La pasquetta zamarra e à kìs d firfilàto

30 03 2016

E inzò alla pasquetta ciamm fatt ammòstr! Abbiamo andato alla cambagna d Giuànn u cambagnùl che ciabbiamo portato i provvìst p nu reggimènd indèr, che se veniva la uèrra putèmm stà ammucciati là p numesemmìzz, tropp u magnatòrij che stèv… Efèss i rotoli d lasagn, pastofùrn, parmiggiàne, pat’n ò furn caa gnìll, i kìn d carn da mnà sopra alle fornacèlle, la pizza, à pizzarùstk, u babbà rustk caa salamèll da ind, à bruskètt ki pummadurìll d Giuànn e l’ugl bell daa cambagn! Pò i dolci, pizz ca ricòtt, ov d pasq, ciuccul’t a destr e a sinistr, tort d ciuccul’t, crèma normale, crèm sciambigniònn, la panna, i biscott, i ligùr, ù borghètt, a birr e u vin accatèn, u spumand… nz capèv kiunnìnd!! Efèss gli amici altolocàti di Annarita (quellallà della storia dei gattarelli) hanno portato pur u rùmm e la ssènzia, nu cos alcolico accatèn che t fc’ sballà e nd fc’ capì nind, che te lo bevi quanne che t fum pur u cannòn e part per i viaggi della storia infinita e pisikedelica… Ammòstr!!!
E inzò ciabbiamo abbiàto la matìna presto e amm iuk’t ò pallòn, pò ciamm mis imbaccia alla fornacella, na fell d carn ndo piatt per gli altri e na capuzzell d zavzikkij a noi. Ma però stèv Lilìn Manuzzèll che facèv brutt, assummigghij’v a Taz-Taz-tasmania, quill duu cartonanim’t che s magn’v tuttocòso, pur i fricciòni… stu kitekkòpp si menava nei piatti degli altri pur ca manuzzèll offès, pigghiava tuttocoso e se lo menava mmòkk, nn facèmm attìmb a frmàrl… efèss a un amico d Tonìn ciarrubbato due ovesòde da ind ò piàtt e selà menate ngànn unopèzzo tutteddòij nzìmm… ascèvn le pezzàte gialle daa vòkk che ngiafacèv a tnè tutt cos mendr che masticava, stèv accialangato brutt!
Che pò Tonìn ciaddìtt: “Oh Lilì, bastardòn! Nd frkànn l’òv sòd che pò quann mìn i loff ciaccìd a tutt quand! Cha già fètn ammòstr accussè!” Efèss e quanda rìs che maffatt fà.
Pò a nu cert pund è andato uno altolocato che quill è nu cumbàgn d Frangèsco, u cumbagnòn nustr indeliggènd che s’p tutt i cazz, piglia e ha fatt: “Ragazzi che ne direste se andassimo tutti a Siponto? Ci sta un bellissimo sito archeologico di una vecchia Chiesa paleocristiana che è stata praticamente riprodotta con una sorta di rete metallica, e l’effetto ottico che dà è bellissimo” e tutt quand che volevano andare.
Ma però Lilìn navèv capit nind e ciaddètto: “Sìnd oh, ma che veramènd ciamma iè a send à mess?” e quill si ha messo a ridere: “Ma no, è un sito archeologico, la gente va per visitarla e fare le foto. Credetemi è bella“.
E io cioddètto: “Ma ammè nn m n frèk nind, io vogghij iè andò che stann i femmn“. E quill ha fatt: “E andiamo prima a Manfredonia, ci prendiamo un bel gelato, ci facciamo un giro sul lungomare e poi al ritorno visitiamo la chiesa, così di sera è ancora più bella“.kis
Onèst! Shkitt che ha ditt “lungomare” e “Mambredònia” me ne avevo già asciùt d kp e sndèv già l’addòr d ciànn! E inzò abbiamo andato a Mambredònia e pò amm iùt alla chiesa di firfilàto, che quell stc’ fatt tuttaquand ca retìn… efèss e che at cazz d fatt!! Stèv nu sakk d gend e stevn pur i femmn accatèn! Mamm e che addòr d ciànn frustìr!! I gènd scattàvn i fotografèij ki smàrtfo e facèvn i vìdio. Mendr che stèmm vdènn la chiesa amm vist che stèv pur nu pupazzill fatt d firfilàto, cum se foss che èr la forma d nu prèvt. E inzò è iùt Tonìn e ciammìs à sigarettammòkk e ce la voleva appicciare e i gend che lo guardavano storto e facèvn: “Ma che zannìr!” e cioddètto: “Oh facìtv i cazzavùstr! Signò che tin kokkepprobblèm? Mè e allòr vutt i gàmm e vavattìnn! Kò kò!“.
A nu cert pund Lilìn teneva da cacàre e si è andato a menare arrèt alla chiesa, ndoghè che stann i còs arkiològg’k e ha allendàto nu cacatòn, ma però i gènd Lann vist e io cioddetto a Tonìn: “Oh, purtamacìll che mò quill vann a chiamà ai guardij e ci vengono a romb u cazz” e cenabbiamo andato. Mi ho ingondrato pure co Tonìno Mezzafògg’ che quill mò sta addivendando nu poc pescarès ma però è nu bun uagliòn… vulèv sapè andoghè che stèv Lilìn e celoddètto che quill teneva da cacare e vulev mnà u mrdòn in menzo alla chiesa. Efèss u tràffk d makn, amm pur fattallìt co uno che non ci voleva fà passà. Agghij ashnnùt daa makn e ciò andato a menare nu papagnòn e sè stato citt citt. Che quill fann tutt i smargiass e i uàuà, pò s’abbushkn i takkar’t e s stann cìtt. I teng fatt attuttquand!
E inzò una pasquetta che ciabbiamo fatto le rìse accatèn.