Ma il vaso rotto kecciakkò?

16 08 2015

-stavo pensando… in amore bisogna sempre stare attenti, non credi?
-e sì, quann ciuuppùnd te stà attind…
-cosa?
-te stà semb attind angòr si fa male!! e pò te stà pur attind angòr à femmn esh ingìnd
-ma che hai capito? sempre a quello pensi! io parlavo dell’aspetto sentimentale…
-ah… e che n sacc’…vaso rotto
-ti faccio un esempio: se un vaso cade a terra e si rompe, anche incollandolo pezzo per pezzo, porterà sempre con sè i segni delle crepe…
-il vaso? e kecciakkò?
-certo, l’esempio del vaso!! capisci l’importanza di non farlo rompere?
-e sì, eruè… efèss m’arrcord quann sè squacciato il vaso d nanònm che u tnèmm sòp ò mobbilètt che sono menato la faiòla cu supersàndoss arangiòn, efèss e quanda takkar’t che mi ò abbushkato, che il lume tnèv cinguandànn e…
-si ma che c’entra mò il vaso di tua nonna…
-è n’esèmbij, ciaccanè!
-io parlavo dell’aspetto meramente profondo e teorico della rottura, della gravità del danno che si procura nel lasciar rompere un vaso che hai tra le mani e che invece dovresti proteggere… mi capisci?
-mamm e cum a fì long!! è un vaso! e sì t scapp da mm’n paciènz! che pò n’agghij capìt pkkè è perd timb a ngullàrl… vattaccàtt ù vs nùv!
-sei il solito materialista insensibile!
-pkkè?
-come perchè? ma per te i sentimenti non valgono niente?
-kecciakkokkij ù sndmènd cu vasètt che t scapp da mm’n e s romb!!
-si parlava di amore, di sentimenti da proteggere
-eh, sì, ma però tu pò è mis mizz stu cazz d vs… ivvàso daqquà, ivvàso dallà…
-no vabbè, ci rinuncio!!
-aaahhh!! e vist che tengarraggiòn! ti cachi iccazzo pure tu a ngullà tutt i pizz natavòt a unaùn… è megghij a accattà u vs nuv
-ma dai!
-e accattatill d plastk accussì si vc’ nderr nz romb nemmang
-non hai nessuna sensibilità quando si parla di sentimenti e di amore…
-ma qual sndmènd, qual amòr!! ammè m sembr che stèmm parlann d nu vs
-oddio, non hai colto l’aspetto allegorico
-kessò? a Mambredònia?
-eh? Manfredonia? Cosa c’entra?
-e là fann il carro allegòrico a Carnevale…
-mamma mia, a volte con te mi sembra di parlare a vuoto…
-e allòr nn parl’m kiù, facìm n’at fatt
-cioè?
-la frecata
-sempre là vai a finire tu
-mè che ti piace!
-scemo!
-indand stì rirènn
-perchè sei tu che mi fai ridere
-embè, e allòr è vist che ti piace! Mèn mè, acàla stu sedìl, còò còò!





Mio nipote e i compiti – #2 – Manico, sega e fgur d mmèrd!

12 08 2015

-zio ti posso chiedere una cosa?
-ummadònn, keghè mò?
-ti devo chiedere una cosa
-già me fatt mett appaùr che quann tu mi addummanni i fatti è semb kokkekkòs d mbrugghiatòrij
-dai zio! compiti-bambini
-e mè e sì, famm send keghè u fatt?
-che cos’è il manico?
-e t parèv? kessò sti còs?
-dai zio! dimmelo!
-e sò cos da gruss, a zio…
-non è vero!
-eruèr! eruèr! anè, ma sind nu poc a stu stuppagliùs
-e mè che devo fare i còmbiti!
-i combt? cumè ci dann pur i combt che ci imbarano a fars i man’k ‘e criatùr?
-eeehhhh?
-nind, nind…. ma tu vid nu poc…
-dai zio, mi aiuti
-t’agghia aiutà? ussignòr ma che cazz è addvnd’t à scòl? i parìnd che anna aiutà i criatur a fars i man’k…
-mi devo fare i còmbiti!!
-ma che cazz d combt sò?
-devo scrivere le frasi con le parole “manico” e “sega” ma però non le so fare… che cos’è il manico?
-stucà! manico, sega… ma quist sò proprij purk…
-dai aiutami…
-e allòr, ciaccanì… il manico è na cos dii gruss… che i signori grandi se li fanno quann pigghij’n à vicìll in mano…
-ah, pure io mi prendo il piscilotto in mano quando devo fare la pipì!!
-no aspì, ma però quill è nàt fatt… cum tuu pozz spiegà… mannaggiaggiùd
-zio io devo scrivere una frase con le parole “manico” e “sega”
-eh ma quill significano la stessa cosa, solamend che à sèg è quando parli taliàno…
-non ho capito…
-aspì, chiediamo a Tonìn, che quill è indeliggènd accatèn, mò lo telefono

(telefonata)

-Prònd…
-abbushkatill mbrònd! ahahahaha!
-mè, stubbtò! keghè u fatt?
-nind, stc’ nipòtm che muu stann facènn stubbtì àà scòl
-kessuccìss?
-anè, sadda fà i combt ma però stann i fatt sporcacciòn
-i fatt sporcacciòn?
-e sì, uì mò t fazz parlà k iss… tè oh, parl tu!

(ci passo il telefono a mio nipote)

-prondo? cià Tonino! devo fare una frase con le parole “manico” e “sega” ma però zio Gino non mi sa spiegare che cos’è il manico… com’è? aaaahhh!! Sì! ho capito! ah, vabbène! E la frase? Ah! Sì, ho capito! Grazie! Sì, mò ho capito! Grazie! Ciao Tonino!

(fine telefonata)

-mè? che ti ha detto Tonìn?
-mi ha detto che devo scrivere così: “Il falegname prende la sega dalla parte del manico e taglia la legna“. Va bene? è giusta?
-aaaahhhh!!! Ekk keghèr uù fatt!!!sega
-Che cosa?
-no no, nind nind…
-ma va bene così?
-Sì sì, evò che va bene accussì! è perfett!
-ma però Tonìno non mi ha detto il fatto del piscilotto…
-lassapèrd! lassaperd! nind piscilòtt, scurdatill qulu fatt!
-perchè?
-nind nind, mi avevo imbrogliato k natufàtt…
-che fatto?
-ndennarètt!! ciaccanì le vuoi le fonzi?
-Sìììì!!!!
-e mè andiamo…
-Sìììì!!! Grazie zio Gino! Sei il mio zio più super che ci sta!
-ma però me promett che stu fatt del piscilotto che ti ho detto nge le dic’ a nisciùn! Sinnò t paliè!
-va bene, promesso!

Efèss e che cazz d fgùr d mmèrd che stèv ascènn co nipotm… meno male che teng a Tonìn che m rsòlv i probblèm!