Il galluccio di ferragosto

15 08 2013

Ieri pomeriggio ci siamo divertito! E’ stato tropp tog accatèn pkkè Giuànn ci aveva detto che putèmm iè ingambàgn a pigghiarci i gallucci per ferragosto e ciamm fatt le rìse accatèn che le galline erano vive e l’avemma ngappà. Ognùn ognùn si ha scelto la sua e facèmm cum e rochibbalbò nel film che adda ngappà ù gallùcc’!!! Efèss qulu babbiòn d Lilìn si penzava che il galluccio è il gallo, quill caa crèstagròss e i còs appès ngànn che è kiù grùss e tèn à cod kiù gròss. galInvece avemma ngappà i gallìn pkkè il gallo è maschio e nz tokk… e pò s mèn mbàcc’, e Lilìn è già la seconda volta che lo va a scongiàre e s’abbushk le pungicàte sòp ai gamm e sulle mani. Kesimmalà, tand che s’èr ingazzato ke ù vulèv accìd a bott d zùkkl ftùs! Cioddètto: “oh vid che e ngappà à gallin, no ù gall, pngò! Che pò se t lìv i zukkl non fai attembo a paliàrl che quill è già murt tropp ù fìt d pìd!“. Lilìn Manuzzèll è troppo mattignòne.
E inzò alla fine si ha scelto la gallina marrò che tnèv na crèst nu poc òffès, cum se foss che tnèv u cappìll… che l’abbiamo messa a nome la gallina manuzzèll. Io invece andavo appresso a quella bianca, e Tonìn ièv apprìss a quella nera, che siccom i crèst sò rosh, quill ha fatt: “ù gallùcc’ rossonèr è ù mèij!! Forzafòòò!!!
E inzò alla fine le abbiamo angappàte e pò ci abbiamo legato le ciambe con la zoca accussì nz n ponn fuij… e ce le abbiamo portate vive che pò mammà l’aveva accìd.
Poi ci abbiamo preso un po’ di cascitelle con le cose ammishkate: prkòk, citrùl, pummadòr, cucuzzìll, p-p-rùsh, mulagn’g e còs e còs… efèss ù cofn daa cindvindisètt stèv kìn kìn e i sospenziùn mò s shkattàvn tropp che era piena! I ròt nat poc e tukkavn sott ò parafang e i gomm stèvn acciaccate. A Lilìn l’agghi fatt assettà annànz pkkè se si assettava arrèt mi faceva imbennàre! ahahahah!
Poi siamo andato da mammà p farci accìd i gallètt: efèss e quand è tog! Sè mìs fuori a casa mia, ci ha tagghiato la gola e l’ha mìs a kpsòtt a sculà ù sang! Che pò quel mattignone di Lilìn si penzava che a putèv accìd a bott d zukkl mbrond, ma mia madre cià spiegato che adda ascì ù sang e se invece l’accìd d subbt poi il sangue non esce tutto e la carne nn è buona. Efèss quanda cazz che s’p mammà!
Poi stava pure mio nipote che quill ci piace a giocare con gli animali, che già con le lumache facèv l’esperimend ca currènd e con le forbicette che ci tagliava le andènne o ci inzaccava gli spilli o ci menava il sale… efèss con le galline che cazz combinava: ci stoccava le penne, oppure ci voleva inzaccàre gli spilli dendrall’òcchio, oppur ci metteva la corrente imbaccia alla cresta coi fili della corrente e la batteria: efèss e che ci tiene mio nipote, kesimmalà! A nu cert pund ha cacciato lo zippo e ci stèv appicciànn i pènn d ngùl!! Agghij vist sul gallùcc che stèv pigghiànn fùk e shkamava “kokkokkokkokòòòò!!!“… Mammamà ciamma stà semb attìnd a quello scornacchiàto di mio nipote, fino a l’utm adda mètt fuk alla casa e rumanìm mizz a na strd.


Azioni

Information

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...




%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: