La fuga del cervello accatèna

23 06 2015

Efèss l’altra sera stemm ai giardinètt imbaccia alle Croci, piglia e stèv na uagliòn che questa è l’amica d kokke cumbàgn d Tonìn. E inzò questaqquà tiene le scuole fattizze assai e parl tutt aggarbato, e pò è pur tost accatèn: efèss e che provl e che cul che tèn! Meno male che non ci stava Robbertìn Ukkijstùrt che sinnò aveva ascì tutt à shkum da mmòkk troppo il rattosiamèndo.
E inzò questaqquà stèv parlànn cogli altri ma però nz capèv nind pkkè parlava difficile, sacc’ robb d politica e còs, i fatti delle leggi, u guèrn, u parlamènd, la grecia, ù sfrèdd che si alza e si abbassa (e io ci volevo dire “e keghè na ping che s’agàvz e s’avàsh?” ma però mi sono stato zitto). E inzò quest parlava difficile ma però maffàtt arrapà pkkè teneva la classe: secondo me quest è na uagliòn che ci piace a cumannà e a fà à femmn in carriera ma però se pò tròv a kokkeùn che ci mena i shkaff sop ò cul e ci tira i capelli ci piace accatèn pkkè adda èss pòp na pork!!
E inzò a nu cert pund, mendr che stèvn parlànn d fatìg, d raccumandazziùn e còs, piglia e va questa e fa: “e infatti qui in Italia abbiamo un grande problema che è quello della fuga dei cervelli“. E là non mi potevo mandenere più pkkè finalmènd s’avev arrivato a na cos che potevo parlare pure io che sò espert e li conosco.
– è vero! Stanno le fughe di cervelli accatèna! Pure io li conosco
– Ah, conosci anche tu persone che son dovute andare via? (e maffàtt nu sorrìs che ma vulèv stuprà tann stèss)
– No no, canòscio umbòco di persone che hanno fatto la fuga del cervello
– Eh, appunto…
– E sì, uì… peresèmbio tengo un amico che si chiama Pasquale ma però noi lo chiamiamo Lilìno Manozzèlla…
– Come?
– Manuzzèll! Pkkè tiene la manozzèlla offesa. E infatti è umbòco ciammattone accatena…
– Uh, poverino! E dov’è andato questo ragazzo?
– E nuu sacc’! potèss che è andato al bagno, che quill ognettànd tiene i probblèmi di panza perchè si mangia tuttocòso e tèn i scogl’ ngurp…
– ahahaha! ma io intendevo in quale città se n’è andato?cervellinfuga
– che città… quill agàbbita a candelaro
– ma non è emigrato?
– no no, è italiano… è foggiano! non è arabo
– ma gli emigrati non sono per forza arabi…
– cumè? fann pur u gran premio agli emigrati arabi
– ahahahah! sei troppo simpatico! Si chiamano EMIRATI arabi ed è un’altra cosa
– mè, e che ne saccio io… tu parli difficile
– allora ti spiego… l’emigrato è colui che lascia la propria città o il proprio paese per andare da un’altra parte. Come un foggiano che va al nord, o un italiano che va all’estero

(E inzò, mendr che stèmm parlànn, piglia e Lilìn Manuzzèll esce da rèt ò pizz della strada)

– Uì, quellollà è Lilìn Manuzzèll
– Quello? Ma non ha l’aspetto di un cervello in fuga
– No ciaccanè! Quill u cervèll nuu tèn propij!! Quello dendr alla capa non tiene niendeppiù
– Eh ma allora perchè dici che è un cervello in fuga?
– Perchè è da mò che il cervello se ne ha scappato dalla capa di Lilìno!
– Ahahahah! Ma che scemo che sei! E io che pensavo fosse davvero un cervello in fuga
– E sì, a quello la capa non lo accombagna più da nu sakk d timb… il cervello non ci sta più, s nè fuiùt da tandànn… kevvitruànn, kiù fug d’accussì!!
– Sei simpaticissimo però, lo sai?
– Grazzij ciaccanè e tu sì bellafàtt assai!
– Ma che gentile…
– E vdè angòr!!!
– Ah sì? E cosa dovrei vedere?
– Ehhhhhh!! Nonzidìce ciaccanè!
– Perchè non si dice?
– Pkkè mo che sarrà t fazz avdè bun bun!
– Mi incuriosisci…
– E tu m n fì ascì d kp…
– Nel senso che anche il tuo cervello va in fuga?
– E capìt bun ciaccanè!! E ammè mi sa mi sa che stu fatt ti piace pure!!! Accatèn!! Eruè?
– Ahahahahaha! Scemo!
– Mè che ti piace!

E inzò, questaqquà ammè maddafà murì. Ma però secondo me pure a lei ci piace accatèn!!