Le risate al bowling

13 01 2015

L’altro giorno abbiamo andato a iucà ò bulìng, efèss e quanda rìs che ci abbiamo fatto. E inzò quill stèv Lilìn che ognevvòt facèv semb à parànz che dice che lui sa giocare più meglio di noi pkkè iss s’p fà i tiri all’effetto. Ciagghij ditt: “Camìn vattinn che tu co quella manuzzèll offès e vdè apprìm se cia fì a pigghià a pall in mano p mnàrl sop ‘e birìll“.
Che quill là, imbaccia a quili cazz d pall stann i bùk che uno avessa shkaffà i diti da dendro, ma però siccòm che ogneppàll tiene i buchi a cazza suij, ognettànd angàpp certi pall che nz ponn angappà bun e non ce la fai a tirare bene. Che pò alla fine chi cazz è che angàpp i pall dai buchi? Stann quill che à ngappn da sott e la menano dritt p dritt e pass à paùr!
E inzò abbiamo andato che stèmm io, Tonìn, Lilìn Manuzzèll, Robbertìn Ukkijstùrt, Giuànn ù cambagnùl, e pò stèvn tre amiche d Tonìn che queste l’avemm canusciùt quannè che abbiamo andato una volta a uno sposalìzzio vicino alle Ngornàte. Efèss e quand sò bòn, e secondo me sò pur pork e vonn fà kokkekkòs commè e co Tonìn. Kesimmalà, stèv Robbertìn Ukkijsturt che faceva la ricotta e ascèv à shkum da mmòkk tropp che stava allupato pkkè questeqquà si avevano messo robb d minigònn, stualètt, cavzòn aderènd che s vdèv ù cul bell tust tust e pò tenevano pure le provole a prssiòn che cum se foss che vulevn ascì da fòr!! E io ci facevo a Tonìn: “Oh tonì! Vid che mò s n zomb ù bttòn daa cammsèll a quell!!! Efèss e cum vonn ascì!! Mò s men’n mbacc’!!” e Tonìn che si ha fatto le rise accatèn!bowling
E inzò, mendr che stèmm arruànn piglia e va Robbertino e fa la prima figura dimmèrda: stava trasendo andò che s iòk ma però là non si può andare colle scarpe normali che te mett i scarpett che ti danno quelli là, e inzò è andato quello che fatìga là e ha fatto: “Scusi signore, non si può andare con le scarpe normali” e Robbertìn si ha distratto per sentire a quill del bulìng e siccome che non vede bene che tiene l’ukkij stùrt, piglia e ha ingiambicàto imbaccia al gradino e se nè iùt ritt ritt d muss ndèrr! SBADABAMM!! Efèss si ànno girato tutt quand, mamm e che fgùr d mmèrd che ha fatt! Tonìn stèv già ki lacrm che a quill ci viene pure il dolore di pancia pkkè quando ride si indomachèia tuttquand e nn pot rsprà tropp alle rìse.
E inzò finisce stu fatt piglia e ci andiamo a mettere le scarpe. A nu cert pund si leva le scarpe Lilìn e s’accummènz a sènd nu fìt d prvlòn!! Mamm i pìd e cum cazz ftèvn!! Va Tonìn piglia e dice: “Oh Lilì e che cazz kokkevvòt tii putarrìst pur lavà i pìd! Ci stai uccidendo i sìnz!” e io cioddètto: “Ma tu ognevvòt cacci un fito! E stìm nda makn e fai le loffe e fètn. E t liv i scarp e s send ù tàmb dii pìd. Se fì nu sgurrutt arrìv à zaff’t d fugnatùr che nemmang si ven Fredèll a pot aggiustà. Ekkekkàzz! Fà subbt a mett i scarp“.
Ma indànd a nu cert pund quill non trovava nemmang i scarp col numero giusto e sè pers n’àt timb… mammamà si aveva imbestàto tutt u bulìng, efèss u fìt, cì cì!!!
E inzò alla fine si ha messo le scarpe e amm iùt a iucà. Abbiamo tirato i primi tiri e amm fatt i stràikk io e Tonìn. Pò ha tirato Robbertìn e che tuu dicaffà, quill tèn l’ukkij sturt, guardammè e neruèr e ha tirato ritt ritt nda canalìn di lato, efèss e cum stc’ accìs Robbertìn. Ma però quill ngapish nind pkkè stèv semb a guardà i femmn e non si aveva congendrato bene.
E inzò alla fine aveva tirà Lilìn. Piglia e prende la palla che vulev fà ù gruss e vulèv ficcà i diti da dentro e ci scappa da immàno e se la abbushka sop ò pìd: efèss e che bòtt! Accummèzz a gastmà e tutti che si ànno girato, efèss e che fgùr d mmèrd che ha fatt. Tonino rideva accatèn e io cioddètto: “Oh Lilì mo però nd luànn natavòt à scarp ca scus che ti hai fatto male, che sinnò daveramènd amma murì tropp u fìt. Pur i birìll i fì cadè senza tirare nemmang à pall, se ne cadono pù fìt” e Tonìn si ha indomacàto tropp i rìs. Pure Giuànn u cambagnùl rideva accatèn.
E inzò va Lilìno prende la palla e fà: “mo v fazz avdè nu tir all’effètt“. Pigghij à ringòrs e fc u buffungìll: “Eeeee Vualà!!“. Mò siccòm che Lilìn pès cindcinguanda kìn e tnèv i scarpètt mongospàstk du bulìng e tiene pure la manozzella offesa, piglia e ha fatt na manòvr caa ringòrs che nzèccapìt che cazz ha fatt, e inzò sta pall dabbùling invece di andare rasotèrr si ha inariàta e ha volato storto e piglia e ha andato a finire prim nella canalina, ma però siccòm che qulu stubbtòn aveva tirato tropp fort, ha fatto cum se foss nu rimbalz piglia è iut a fnèsh nell’altra pista andò che stèvn iucànn n’ati uagliùn!! E ci ha menato i birill ndèrr a quill!!! Kesimmalà!! Efèss le rìse accatèn che ci abbiamo fatto. Ridevano pure le amiche nostre.
E inzò piglia e va Lilìn è andato da questi e ha fatt: “oh siccom che la palla mia è andata nella vostra pista, mo m’avita dà na pall accaparrèt che l’agghia tirà nella mia pista” piglia e ci freca la palla a quello che aveva tirà e se la prende lui che saa vulev tirà natavòt nella sua pista.
Maaaaaaaaa!!! Kesimmalà!! Quill sè ngazz’t e ciaddìtt kokkekkòs che non ho sentito pkkè stèv tropp ridendo. E inzò si ànno messo a fà allìt e a nu cert pund agghij vist a Lilìn che s stèv ngazzànn e sono andato pure io e melò portato pkkè sinnò quill partèv coi pugni a mulinèll e i facèv vulà dind alla pista pure a loro.
A Lilìn à prossma vòt nn mu port kiù a iucà al bùling. Però onèst, ci abbiamo fatto le rìse accatèn pur stavòt!

Annunci

Azioni

Informazione

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...




%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: