Mio nipote e i compiti – #2 – Manico, sega e fgur d mmèrd!

12 08 2015

-zio ti posso chiedere una cosa?
-ummadònn, keghè mò?
-ti devo chiedere una cosa
-già me fatt mett appaùr che quann tu mi addummanni i fatti è semb kokkekkòs d mbrugghiatòrij
-dai zio! compiti-bambini
-e mè e sì, famm send keghè u fatt?
-che cos’è il manico?
-e t parèv? kessò sti còs?
-dai zio! dimmelo!
-e sò cos da gruss, a zio…
-non è vero!
-eruèr! eruèr! anè, ma sind nu poc a stu stuppagliùs
-e mè che devo fare i còmbiti!
-i combt? cumè ci dann pur i combt che ci imbarano a fars i man’k ‘e criatùr?
-eeehhhh?
-nind, nind…. ma tu vid nu poc…
-dai zio, mi aiuti
-t’agghia aiutà? ussignòr ma che cazz è addvnd’t à scòl? i parìnd che anna aiutà i criatur a fars i man’k…
-mi devo fare i còmbiti!!
-ma che cazz d combt sò?
-devo scrivere le frasi con le parole “manico” e “sega” ma però non le so fare… che cos’è il manico?
-stucà! manico, sega… ma quist sò proprij purk…
-dai aiutami…
-e allòr, ciaccanì… il manico è na cos dii gruss… che i signori grandi se li fanno quann pigghij’n à vicìll in mano…
-ah, pure io mi prendo il piscilotto in mano quando devo fare la pipì!!
-no aspì, ma però quill è nàt fatt… cum tuu pozz spiegà… mannaggiaggiùd
-zio io devo scrivere una frase con le parole “manico” e “sega”
-eh ma quill significano la stessa cosa, solamend che à sèg è quando parli taliàno…
-non ho capito…
-aspì, chiediamo a Tonìn, che quill è indeliggènd accatèn, mò lo telefono

(telefonata)

-Prònd…
-abbushkatill mbrònd! ahahahaha!
-mè, stubbtò! keghè u fatt?
-nind, stc’ nipòtm che muu stann facènn stubbtì àà scòl
-kessuccìss?
-anè, sadda fà i combt ma però stann i fatt sporcacciòn
-i fatt sporcacciòn?
-e sì, uì mò t fazz parlà k iss… tè oh, parl tu!

(ci passo il telefono a mio nipote)

-prondo? cià Tonino! devo fare una frase con le parole “manico” e “sega” ma però zio Gino non mi sa spiegare che cos’è il manico… com’è? aaaahhh!! Sì! ho capito! ah, vabbène! E la frase? Ah! Sì, ho capito! Grazie! Sì, mò ho capito! Grazie! Ciao Tonino!

(fine telefonata)

-mè? che ti ha detto Tonìn?
-mi ha detto che devo scrivere così: “Il falegname prende la sega dalla parte del manico e taglia la legna“. Va bene? è giusta?
-aaaahhhh!!! Ekk keghèr uù fatt!!!sega
-Che cosa?
-no no, nind nind…
-ma va bene così?
-Sì sì, evò che va bene accussì! è perfett!
-ma però Tonìno non mi ha detto il fatto del piscilotto…
-lassapèrd! lassaperd! nind piscilòtt, scurdatill qulu fatt!
-perchè?
-nind nind, mi avevo imbrogliato k natufàtt…
-che fatto?
-ndennarètt!! ciaccanì le vuoi le fonzi?
-Sìììì!!!!
-e mè andiamo…
-Sìììì!!! Grazie zio Gino! Sei il mio zio più super che ci sta!
-ma però me promett che stu fatt del piscilotto che ti ho detto nge le dic’ a nisciùn! Sinnò t paliè!
-va bene, promesso!

Efèss e che cazz d fgùr d mmèrd che stèv ascènn co nipotm… meno male che teng a Tonìn che m rsòlv i probblèm!

Annunci




Pallaaaaaa!!!!!

16 08 2014

Stava mio nipote che giocava nzìmm a l’ati criaturìll che quill uno teneva u pallòn e nzomm si anno messo a menare nu poc di calci tand p’addvrtìrs nu poc… E inzò siccome che a mio nipote che ciò imparato a menare le faiòle accatèn, ci dicevo sempre: “và và! mìn a faiòl! min a faiòl!” e quello che piglia e tirava.
Ma però siccome che tèn angòr i pìd a banana e adda fà angòr à convergènz, quannè che mena le faiole il pallone se ne va sempre allo stòrzo e ognevvòt deve fare allìte con gli altri bambini pkkè quelli non vogliono andare a pigliare il pallone che si scocciano. Ma però poi vanno perchè sinnò mio nipote li palièa. Ciò imbaràto che sadda fà semb rispettà.
E inzò stèmm vicino ai giardinetti e mio nipote mena la faiòla… efèss e che faiòla! E piglia e stèv passann nu babbiòn tutto bell vstùt che forse aveva iè a kokke appundamènd ca uagliòn, efèss ca cammìs tutt aggiust’t, u cavzòn d màrk, i scarp nòv nòv… e piglia e il pallone stèv iènn da quella vànn allà, e i uagliuttìll facèvn “Palla!!” e quist nind… “Palla!” e quist che guard ù pallòn e continua a cammnà, e i criatùr semb a lucculà “Palla!!“.palla Ma però quist nz nè frkt nind e ièv annànz cum se fòss che èr surd e nghiummùs! A nu cert pund sono menato un lucculo: “EEEEEOOOOUUUU!!! PALLAAAAA!!” e quist sè girato, ha guardato daa vann mèij e ha continuato a cammnà rìtt rìtt. Maaaaaaaa!!! Iss aveva fà accussì a me? E inzò? Mi sono abbiàto e l’agghij iùt a ngappà e cioddètt: “Oh, stubbtò! Kettìn kokkepprobblè?” e quist a nu cert pund m guard e nn rspònn, nn parl. L’ho ingappàto e agghij fatt: “Oh, ì stk parlànn k te!” e quist pigghij e fa: “Ma che vuoi? Ci conosciamo?” Anèèèè!!! Che ata cazz d cunvdènz!!
Cioffatto: “I uagliùn hann ditt ‘palla!’ keghè che fì find che nn sind?” e quill piglia e ha fatt: “e che è obbligatorio che gliela devo tirare? Se vado di fretta non posso perdere tempo. Se loro tirano il pallone lontano se lo vanno a prendere da soli! E poi, mi rovino i vestiti e le scarpe” E inzò ha accumnz’t a svacandà nu rusàrij d stubbtarèij, e io daqquà e io dallà e patapìmm e patapàmm… e co sta cazz d voce che m stèv sop o cazz… oh, a nu cert pund, ciò menato nu mafalòn che angòr adda capì da ndò lè arruv’t, e inzò sè ammupìt e non ha parlato più. Ciòddètto: “Mò u sì che e fà? Pigghij qulu pallòn e vacciupùrt ai criatùr, e addummànn scùs a nipòtm, dicci che non avevi sentito” e quist che guard’v e non parlava più. Cioddètto: “Oh, ecapìt che agghij ditt? Ce purtà u pallòn e criatùr” e quill che si accarezzava la faccia che stèv u segn duu mafalòn e guardava. Nzòmm ciò menato nu cavc’ ngul e l’ho lucculato in testa: “EEEOOOUUU!! Teee mòv o no?” e quist ha preso il pallone e ce le iùt a purtà ò criatùr.
Mendr che se ne andava agghij fat: “Cè kist scùs a npòtm?” e quill ha fatt di sì con la testa.
Agghio guardato a mio nipote e cioddètto: “tà kist scùs?” e mio nipote, che è nu strunzlòn, ha fatto di no con la testa. Ma però là fatt appòst pkkè u sapèv che io poi lo paliavo a quello. E inzò ciò menato un altro mafalone e quill ha fatt: “Oh! Gli ho chiesto scusa che cazz vui d kiù!” e agghio visto a nipotm che rideva… qulu strunzulòn maffàtt u scherzètt che mi ha detto che qulo balèng non ci aveva chiesto scusa e melà fatto paliare di nuovo!
Mio nipote keccitiène!!! è proprij nu strunzulòn come lo zio!!





Mio nipote e i drogati

4 07 2014

-Zio!
-Oh, ciaccanì!
-Ti posso domandare una domanda?
-Dimmammè, dimm tutt còs…
-Ma i drogati sono diversi da noi?
-Kessò che vù?drog
-I drogati!
-Che fann i drog’t?
-Sono uguali a noi?
-No, no… nziamài!
-E allora sono diversi?
-Evò!
-Ma perchè? Io mi pensavo che sono fatti come noi…
-No, kessò! Stann fatt d kiù!
-E come sono fatti allora?
-Dipènd… cocaìn, eroìn, cràc, èsts, funghètt, àcid…
-Che significa?
-Ehhh, a zio… è na cosa malamènd
-Vuol dire che sono fatti male?
-Sì, sì!
-E noi no? Non ciabbiàmo la cosa malamènda?
-No, a zio… noi solo le canne
-Le canne?
-Eh! i cann, i cann! I spnìll!
-Spinille?
-Spinelli, spinelli!
-E che cosa sono?
-Eeehhh… sapìss… sono una cosa dei grandi
-Una cosa brutta?
-No, no… è bell!
-Come le cose sporcaccione che fai co Samanda?
-Uèèè! nonZidìce! stunzulòn!
-E tu sei!! mè, che cosa sono?
-Quanda còs che vuoi sapè…
-Daiiii zio!!!
-Sono come le sigarette ma però sono speciali
-Speciali?
-Sì, è cum se foss che t fann stà tranguill accatèn
-Non ho capito
-E p fòrz, quist sò cos da grandi, telò detto, tu sì angòr criatùr
-E allora io sono fatto diversamente?
-No a zio, tu nn sì fatt p nind!!!
-Per niente? che significa?
-Che non ti fai le canne
-E che significa?
-Che non sei drogato
-E allora non sono malamèndo
-Brv!! tu sì ù megghij duu mùnn!!
-Sono bravo?
-Accatèn!
-Sono bravo assai assai?
-Assai assai!!
-E mi combri le fònzi?
-Ekk!!! Ma quand sì strunzulòn!

Mio nipote mi frega sempre quando vuole le fonzi.





Mio nipote e i compiti – #1

13 07 2013

-zio
-cheghè
-mi aiuti a fare i compiti?compiti-bambini
-kessò? i còmbt? nn è fnùt à scòl?
-sì però mamma ha detto che devo studiare l’estate perchè celà detto la maestra
-e pkkè?
-perchè ha detto che tengo le lagune in aritmetica e giometria
-appòst… e se stànn i lagùn stànn pur i zamb’n, và pigghij ù flìtt!
-che cosa?
-nind nind, stèv pazziànn…
-allora mi aiuti?
-ciaccanì, ci vòl chi m’aiùt a me
-dai, zio!
-e dall, dall… e vdìm dà, kessò che e fà?
-le potenze e la radice quadrata
-stucà… e fà fà…
-e non le so fare, me le fai tu?
-noooo, e le fà tu… io a scuola già ho andato quand èr criatùr cum a te
-e allora me le spieghi e me le faccio io?
-e che t’agghia spiegà… allòr Putènz è nu paès che stc’ sopra alla via di Candela…
-zio che dici!! dai!
-oh, e ditt che tin i lagùn a giografèij’
-giometria!!
-ah… e mi ero penzato che èr la radice che cresh a Putènz sop a mundagn… quill sò bon che sta la liquirizzia da ind’…
-ma no! si chiama estrazione della radice! è una cosa di matematica
-e sì… quill la radice s pigghij e s stòkk da ndèrr: è matematico che s n vèn!
-zio non hai capito niente…
-efèss tu… sindammè, le vuoi le fònzi?
-Sììì!!!
-e mè, akiùd stì quadèrn e mitt’t i scarp che ci andiamo a fare un giro ca cindvindisètt!
-Sììì!!!

A mio nipote la scuola ù stc’ arruvnànn… meno male che sto io che ù ggiùst nu poc…





Mio nipote, checcitiène!

23 01 2013

– Zio Gino!
– oh… cheghè?
– Ti posso chiedere una cosa?
– Vid che nn tii ccàtt i fònzi, che l’ata vòt m’è nzv’t tutt ù sedìl daa cindvindisètt…
– no, non mi volevo essere combrato le fonzi…
– ah, e cheghè ù fatt?
– ti posso chiedere un fatto?
– dì dì… famm assènd…
– che cos’è l’amore?
– kessò ke vù?
– l’amore che cos’è?
– ciaccanì, sì angòr piccinùnn p capì sti còs, lassaperd…
– dai, zio!
– e madò, che t’agghia dic’… l’amore è quando vedi a una femmina e ti piace e te la vuoi baciare e vuoi fare le cose dei grandi…
– le cose dei grandi? che sono le cose dei grandi?
– eh… ma vid nu poc a quist mò… che atu cazz d trascùrz che agghij ngapp’t..
– dai zio!
– e dai ò cazz… sò cos da gruss, ciaccanì! Tu sei piccolino per capire queste cose
– aaaahhh! Ho capito!!! le cose sporche!!!
– Eh, i còs spork…
– Quelle che fanno mamma e papà quando si penzano che sto dormendo?
– Ummadonnasànd! Non si fa così, a zio, non si spia…
– No, non spio… io sto nel letto ma si sentono i rumori… ma che fanno?
– Non si dice, a zio, non si dice…
– Ma è una cosa brutta?
– No, a zio, non è una cosa brutta… però tu sì angòr criatùr e non le devi sapere ste cose…
– Io penzo che è una cosa brutta
– No, pkkè?
– Perchè mamma grida e io mi penzo che papà ci dà le botte sul culetto… si sente pure il rumore degli schiaffi. E poi si sente che sbattono vicino al muro… Però mamma dice sempre sììì sììì
– no, a zio… non ci dà le botte… sò shkaffètt a carèzz, che sò bell…
– Non sono belli, quando mi dà le botte a me sul culetto mi fa male!!!
– è diverso, a zio, è diverso…
– Ma tu a Samanta ci dai le botte?
– kecciakkokkij mò Samànd
– tu non fai le cose dei grandi co Samanta?
– fatt i fatta tuij!!! Ma vid nu poc a quist…
– Maaaa!!! Ti sei fatto rosso rosso!!!
– Mè, oh avàst!! Le vuoi le fonzi?
– Sììì!!! Ma hai detto che non me le compri
– Tii ccàtt, tiii ccàtt!! Bast che a fnìsh!!!

Mio nipote, che c’ tèn!!!





La biodegradabilità spiegata da mio nipote

12 12 2012

Anè mio nipote… è tropp tog stu uagliuttìll! Lo sono andato a prendere à scòl e quann è asciùt m’ha fatt fà nu sakk d rìs… ha fatto imbaccia a me: “zio Gino! oggi a scuola mi ho imparato una cosa bella per l’ambiente”
Stucà! E mò che vol quist? E ciò detto: “bravo a zio, bravo”
E quill ha fatt: “la maestra ci ha spiegato il biodegradabile. Lo sai che cos’è?”
Appòst! E cheghèj mò stu bbiogradàbbl? Però nn putèv fà à fgùr d mmerd annànz a npòtm e allora ciò detto: “sì a zio, io lo so checcosè però vogghij vdè se lo sai pure tu cum ù sacc’ èij!” E l’agghij frkt pkkè quill nn vdèv l’or che m l’aveva accundà iss a me!
E inzò ha accumnz’t: “un oggetto è biodegradabile quando lo puoi lasciare nell’ambiente e non inquina. Per esempio, se lasci la buccia di banana per terra che succede?” E io ciò detto: “ù prim babbiòn che pass, squacc’ p ndèrr!”
E lui ha fatto: “noooo!!! se lasci la buccia di banana per terra, dopo un po’ sparisce perchè è biodegradabile!”
Graziocàzz, pass qualche canagghiòn oppur pass nà scìgn e sa magn. O no?
Però quill, nipòtm, mu vulèv spiegà bùn bùn ù fatt: “invece se lasci una bottiglia di vetro o di plastica e vai dopo un po’ di giorni la trovi sempre là perchè non è biodegradabile!” E p fòrz!biodegradabile
Ciò detto: “à scorz della banana saa magn’n i canagghiùn, à buttiglij nza magn nisciùn!”
E quello rideva: “nooo! non è così! La buccia di banana sparisce da sola perchè è biodegradabile invece la bottiglia non sparisce e allora non è biodegradabile! hai capito?”
Allora ho fermato la 127, l’agghij guard’t mbacc’, ho cacciato na vind èur do portafògl e ciagghij ditt: “quest chè è? è biogradàbbl o no?” E lui ha fatto: “nooo!!!” e io ciò fatto: “e mò secondo te, se ì lass na cos d sold p ndèrr e veng tra na settim’n, a vogghij truà angòr p ndèrr andò che l’agghij lass’t? oppùr agghia truà capòkkij?”
E allor a stu pund è rumast senza parlà, e pensava e pensava, pkkè avèv capìt che tenevo arraggione che i sold andò i lass ni truv kiù, però nn capèv cum cazz aveva fà a rspònn a me, e alla fine ha ditt: “zio Gino tu sei imbroglione!” Stucà! Io sò mbrugghiòn? E à maestr che ciaccond sti stubbtarèij che ghèij? Makkedè…
Alla fine ciò comprato natavot ì fònzi e ciagghij ditt: “mò à bust na mnànn sop ò tappetìn da cindvindisètt cum e l’ata vot, che quest se à lass qua non sparisce pkkè non è gradàbbile, ièttl fòr!”
E qulu strunzulòn che ha ditt? “Noooo!! zio!! non si butta fuori perchè non è biodegradabile e non sparisce!”
Quandebbè!! Mio nipote è angòr nu criatùr d’aqqua dolc’ e non capisce bene i fatti. Ciò detto: “nd ngaricànn, vid che là pàss ù scupatòr à matìn e cing e pulìzz tutt cos, se er pi strunz’t che t’accond à maèstr, mo co tutt i bust d ciccipolènd che ho buttato io da quann er criatùr finammò, avemm stà kìn kìn d munnèzz”
A mio nipote u vogghij tropp bèn!!





Mio nipote è peggio di me

15 11 2012

Mio nipote è allucinànd! Non si sta mai fermo, va già sfottendo le femmine e èij pur nu figghij d ndrokkij’. Ieri mattina lo dovevo accompagnare a casa che mia sorella nu putèv iè a pigghià à scòl. E allora sono andato io. Mamm e ke burdèll: appart ù fatt che annànz ‘e scòl stc’ semb ù traffk, non c’è mai posto e stànn semb ì scèm che m fann ngazzà e pò fazz allìt…
E inzò stev stu scèm d guèrr che ha accumnz’t a fà ù stubbtòn che io stèv pi cazza mèij nella 127 che mi stavo sentendo la cassetta di Tommy Riccio a tutto volùm, e quist che parl’v… e parl’v… e parl’v e guard’v semb daa parta mèij e allòr sò sceso dalla macchina e ciagghij ditt: “oh che tin cocche probblèm?”
E quill ha angumnz’t a fà: “eh ma lei è un incivile, la musica a tutto volume con queste canzoni grezze, poi questa macchina parcheggiata sulla pista ciclabile, lei crede di essere meglio di noi che stiamo qui civilmente, e patamìmm e patapàmm…” e inzò ciagghij ditt: “oh pngò! vid che agghij vnùt a pigghià a nipòtm che adda ascì daa scòl, e post ng’ n stèv, ando m’aveva mètt? ngulammàmt?”
E quill che continuava: “ma cosa crede che stiamo a fare noi? Qui siamo tutti genitori che stanno prendendo i figli all’uscita di scuola, se lei voleva trovare posto sarebbe dovuto venire prima…” a ungerto pundo sò andato vicino, ciagghij mnt nu shkaffètt imbaccia e cioddètto: “giovane, avash à crest, fà pok ù gallètt che i dind ti fazz zumbà da mmòkk. N’avzànn à voce k mè… ànz… akiùd quela vokk da ciànnarèll che tìn, che nn stì parlànn k frat’t”… e si è stato zitto. Ma ì n’agghij capìt, sti facc’ d mmèrd, parlano e parlano, poi s’abbushkn i shkaff e capiscono che s’avevna stà citt… vabbù poi comunque sò asciùt i criatùr da scol e ho preso a mio nipote che già s n stèv fuiènn e l’agghij mis nella 127 che cioffatto sentire l’imbiànd da trecìnd vàtt che a lui ci piace assai quando alzo il volume.
E inzò ci siamo abbiàti, efèss e che burdèll p ascì… stevn sti kitammùrt che nn m vulèvn fà passà e si menavano avanti. Qualche bastardòn m’ha pur ditt ì paròl… uno ha fatt: “oh, andò cazz vìj’! sop a pista ciclabb’l nz pot nghianà!”. Si è salvato pkkè stèv mio nipote e n’agghij vulùt fà questiòn annanz a iss, essinò evogghij che avèss ascinnùt dalla 127 e ciavèss fatt nu servìzzij’ d papagnùn mmokk.
Nzomm mendr che io facevo tutt sti burdèll, qulu curnutòn di mio nipote s’è mis a sfruculià nel portaoggetti e meno male che non tenevo na pistòl o nu curtiìll da ind sinnò avevna ascì pur i dammàgg’. E mendr che guidavo aveva dà arètt pur a ìss che stripitiàva sop ò sedìl, che me l’ha pure allurdàto e inghianava in piedi. Poi andava sul sedile di dietro, zombava cum e na cardella mostr, che demonio.
P farl stà ferm ciagghij vulut accattà na bust d ciccipolènd accussì magn e si sta fermo… makkè, è kiù quill che s’ha mnt ngùll e nò quill che s’ha mnt ngurp, stu strunz. Che pò i fònzi fann tutt quili cicirìll, sul sedile della 127 nonzicapiva piùnniende.
Alla fine, dop che ha strafocato, che ha fatt? Ha menato la busta sop au tappetìn!!! Kesimmalà! Ciagghij ditt: “ooohh! ma à ducazziòn a te non te l’ha imparata tua madre? à bùst nz mèn p ndèrr! Ho fermato la macchina, cioffatto raccogliere la busta delle fònzi, cioffatto calare il finestrino e ce l’agghij fatt ittà fòr. Anè, à bust di patatìn ndèrr sul tappetino della 127!!!
Che poi è passata una bizzòka e ha fatt: “incivile! La busta delle patatine non si butta a terra!” e io ho detto a mio nipote: “e vist? pure la signora te l’ha detto che nz iètt p ndèrr!”.
Che è fà, sò criatùr, amma tnè paciènz apprìss a lor.