U chiachìll che vulèv mbarà ò mast

30 05 2013

L’altro giorno m’agghij fatt nu sakk d rìs! Ciagghij iùt a purtà na còs a ziànm che quill fc’ u frabbcatòr e fatìg sòp ò candìr e nz pot mòv p iè facènn srvìzzij. E inzò agghij iùt fin e ind ò candìr che stànn avzànn nu palàzz. E stèv mio zio che mttèv i fìrr per fare la fondamènda che poi s’ammònd à cascitèll di legno e si deve sduvacare il cemendo dadèndro.muratore2
E inzò, mendr che stèv là, pigghij e viene nu pngòn, aveva ess nu uagliuttìll d quill che vanno alle scuole e s penzn che lòr capishn tutt cos ma pò ngapishn nu cazz d nind. E questo piglia si mette allàmbàcc’ e guardava, e guardava… e ziànm fadg’v che metteva i ferri. Piglia e questo piglia e fà: “Scusi, posso farle una domanda? perchè i tondini li mette così?“.
Va mio zio, s mbònd d fadgà, agàvz à kp, u guàrd, pigghij e fà: “giovane, ma tu chi sì?
E quello pigghij e fc tutt cundènd: “io sono uno studente di ingegneria edile, sono qui in cantiere per uno stèigg’…” (sacc’ che cazz è stu stègg’, n’agghij capit) e mio zio che dice: “embè e che t sèrv?“. Onèst, a me già m vnèv da rìd pkkè avèv capìt che ziànm u stèv pigghiànn p cul… Però quill n’avev capit nind e continuava: “no, è che notavo che lei sta mettendo i tondini in maniera differente da come è previsto dai calcoli nel progetto e mi chiedevo il motivo…” Efèss, mio zio che guardava a me e si mandeneva la rìsa pigghij e facèv: “ma a te chi t mànn?“. E quill facèv: “beh, l’ingegnere ci ha spiegato che le forze statiche, il momento flettente, il momento d’inerzia, … patapìmm… e patapàmm…” e na vulèv fnèsh kiù, e nz capèv che cazz stèv dicènn!!!
E inzò va mio zio piglia e fà: “Dingìll ò ngignìr che se vol vnì qua, vi dò la cavidarèlla e i fìrr in mano a te e iss, e se sìt bun vu pòt avzà vuij ù palàzz! Che finemmò tutt i palàzz che agghij avzt, stànn angòr allmbìd! Se u vui avzà tu, statt tranguill che scufflèij prim angòr che t mitt a mbastà a càvc
E quello s ne iùt senza dic’ nemmang kiù na paròl. Efèss e quanda risate che ciamm fàtt! Mio zio che faceva: “Anè, iss m’adda mbarà a me cum s fatìg… tèn angòr ù kiàrf mbacc’ ò n’s e m vol mbarà a me che agàvz i palàzz da cinguandànn, da quann tnèv dudiciànn, e mò n teng sessànd. E i palazzi che alzo io sono ETERNO!! No àmb e quatèrn!!! Etèrn!!!” Inzò m’ha fatt crpà dai rìs.
E mendr che stèmm accussì, pigghij e vèn ù ngignìr!!! Kesimmalà! Qulu babbiòn c’era andato a invamare tutto il fatto, efèss e keppngòn!
Che poi il gegnière ha fatt imbaccia a mio zio: “tutto bene qui? come procede?” e mio zio: “tuttappòst ngignì, comessèmb! I tondini li sto mettendo come sta nel progetto! Vann bun? E sìnnò mica ce li pozzo mettere di un’altra manèra? avèsse già scoffolato tutto!” E ù ngignìr che facèv: “bravo, bravo! bel lavoro, complimenti, di te mi fido. Buon lavoro!” e s nè iùt…
Efèss mio zio che pigghij p cul pur ò ngignìr… ha fatto imbacciammè: “quill nn vol capì cum fatìg, quill vol shkitt ess ditt che u proggètt suij è bun. Ma quill ngapish nind, se èr p ìss usì quanda palàzz avevna cadè? e meno male che stìm nui che sìm mast e canuscìm ù mstìr e ù sapim cum s fatìg. Quill nzè mì allurd’t na vot le mani a stà sòp ò candìr a fadgà, che cazz vol capì“.
Onèst, mio zio è u megghij màst!





Angàpp u motòmm! Angàpp i gallìn!

15 05 2013

Oggi ciavemma vdè à partìt duu Fògg che giocava a Matera. Tonìn vulèv iè, però eravamo già andato ai sassi che Lilìn ciavev fatt fà le risate. Pò siccòm che stèv à partìt a porte chiuse e nn putèmm fà u scavalcamìnd pkkè è difficile che tuu fann fà, e pò stann i polizziòtt che chiudono la strada e còs e còs, allor amm fatt natufàtt kiù tog: siamo andato alla cambagna di Giuànn u cambagnùl che abbiamo mangiato là, ca furnacèll, e pò dop ciamm vist pur à partìt e ciamm sfunn’t d birr e borghètt.
Solo che Lilìn Manuzzèll è tropp ciammattòn e ognevvòt adda cumbnà semb kokke dammàgg… e mendr che stèmm facènn à càrn è vnùt imbaccia alla fornacella e ha indoppàto cu pìd e ha fatt ammuccà tutt còs: efèss à carn p ndèrr e i caravùn da sòp… che è rraggiunà… ce l’abbiamo fatta mangiare a lui quella, s’è mis e se l’è puluzz’t tutta quand, che tand quill s magn pùr i fricciùn, mammamà.
Ha detto Tonino che se a Lilìn ci mitt à mmèrd ndo piàtt s magn pur quèll…
E inzò alla fine stèmm tandabbèll che ciamm mis a vdè à partìt e Tonìn stèv cu sang a l’ukkij che il Foggia aveva fà u gol perchè col pareggio vinceva il Matera, che là u regolamènd è accussì… solo che pò il Matera ha fatt u gol, ma però il Foggia stèv iucann bun… vabbè io n’agghij capìt nind pkkè stèv sfunn’t d borghètt però sentivo che Tonìn si pigliava veleno. motommE inzò a nu cert pund, agghij sndùt a Lilìn che facèv: “maaa quand è tog ù motòmm!!!” e stèv imbaccia al motòmm di Giuànn… efèss e che cazz d motòmm tutto vecchio, però il motore funzion angòr e camin… solo che fc’ rumòr che fors tèn a marmitt tutt abbùk abbùk!!! E inzò sono andato a vdè che cazz stèv cumbnànn Lilìn e quill s’èr mis a fà che vulev appiccià u motòm, solamènd che tenèv i zukkl e non ce la faceva a pidivellàre in mezzo alla pezza arata e si è ammoccato p ndèrr… efèss e quanda risate… Cioddetto: “Pngò vid que quill s’appiccia a cavallètt!” e l’ho aiutato a avzà u motòmm da ndèrr e a metterlo a cavallètt. Che pò a nu cert pund Tonìn ha accumnz’t a gastmà i murt e i stramurt pkkè il Matera avev fatt due a zero. Pure Giuànn s’è pigliato veleno pkkè ha ditt che quill u purtìr è bdòn. E inzò, a nu cert pund agghij sndùt u rumòr du motòm e agghij vist a Lilìn che l’aveva appicciato a cavallètt e stèv allmbìd che menava le sgasate tutt cundènd cum e nu criatùr. Mo siccòm però Lilìn è ciaciùtt, se n’è andato a capannànz mendr che pidivellàva dopo che s’è appicciato il motòmmo. E quando se n’è andato a capannànz, se n’è uscito il cavallètto e a rot d rèt ha toccato p ndèrr. E siccòm che quill tnèv tutto accellerato e fors s’er pur incastrato u fìl dell’accelaratòr, agghij vist che è partìt cum e nu razz e s stèv accapputtànn. Mò nn sacc’ cum cazz ha fatt, però Lilìn se n’è cadut p ndèrr e stu motòmm è rumast allmbìd che fuièv da sul ritt ritt paa cambàgn in mezzo alla pezza aràta, e inzò s’è iut a nzippà ind alla casuccella andò che stànn i gallìn che fann l’ov!!! Mamm u burdèll, ha sfunn’t tutt cos, è trasùt da ind! Lilìn che fuièv apprìss e ci dicèv i paròl e lucculàva cum se foss che u motòm èr nu criatùr che s n’er fuiùt.
Piglia e a nu cert pund sò asciùt pur i gallìn da ind alla casuccèlla e s’hann mis a fuij’ paa cambàgn… e Lilìn apprìss e Giuànn pùr! Efèss e che burdèll. Sono andato pure io e agghij fatt imbaccia a Lilìn: “và, Manuzzè! Fà cum a Rochibbalbòij quann s’allenava che aveva ngappà i gallìn! Vààà! Vutt!!!“. E Lilìn vulèv ingappà al galluccio maschio, però quill è nu bastardòn e s mèn cuu bèkk, e Lilìn si faceva male e menava i gastèm. S’è levato i zukkl che u vulèv dà na bòtt ma senza ucciderlo, shkitt p stubbtìrl, però sta troppo accìso, kesimmalà, nee bun mang a ngappà nu gallucc’. E inzò, mendr che stèmm accussì amm sndùt nu lukkl d Tonìn: “gooooollll!!!” che il Foggia avev fatt u gol. Però nn putèmm iè a vdè perchè dovevamo prima ingappare il galluccio e le galline. Efèss ciamm fatt tutt sudati, io ci menavo la terra appriss alle galline p farl cadè così le ingappavo facile.
Quann amm fatt e siamo tornato, amm vist che il Foggia s’avèv abbushkato nat gol e Tonìn stèv tutt ammashk’t. Ciagghij ditt: “mè, stasèr amm capìt che ciamma iè a mbriacà, sinnò chi cazz t vol send a te“.
Inzò p quist’ann amm fnùt d iè apprìss ò Fogg’.  Mò amma iè apprìss ai gallìn.





Giovanna Dark a Pomigliano d’Ark

5 05 2013

Mè onèst, pur stavòt ciamm fatt nu sakk d rìs. Tonìn ha ditt: “oh amma iè a vdè ù Fogg?” e siccome che i previsiòn erano buone e aveva ascì u iurnatòn, sono detto: “vabbù, andiamo“. Però l’amico di Tonìn è nu pngòn che sbaglia sempre strada, nn è proprij cazz suij a ingarrare sop a cartìn e u tommtòmm. E io ciavevo detto: “Se ogg’ sbagl str’d t paliè!” e quill ha sbagliato strada daveramend! Cioè nui avemma iè a Pomigliano e quill s’è menato sop a via bari. Amm fatt: “oh ma ndo cazz stì iènn?” e quill: “a Polignano! Possiamo andare anche dalla 16 bis perchè è abbastanza scorrev…” non l’ho fatto nemmango finire d parlà che ciagghi nzakk’t nu mafalòn. Cioffatto fermare la macchina e l’agghij fatt ascènn e l’ho paliàto. Stèv Tonìn che m’ammandnèv sinnò l’aveva lassà murt p ndèrr a stu pngòn.
Vabbù comunque pò ciamm ditt che Polignano è natacòs, e che invece nui avemma iè a Pomigliano che sta vicino a Napoli. E siamo andato sop alla via per Candela che pò là putemm pigghià l’autostrada che quill tèn pur ù telepàss.
Che poi Tonìn che s’p tutt i cazz, ha ditt che l’amico suo ci aveva detto che sòp ò camb sportìv sta la stazione del treno e s vèd tutt cos e s ved pur bun. E inzò non dovevamo nemmango fare ù scavalcamend. Per la strada tuttappò, siamo andato pure all’autogrill che stèvn nu sakk d foggiani, efèss u burdèll… tutt convìnd che amma iè ai pleiòff. Però Tonìn ha ditt che non conviene pkkè è difficile a vincere i pleiòffi pkkè s iòk semb in trasfèrt e pure se vinci non è sicùr che ti ripescano. E pur se foss che ti ripescano, è pagà à fideiussiòn a doppij e quill già stann senza sold p fà na serieddì d mmèrd.
E inzò stèv Tonìn che parlava cogli altri tifòsi e stèv pur Teodòr che lo ingappiamo sempre in trasferta. Ha ditt che vulèv ngappà i biscegliesi che vann a Glàdiator sop à vèij d Casèrt, ma non li ha ingappati. Pò ciamm mis natavòt sop alla strada e abbiamo passato annanz a nu paès che si chiama Baiano cum a Ciccio Baiano che iuk’v ndo Fogg! Però è nu paès d mmèrd, kesimmalà, starà kìn kìn d fuss e d mnnèzz.
Inzò alla fine abbiamo arrivato a Polignano e amm vist che si chiama Polignano d’Arco e ha fatt ù cumbagn d Tonìn: “ah, come Giovanna d’Arco!“. Sacc’ chi cazzè sta Giovanna Dark… avradda ess na pornostar, che quell mò s chiamn tutt quand accussì… Anita Dark, Angel Dark…

La foto a Pomigliano colla sciarpa del Foggia

La foto a Pomigliano colla sciarpa del Foggia

Comunque pur Pomigliano fc’ shkìf o cazz, non ci sta niente, ng stc’ mang kiù à Fiàtt, e pò sò tutt napoletani, kesimmalà, brutta razz. E inzò siamo andato alla stazziòne del treno e daveramènd s vèd tutt ù cambètt! Che pò nzimm a noi stèvn pur nat e tre o quatt foggiani che stèmm tutt quand allassòp… efèss u burdèll, assomigliava che stèmm in curv. Ma stèvn pur i napoletani che kokkeùn aveva pigghià ù trenin che là è come se foss na metropolitana che tiene le fermate ind a Napoli. Solo che non sta sottotèrr come alle altre metropolitane ma sta dalla via di sopra cum se foss che è nu pònd che passa sopra alle altre strade. Onèst, abbiamo cacciato ù rutl d past o fùrn pkkè Lilìn troppo la fame nn capèv kiù nind e tnèmm appaùr che si menava a capabbash. E’ nu cialangòn, penz semb a magnà e a cacà.
Poi abbiamo cacciato la bottiglia du borghètt e ciamm sfunn’t… e siccom che facèv cavd accatèn, ci siamo pure tolto la maglietta e ciamm mis a torsonùd! Efèss i foggiani e quanda cipolle che menavano ind ò camb. Tonìn vulev capì pure il risultato del Bisceglie pkkè ha ditt che se il Bisceglie perd, il Foggia va ai pleiòffi. E inzò stèv nu uagliòn che telefonava agli amici suoi a Foggia e ciann ditt che Locàmb stèv facènn u telecronìst dal settore dei foggiani, kesimmalà!
A nu cert pund n’amm capìt kiù nind pkkè è passata na uagliòn che er troppa bbòn e ciamm mis a sfòtt da sòp… stava uno che facèv: “oooohhh!!! BBugliabbù!!! Zukkulòòò!!!” e quèst che facev find che non sentiva… però secondo me sndèv tutt cos e ci piaceva pure, atazò!
Che poi Lilìn n’ha capìt nind pkkè ha fatt: “oh ma quell chi è?” e io ho fatto: “quell è Giovanna!” e Lilìn: “chi è Giovanna?” e io ho detto “Giovanna Dark“. E Lilìn che s’è mis a lucculà: “Giovanna Daaark!!! Giovanna Dàààrk!!! Nammafanìnd?” efèss e cum parèv bell Lilìn k sta tripp da for, iangaiàng che s’èr fatt rosciaròsh e avev rumàst pur ù sègn iàng daa transènn troppo che stèv appoggiato e aveva pigliato il sole.
Poi ha segnato il Pomigliano e Tonìn s’è mis a gastmà i murt e i stramurt pur pkkè ha ditt che il Bisceglie stèv pariggiànn a Gladiatòr. Poi è stato espulso uno del Foggia e Tonìn ha ditt: “m sa che ciu pigghij’m ngul oggi” però pò ha pareggiato il Foggia e alla fine il Bisceglie ha pur pers e ce ne siamo andato festeggiànn festeggiànn. Solo che stèvn i napoletani e è asciùt na mezza rìss… pugn, shkàff e cavc’, nz capèv kiù nind… Lilìn Manuzzèll menava i pugn a mulinèll, efèss e quanda risate m’agghij fatt… stèv nu uagliuttìll che s vulèv mnà commè, ci ho inzaccàto due castagnoni e l’ho stutàto, pò amm vist che stèv kokke sbìrr che stèv arruànn pkkè stann semb i nvamùn che li chiamano, e ce ne siamo andato. Alla fine nee succìss nind e ce ne siamo tornato.
Efèss al semaforo ho acalàto u finestrìn che stava una signora e ho fatto: “Signò, sei di Pomigliano d’Arco? E mè, salutamìll a Giovanna!” e quell ngapèv nind…
Onèst è stata una bella trasferta: il Foggia ha pareggiato, ù Biscegl ha pers, amm iùt ai pleiòff, ciamm pur abbronzato e abbiamo menato pur nu poc d papagnùn.
Che cazz vui di kiù? Ah sì, una frecata. Tand p fst’ggià.
Ciamm fatt il viaggio di ritorno ki finestrìn apìrt che Lilìn spititiàva accatèn, stubbastà… è na cameraggàss!





Primo maggio, primo mare

2 05 2013

Efèss e che primo maggio che ciamm fatt! Siccome che ascèv ù iurnatòn è andato Tonìn pigghij e ha fatt: “ooohhh Gino! Ce namma iè al mare?” Agghij fatt: “onèst! S pot fà!” e allora ci siamo accocchiato co Samànd e co gli altri e ci abbiamo organizzato per andare al mare. Solo che quann arriv che dici: “mè, ndò amma iè?” esh semb ù burdèll pkkè quann stànn i cacacàzz, è difficile a mttìrs daccòrd: e allor vui iè a S’pònd che è vicino, e truv a chi dice che S’pònd non ci piace pkkè l’aqq è lord e sta la catràmma sop à spiagg’, e allòr vui iè a mattinata e a mattinata nèè bbùn pkkè stànn i fricciùn e s sfrakìn ì pid, e allòr vui iè a Ippocàmb e no a ippocamb stànn i zamb’n che t magn’n tutt còs pure la pasta al forno che ti porti, e allòr amma iè a Margherìt, e no, a Margherìt à sabbij còce tropp assai e l’anno scors quill’at s’è ustionato ù pid… e inzò alla fine ndò cazz amma iè? A cambomarìn? No, è lontano… ma vafammòkk io mi avevo già cacato ù cazz. Però siccòm che Tonìn è tropp indeliggènd ha detto: “amma iè a Varcaro che stc’ nu lid andò stànn i fricciùn, i scoglij e pure la sabbia, e ognùn ognùn s mett andò s vol mètt“.varcaro1
E inzò all’appundamènd stèvn tutt quand ma u megghij è semb Lilìn manuzzèll che tnèv sti zukkl tutt conzumati che sarànn vindànn che i tèn, poi teneva ù costum che andava a pressiòn e da sop teneva à cammìs tutta spondata che ascèv sta trippa pelòs iànga iàng da fòr… mamm e ke shkfèzz… che pò i pìd non se li aveva nemmango lavati pkkè fetàvano a cane morto. Tnèv pùr i cusarìll iàng mmizz ai ditìll… lè lè!
Inzò ci abbiamo abbiàto però stèv nu sakk d tràffk, mamm du carmn ekkekkàazz… già al benzinaio stèmm facènn allìt pkkè siccome che stava la fila e uno davanti a noi s’er addurmìt lo abbiamo passato avanti che mica putemm aspttà a iss… e quill vulèv fà allìt: “oh, la fila non si fa? tu sì kiù ritt d l’at?” E già là sono sceso e ci sono andato a menare nu mafalòn.
Poi vabbù ciamm mis sop alla strada e fin e mambrdònij amm iùt bun, e stèvn Samànd e Debbora che candàvn “per quest’anno non cambiare primo maggio primo mare” e si avevano messo ind e rekkij. Poi però a manfredonia stèv l’incolonnamènd… efèss e quanda makn… eravamo rimasto bloccati che chissà quanda timb ci voleva p spiccià. E allòr agghij ditt: “Tonì fà nu fatt, mitt à frècc’ a destr e và sop alla corsia d’emergènz che ce li mangiamo a tutt quand a sti fèss“. E inzò ndannìnd li abbiamo passati a tutt quand, solo che pò alla fine ciavemma mett natavot nella corsia per passare e quili bastard mica ci vulevn fà passà. E’ andato uno che vulèv fà ù grùss piglia e ha fatto: “Sti zannìr! E che noi siamo più fessi di te che ciamma fà à fil e tu e passà annànz?” Vabbù, sono sceso e quill shkitt che ha vist che sono sceso già s’è cacato sott e ha chius tutt cos… Cioddètto: “uè pngò! mò se nn m fì passà t fazz inzeguimènd fin a ndò che vì a azzuppà, e mo ke t firm e ascinn daa makn t lass murt p ndèrr!” E ci ha fatto passare. Anè, iss aveva parlà accussì a me. Atu pngòn!varcaro2
E inzò siamo andato a Varcaro e facèv nu cazz d cavd che stèmm semb nel mare e sotto alla doccia. Che pò ciamm mis pur a pazzià imbaccia alla doccia che ci schizzavamo e bagnavamo a Samànd e Dèbbora, efèss e quanda risate. Che pò quela bastardòn d Dèbbora tnèv nu costùm che er iàng e allora quannè che si bagnava s vdèvn tutt ù piripikkij dii mnnùzz, kesimmalà… Efèss Robbertìn aveva indostato e tnèv à shkùm mmòkk, at rattùs. Cioddètto: “oh vàtt a mnà ind a l’aqq finghè che nn s’ammòsh natavòt pkkè sinnò t cavcièij
Pò stèv Lilìn che er iàng cum e na muzzarèll e si voleva mettere la crema. Agghij fatt: “a te ci vuole à protezziòn cingcìnd sinnò t’appicc’ e t fì cum e nu p’p’rùsh e t’amma purtà allo spedàle“. E inzò caccia stu cos d crèm e se lo doveva spalmare e però Samand ha detto che si deve agitare prima… Mò siccòm che il coso era aperto e qulu pngòn non senavèva accorto, è iùt p aggità e ha schizzato tutt cos… efèss cià allurd’t a tutt quand che Tonìn ha fatt: “madò assummègghi che ciann sburr’t da sop a tutt quand!” efèss e quanda risate che ci abbiamo fatto.
Al ritorno ciamm fatt pure la camminata a S’pònd che stà la pineta e pur ù strush, e stèv nu sakk d ggènd e stèvn pur nu sakk d ciànn… mammamà! Ci abbiamo comprato il gelato e là vicino stèv na buglij che si mangiava ù calìpp che assummegghij che stèv facènn nu pumbìn, efèss e ke zukkulòn da combattimènd!
Poi alla fine s’er fatt la scurìa e ce ne siamo tornato. Stèmm tutt stàng e io tenevo nu sunn, solo che s sndèv uno che cantava i canzùn d vascoròss, mamm e che cacamind d cazz, fin e mezzanòtt e kiù a fastdià che vulèmm iè io e Tonìn fin a scervùdd a farl stutà tutt còs! Giovane, quest è k’p!!!