La pasquetta imbriacatoria

23 04 2014

Stucà! Ciamm fatt na pasquètt d luss proprij!! Abbiamo andato alla cambagna d Giuànn che già avemm iùt lannoscòrs e ci avevamo divertiti accatèn. E inzò quistànn amm fatt unàltra volta accussì. Ma però siccòm che ù timb all’inizio èr cum e u cazz, ci dovevamo mettere al ricòne, e stèv la fanghiglia che il giorno prima e la notte avev kiùppt.
E inzò ci abbiamo imbruscinàto tutt i scarp e i cavzùn ma però ci abbiamo addivertùti lo stesso.
Stèv na furnacèll gigànd che quill Giuànn là costruita lui che si mettono le legne da dentro e s’appiccia il fuoco, e pò s fann i caravùn, e da sòp si mette na cos d griglia cum se foss a quadrettini cum à tèn Paolo u vracìr che fa i panini alla piazzetta. Solo che quell d Giuànn è gigànd!
E inzò stèv à carn accatèn: zavzikkij, turcenìll, paccanìll, pangètt, custatìn, agnìll, capuzzèll, tutt còs!! Poi stèvn i rutl d pastofùrn, lasagn, parmiggiàne, pat’n ò furn, frittate, e còs… efèss e quandarròbb!!!
E pò stèv à robb da vèv accatèn: efèss le tammiggiàne di vino, sanzeverosvèvo, caccemmìtt, i buttigl d limongèll, borghètt, ligùr, amàri… stèv pur la vogda, ù bracàrd, ù rùmm, i grappìn, i uìschi. Io e Tonìn stèmm iucànn cu pallòn e abbiamo andato là dentro per bere che tenevamo asècca, piglia e ciamm truv’t annanz a stu tavl kìn d ròbb da vèv, e inzò n’amm capit kiù nind, ciamm mis a vèv nu poc d quist e nu poc d quill e amm fatt i mmishkammìshk che t fann vnì i cortocircùit ngùrp: e infatti Tonìn dopo ha menato i vomicatoni accatèn. Ma però pure gli altri si hanno imbriacàto: efèss Dèbbora ngapèv kiùnnìnd, ièv cammnànn cum e nu zòmbi che a ogneppàss assomigliava che s’aveva arravugghià e s’aveva accapputtà.grigliata
Invece Lilìn ha fatto i dammaggi che ha fatt cadè la fornacella ma per fortuna angòr nn stèv à carn da sop: quill è pngòn pkkè la griglia quando la metti sop o fuk si fa cocènde, e u stubbtòn a vulev addrizzà kiù dritt e piglia e là inghiappàta con le mani e sè cutt e cè scappata da immàno, che pò iss tèn pur a manuzzèll offès e non è che i cos i pot angappà bun bun. E inzò sè accappottato tutt i fattappòst, e i cristiani si hanno fatto le meglio risate.
Ma pò Lilìn ha fatt angòr n’ati dammaggi che a nu cert pund si aveva imbriacato e piglia e ièv cammnànn co sta bottiglia di vogda in mano e facèv i gest con le mani e la vogda si iettàva tutt p fòr dalla bottiglia e cadeva addosso alle gente e a nu cert pund si è iettàta pure sop alla fornacella: efèss è uscita la fiammata che cià abbruciato tutt i pìl duu vràzz e si è menata pure la vogda sòp à carn!!! Kesimmalà, è proprio mattignòne Lilìno.
Poi stava Robbertìn che teneva da cacare e io cioddètto che putèv iè arrèt all’albero, solo che quill siccome stèv à fanghìgl si scivolava un po’ e pò siccòm che quill stèv pure lui umbò imbriàco, facèv i barcollamèmd!! E inzò è cadut alla via di dietro di culo sop ò cacatòn che stèv facènn e si è allordato tutto di merda e di fanghiglia… kesimmalà, efèss le rìse che ciàmm fatt.
Che poi stèvn pure le amiche femmine di altri amici di Giuànn che avrànn rumàst scandalizzate da tutt quili zannìr che stèvn. Ma però secondo me a quelle pure ci piace il fascino zamàrro perchè ridevano pure loro. Efèss e che ati pork, avranna ess pur nu bell poc bugl tutt quand… Alla fine ci abbiamo messo pure a cantare che stèv nu uagliòn con la chitarra che sè mis a sunà: stucàzz, efèss e quanda canzoni che sapev fà, èr nu giubbòccs vivènd, facèv paùr!! Io e Tonino abbiamo cantato una canzone di Gianni Celèst duu latitànd, efèss e quand è tog!
Poi alla sera ce ne siamo andato, e stèvn nu sakk d gènd che camminavano cum e i zombi in mezzo alla pezza aràta che stavano imbriàchi: efèss ca cindvindisètt agghi vulùt fà i sdlàlom p scanzàrl. Poi mi sono andato a fare la frecata co Samànd pkkè avevamo mangiato assai e aveva fà nu poc d smaltimènd d’energèij a stutacannèl. Efèss e che pasquetta toga!