saverio” Kesimmalà! Saverio è ù cumbagn d Tonìn, quill che si perde sempre e sbaglia strada. E allòr agghij ditt: “mè, proprij pkkè me l’ha kìst à uagliòn, p stavòt t sì salv’t. Però à prossma vot v paliè a tutteddùij”
Poi ci siamo sfracanati cu borghètt e pò vulèmm iè a vdè sti cazz d sassi d Matèr che non sapevamo da ndò che si và. E inzò è andato Lilìn che vulèv fà ù tust e ha fermato a uno che passava e ha fatt: “scus giovane! stèmm cercànn le pietre di Matera, andò stànn?” efèss io e Tonino stèmm shkattànn dai rìs che quello Lilìn si penzava che i sassi sò i fricciùn! Che fgùr d mmèrd che ha fatt!     sassi2
Nzomm amm iùt a vdè sti sàss e sò bell, sono come se fòss le case, però ind à mundàgn, tipo i gròtt che stànn a Borgocrò che s’ascènn abbash, solo che là nn s’ascènn abbash, stànn a livèll con la strada. Che poi dice che le case da ind sò frèshk e non serve nemmàng u climatizzatòr. Mamm quand è tog!
E inzò alla fine amm iùt pur allo stadio che a cul a cul abbiamo trovato a uno che ièv regalànn i bigliètt che fors a Matèr s’adda iè a vutà, boh, che n sacc’… e inzò non abbiamo nemmang pagato. Vabbù, io non ho mai pagato nemmang l’ati vot pkkè fazz semb ù scavàlk. Però a trasì cu bigliètt è divertente.
Er nu fatt bell pkkè stava la festa p Franco Mancini che mi sono pure commozzionàto. E alla fine amm fatt pur 1-1 però Tonìn ha ditt che il Foggia doveva vincere pkkè mò i pleiòff i vdìm cu binòkl.
Comunque è stata una bella giornata, solo che alla fine aveva succèd p forz kokkekkòs… e à colp d chi è? Semb duu cumbàgn d Tonìn, qulu pngòn. Ha bucato à ròt daa makn e si sono fermati sòp à vèij d Candèl. Mi chiama Giuànn ù cambagnùl piglia e fa: “Gino, s’è buk’t à gomm…” Efèss… povr Giuànn, ciagghij ditt: “vid che pui fà p cagnà sta ròt, ma nd facènn aiutà da nisciùn che quill fann shkitt dammagg! Quill stann nguaij’t kii prèt, anzi, coi sassi!”
Mò u fatt… quill si avevano accocchiàti bun bun: u cumbàgn d Tonìn è nu pngòn, Lilìn tèn a manuzzèll offès e nn s’p svità mang nu bullòn, Robbertìn Ukkijstùrt nn vèd nu cazz, che quill guardammè e neruèr. Però onèst, meno male che stèv Giuànn sinnò s’avevna attaccà ò cazz!!!
Onèst, Matera è bell… mi sono addicriàto.





La mimosa non si compra, si prende dall’albero!

8 03 2013

L’altro giorno stèv nzimm a Tonìn che avemma fà un servizio a nu cumbàgn che gli servivano i gèmm daa golf e avemma truà na golf p shkuppiaracìll… e inzò passànn passànn agghij vist nu giardinètt di una casa a pianotèrr che stèv l’albr dii mimòs. E allòr ciagghij ditt a Tonìn: “Oh, vid là! amma fà nu scavàlk che accussì c’ mettìm a stukkà nu settòtt ramètt d mimòs? Ci vulèss purtà a mammà, a sor’m e a Samànd”
E Tonìn che è semb indeliggènd ha fatto: “Sì però mò è iùrn, stànn troppi ukkij… amma vnì caa scurèij” E allor siamo andato a chiamà pur a Giuànn ù cambagnùl che quill tèn à cambàgn e s’p cum s cummàtt imbaccia a l’albr, shkitt che sànn vulùt attaccà appriss pur Lilìn Manuzzèll e Robbertìn Ukkijsturt. Che at cacamind d cazz! I fatt, kiù i vui fà alla muccìna e kiù eshn i cacacazz p nnànz!

l'albr d mimòs che amm iùt a fà

L’alb’r d mimòs che amm iùt a fà

E inzò la sera ciamm mis nella 127 tutt e cing che i gòmm assummegghij che si avevano sgonfiato, e nateppòc e s sfrendumàvn i sospenziùn, co la mortizzatòra tutt acciakk’t a prssiòn!! Efèss e che assètt ribbassato che tnèv a cindvindisètt… chi veniva d rmbètt si penzava che tnèv l’abbagliànd appicciati e ognevvòt mi lampeggiavano e ciaveva fà vdè cum ern daveramènd l’abbagliand, che quando li accendo s fc’ iùrn… kesimmalà!!!
E inzò siamo andato andò che stèv stu giardìn e stèv Giuànn ù cambagnùl che s’er purt’t à cesòij’ che serv p putà l’albr daa cambàgn… efèss e quand’èr, na sort d sbatakkij!!
Mò il problema però è che avemma scavalcà e quill Lilìn stc’ nguaij’t che tèn à manuzzèll offès e s vc’ shkitt accapputtànn… p nn parlà d Robbertìn che già u iùrn nn ved nu cazz che guardammè e neruèr, e con la scurììa nn ved proprij nind kiù. Che io ce l’avevo pure detto che s’avevna stà fòr, pure p fà il palo angòr pass kokke battuglij d polizzèij e carabbnìr.
E vabbù amm fatt scavalcà a Lilìn che quill pesa cindtrenda kìn e s’arravogghij, e s’è pur strazz’t u cavzòn pkkè imbaccia al cangello stèvn i spndùn e ha accumnz’t a gastmà i murt e i stramùrt. Ciagghij ditt: “Oh Lilì, keghè vùij pur ù megàfn accussì t fì assènd bun bun da tutt ù palàzz?” e s’è stato citt citt.
E inzò amm iùt imbaccia all’albero e Giuànn s’è mìs a putà cum e na maknètt, stukk aqquà, stukk allà, sti cazz d mimòs che cadèvn subbt subbt. Mò però ù fatt è che nzimm a me, pur Tonìn s vulèv pigghià na mimòs per la madre, e Giuànn ha fatt: “mè dà, vist che stìm mo mi fazz pur èij dui o tre mimòs” e nzè capìt kiù nind! Manuzzèll vulèv i mimòs p tutt à famiglij, pii cumbàgn, pà nanònn… ciu vulèv dic’ “co tutt sti mimòs che t vui frkà t pui aprì nu negòzzij da fioraio“… e pò giustamènd ha accumnz’t pur Robbertìn a romb u càzz che vulèv pur iss i mimòs e ciagghij ditt: “a chi cia vui regalà? a Dèbborà? tand quell nd vòl, ndabbushk nind
Però siccòm cacàvn ù cazz, a nu cert pund m’agghij mis nrvùs e agghij ditt: “mè, allòr facim accussì che ci spicciamo prima” e magghij appìs a un ramo più grande assai e tropp ù pès s’è spezzato, efèss e che ramakkiòn unopèzzo!!! Agghij pur pigghij’t nu squacciatòn! Amm shkatt’t a rìd tutt quand e ce ne siamo scappato, Tonìn con le mimose, io col ramakkiòne unopèzzo e Giuànn caa cesòij. Mò dico io, nuij che tnèmm tutt sti mbicc’ p nanz, mimòs e tutt, abbiamo andato ritt ritt al muretto cu cangìll senza anduppà da nisciuna vànn e senza accapputtàrc’. Invece quill’at e dduij pngùn d Lilìn e Robbertìn che non tenevano niente, s’hann iùt a ficcà ind a na furnacèll che stèv ndo giardinètt che nella scurììa non l’hanno vista e l’hann fatt ammuccà… sbadabàmm! efèss e che dammàgg, assummegghij che stèv passànn à band kii tamburr e kii piàtt, mamm ù burdèll, s’è sndùt nda tutt ù quartìr…
Che pò Lilìn ha accumnz’t a gastmà e Robbèrtìn che ngapèv kiù nind… agghij fatt vicìn a Tonìn: “Onèst, Tonì, sti duij sò kiù ndònd duu cumbagn tuij, quill dii trasfèrt!
Nzomm alla fine agghij mn’t stu ramakkiòn àà vèij d fòr e ho aiutato a Manuzzèll a scavalcà, che s’è strazz’t pur ù giubbòtt e non la finiva più di menare le gastème e facèv: “ù bomberìn! s’è strazz’t ù bomberìn!“. Ciàmm shkaff’t nda cindvindisètt e ce ne siamo andato sgummànn sgummànn. Anzi no, che cazz aveva sgummà che stèvn i pesi massimi ind à makn e s n ièv sottosfòrz!
Che pò Lilìn amm scopèrt che è allergico pùr alla mimosa pkkè tra na gastèm e n’at ha accumnz’t a mnà i starnùt cu nebulizzatòr peggio di quando stèv cu gattarìll… mi avrà pure imbestato il sedile, vafammòkk!





Angàpp u gattarìll, oh!

4 03 2013

L’altra sera m’agghij krp’t da i rìs!! Kesimmalà, amm cumbn’t nàt dammàgg’. Vabbù, no io… è semb Lilìn che fc’ i burdèll. Praticamènd io e Tonìn siamo andato a prendere a Samànd e a Dèbbora a casa loro, e pò Lilìn Manuzzèll e Giuànn ù cambagnùl sò iùt a pigghià a Robbertìn Ukkijstùrt e ci avevamo dato l’appundamènd annanz a D’Alòij pkkè siccome che avemma iè a casa di un’amica di Samànd, avemma purtà kokkekkòs p magnà tutt anzìmm. E inzò siamo passato da D’Alòij’, amm accatt’t nu poc d panìn comblèt, birr e patatìn accatèn e pò siamo andato da quest’amica di Samànd che si chiama Annarita.
Mo questaqquà agàbbt al primo piano però ù palàzz è vekkij e non tiene la scenzòra e allòr amm vulùt anghianà allappìd. E Debbora è ingiambicata per le scale e ha fatt squaccià na treqquàrt d Peròn e s’è fatt ù lavaròn d birr e d vètr che la scalinata s’è imbruscinata d fit d bìrr che assummegghij che stèmm abbash à candìn d P’ppùzz! E già per le scale io e Tonìn ciamm shkatt’t d rìs. Ma u bell aveva angòr vnì pkkè sta cumbàgn d Samànd tèn i gattarìll e ci abbiamo dato la morte. No che l’amm accìs, però uì, nat poc…
Che poi Lilìn ha accumnz’t a fà i starnùt che se u tnìv d rmbètt faccia frònd e nd stìv attìnd t facèv pur ù lavaròn cu nebulizzatòr. E allòr Annarita ha fatt: “forse sei allergico al pelo del micio” e io ho detto: “mè, quill Lilìn è allergico nu poc a tutt i pìl, specialmend a quill dii ciànn frustìr” e ci siamo shkattati dalle risate.

gatto

ù gattarìll di Annarita

Pure Annarita rideva, che quell è na uagliòna tranguill e s pot pazzià. Le amiche di Samànd sò uagliòn a uglij’, nn sò cum e quell tutt perfettìn che se la tirano e t guardn da sop a sott cum se foss che lor sò megghij. E pò vì a vdè e sò i megghij zannìr e bugl da combetizziòn.
E inzò stèvn sti cazz d gattarìll che ièvn cammnann casa casa e Robbertìn che ngapish nind e vulev fà ù bùn annànz a Dèbbora (che quill saa vol fà) è andato che u vulèv pigghià per accarezzàrlo. Ma quill u gattarìll nz fc pigghià, e lo ha rangicato sulla mano e ha fatt pur la faccia tutta ngazz’t. Poi vabbè ce ne siamo andato nu poc fòr ò balcòn pkkè Lilìn a bott d starnùt s n stèv iènn in coma respiratòrij e ciamm mis a magnà u panìn e le patatine. Pigghij e u gattarìll è vnùt fòr ò balcòn, kesimmalà! Ièv appriss appriss a Lilìn! Agghij ditt: “oh Lilì, quill t vol assassnà pkkè ha capìt che i starnùt à colp è a suij!”.
Pò ci vulèmm fà magnà i patatìn d D’Alòij ò gatt, cu cecàpp e caa maionès… kesimmalà! Efèss e cum u stemm cumbnànn… Che pò è andato Manuzzèl e ha ditt: “mamm stu gattarìll mò se nz n trs ind u meng abbàsh!” e io cioddètto: “tand pùr se u min abbash nn mòr” e Lilìn ha fatt: “Kessò? nn mòr? quist s sfrandumèij!” e allor ciò spiegato il fatto che i gàtt quann i min da sopebbash stànn i ciamb che sò cum e l’ammortizzatòr che rimbàlz e non si fanno niente. E pò è andato Tonìn pigghij e ha fatt: “che pò i gatt ten’n sette vite, pur se i ccìd s sveglij’n natavòt… p’accidìrl bun l’è accìd sett vòt! Addummànn a Annarìta, quanda vòt è murt stu gattarìll?”
E inzò Lilìn che se la credeva, che poi è arrivato Giuànn ù cambagnul che quill ten pur iss i gattarìll in cambagn e ha detto che pure i gatti suoi hann murt tre o quatt vòt che addirittur na vot a nu gattarìll l’ha pass’t p sop co l’aràtr e quist camb angòr.
A nu cert pund Lilìn ha fatt: “mè, allòr a quist ù pozz mnà abbash” pigghij e ci mena il calcio al gattarello che stava vicìn ai sbarr du balcòn!! Mamm agghij vist a stu gattarìll che è partìt cum a nu razz e s n’è iùt abbash cum e na chiangètt e mendr cadèv ha putùt mnà nu luccul “MIIAAAAAOOOOO!!!!” e meno male che stèmm al primo piano. Amm vist stu gatt che s’è iùt a sfrandumà p ndèrr però a cul a cul è caduto dritto e ha fatt l’ammortizzatòr ki ciamb. Però pò dop camminava tutt sturt che fors s’è fatto male.
Cì cì, l’amm vulùt iè a pigghià d fuij abbash nzimm a Annarita che s’è pigghij’t nu shkand e ciamm vulùt accundà che il gatto è caduto da sùl, ma chissà se ciavrà crdùt. Nzomm alla fine u gattarìl s’è solo shkandato e forse s’è azzoppato un pò la zampa. Megghij accussì, sinnò a Samànd chi cazz a vol send… quell m fc’ semb i paranò, che pò io mang nind agghij fatt…
Cert però che Lilìn è proprij manicòmij’!





Le paranoie dopo il cannone

2 03 2013

notte– oh, Tonì
– òòòua!
– ma sarà stu cannòn che m’ha fatt n’effett str’n stasèr…
– pkkè? keghè?
-sacc’… teng i paranò…
– ke paranò?
– boh, sull’amore
– makkeveramè?
– eh… peresèmbij, secondo te keghè l’amore?
– ummadonnamèij Gino, che t sì vist ì cìnm du Titànic?
– mè, stubbtò! serio…
– e che n sacc’… l’amore è quann vuij a na fèmmn, quann à pinz semb, appèn t svìgl à matìn e prim d iè a kork à sèr, e vularrìss stà semb nzìmm…
– …e taa vularrìss fà…
– eccèrt!
– e mannaggiakkitammù
– keghè?
– che maa vulèss semb fà
– a Samànd?
– no, a stu càzz! eccèrt che è a Samànd
– ahahahahah
– eh, tu rìd… qua ù cazz duu fàtt è serij’…
– ma scus qual è u probblèm?
– che quell s pènz che maa vogghij shkitt fà
– e che neruè?
– sì, eruè ke ma vogghij fà… però a vogghij pur bèn
– embè e qual è u probblèm?
– e u probblèm è che non va bene, che pò quell se s n’accorg’ s pigghij àà bbùs
– à bbùs?
– e sì, angòr pò s mett che vol semb cumannà… e se vol qualche cos, io poi ngia fàzz a dic’ d no
– maaaaaaaa!!!!
– oh pngò, nn sfuttènn mò…
– no no, oh però te stà attind a stu fàtt… nu cumbagn mèij è addvnd’t tropp ciannarèll p colp daa uagliòn
– aaveramè?
– evò! quell suu tèn cum a nu cacciunìll… prim facèv tutt ù tust. Mò invece, cum quell u cumànn, iss subbt scatt sop a l’attènd!! E suu port cu guinzàglij
– madò che brutta fìn ha fatt…
– mè che pur tu e iè a fnèsh accussì
– kesimmalà!
– e mo che vìd…
– e parè bell, aspìtt tu!
– però secondo me Samànd t vol bèn pur ess a te, e i pìd ngp non te li mette
– eruè?
– sì, và tranguill… pinz àà salùt!
– …e a frkà!
– e capìt bun!

Tonìn è troppo saggio accatèn. Efèss e che cumbagnòn.