La fuga del cervello accatèna

23 06 2015

Efèss l’altra sera stemm ai giardinètt imbaccia alle Croci, piglia e stèv na uagliòn che questa è l’amica d kokke cumbàgn d Tonìn. E inzò questaqquà tiene le scuole fattizze assai e parl tutt aggarbato, e pò è pur tost accatèn: efèss e che provl e che cul che tèn! Meno male che non ci stava Robbertìn Ukkijstùrt che sinnò aveva ascì tutt à shkum da mmòkk troppo il rattosiamèndo.
E inzò questaqquà stèv parlànn cogli altri ma però nz capèv nind pkkè parlava difficile, sacc’ robb d politica e còs, i fatti delle leggi, u guèrn, u parlamènd, la grecia, ù sfrèdd che si alza e si abbassa (e io ci volevo dire “e keghè na ping che s’agàvz e s’avàsh?” ma però mi sono stato zitto). E inzò quest parlava difficile ma però maffàtt arrapà pkkè teneva la classe: secondo me quest è na uagliòn che ci piace a cumannà e a fà à femmn in carriera ma però se pò tròv a kokkeùn che ci mena i shkaff sop ò cul e ci tira i capelli ci piace accatèn pkkè adda èss pòp na pork!!
E inzò a nu cert pund, mendr che stèvn parlànn d fatìg, d raccumandazziùn e còs, piglia e va questa e fa: “e infatti qui in Italia abbiamo un grande problema che è quello della fuga dei cervelli“. E là non mi potevo mandenere più pkkè finalmènd s’avev arrivato a na cos che potevo parlare pure io che sò espert e li conosco.
– è vero! Stanno le fughe di cervelli accatèna! Pure io li conosco
– Ah, conosci anche tu persone che son dovute andare via? (e maffàtt nu sorrìs che ma vulèv stuprà tann stèss)
– No no, canòscio umbòco di persone che hanno fatto la fuga del cervello
– Eh, appunto…
– E sì, uì… peresèmbio tengo un amico che si chiama Pasquale ma però noi lo chiamiamo Lilìno Manozzèlla…
– Come?
– Manuzzèll! Pkkè tiene la manozzèlla offesa. E infatti è umbòco ciammattone accatena…
– Uh, poverino! E dov’è andato questo ragazzo?
– E nuu sacc’! potèss che è andato al bagno, che quill ognettànd tiene i probblèmi di panza perchè si mangia tuttocòso e tèn i scogl’ ngurp…
– ahahaha! ma io intendevo in quale città se n’è andato?cervellinfuga
– che città… quill agàbbita a candelaro
– ma non è emigrato?
– no no, è italiano… è foggiano! non è arabo
– ma gli emigrati non sono per forza arabi…
– cumè? fann pur u gran premio agli emigrati arabi
– ahahahah! sei troppo simpatico! Si chiamano EMIRATI arabi ed è un’altra cosa
– mè, e che ne saccio io… tu parli difficile
– allora ti spiego… l’emigrato è colui che lascia la propria città o il proprio paese per andare da un’altra parte. Come un foggiano che va al nord, o un italiano che va all’estero

(E inzò, mendr che stèmm parlànn, piglia e Lilìn Manuzzèll esce da rèt ò pizz della strada)

– Uì, quellollà è Lilìn Manuzzèll
– Quello? Ma non ha l’aspetto di un cervello in fuga
– No ciaccanè! Quill u cervèll nuu tèn propij!! Quello dendr alla capa non tiene niendeppiù
– Eh ma allora perchè dici che è un cervello in fuga?
– Perchè è da mò che il cervello se ne ha scappato dalla capa di Lilìno!
– Ahahahah! Ma che scemo che sei! E io che pensavo fosse davvero un cervello in fuga
– E sì, a quello la capa non lo accombagna più da nu sakk d timb… il cervello non ci sta più, s nè fuiùt da tandànn… kevvitruànn, kiù fug d’accussì!!
– Sei simpaticissimo però, lo sai?
– Grazzij ciaccanè e tu sì bellafàtt assai!
– Ma che gentile…
– E vdè angòr!!!
– Ah sì? E cosa dovrei vedere?
– Ehhhhhh!! Nonzidìce ciaccanè!
– Perchè non si dice?
– Pkkè mo che sarrà t fazz avdè bun bun!
– Mi incuriosisci…
– E tu m n fì ascì d kp…
– Nel senso che anche il tuo cervello va in fuga?
– E capìt bun ciaccanè!! E ammè mi sa mi sa che stu fatt ti piace pure!!! Accatèn!! Eruè?
– Ahahahahaha! Scemo!
– Mè che ti piace!

E inzò, questaqquà ammè maddafà murì. Ma però secondo me pure a lei ci piace accatèn!!

Annunci




Le risate al negozio dei prosciòppi

25 04 2015

Ieri ciabbiàmo fatto i rìs accatèn che abbiamo andato a trovare a Cungètt al negòzzio duu mariùll (che noi lo chiamiamo accussì pkkè tèn i prèzz che sò alti accatèn e t stòkk i rekkij). E inzò, affiang ò mariùll sta un altro negozzio di prosciòppi che vendono i detersìv e i fatti per la casa.
E inzòmm stèv il figlio di Michelone Uapptìll che doveva fatigàre a questo negozzio pkkè siccòm che è ciucciarìll e non ci vuole andare alle squole, u padr u vol mannà a fadgà. Ma però siccome che stu uagliòn non aveva mai fatigato, non sapeva comè che si doveva fare. E allòr è andato u padrùn du negòzzij, che quello è amico di Uapptìll e ci fa il piacere che lo aiuta a fà fadgà al figlio, piglia e ciaddìtt: “mò ti faccio vedere io come si fa coi cliènti… tu gli devi sempre cercare di vendere qualcosa in più quando vengono a comprare, ma non deve sembrare che gliela stai piazzando“. E u figghij d Michelòn facèva di sì con la testa. Ma però secondo me quill naccapìt nu cazz d nind.Swiffer-Duster-Kit
E inzò è trasùta una signora e piglia e quill ci fa: “Buongiorno signora, cosa le serve?” va la signora pigghij e accummenz a fà: “Mi serviva un prodotto per pulire i vetri“. Piglia e va quello e ci fa imbaccia al ragazzo: “Vai a prendere il Vetril alla signora e poi prendi pure il Pronto, così visto che deve pulire i vetri approfitta e dà anche una bella lucidata ai mobili. Dico bene signora?” E à signor tutta cundend: “Sì sì, dai, facciamo così, prendo anche il Pronto perchè avevo finito anche quello. Grazie
E inzò, dop nu poc arriva un’altra signora piglia e fà: “Scusate, avete per caso quei sacchetti di ricambio per l’aspirapolvere?” va quello piglia e fà: “Certo signora abbiamo tutto, e guardi, le dò anche un pacco di Swiffer per raccogliere la polvere dai mobili, così con il panno elettrostatico la toglie in un attimo. Che ne pensa? Non ho ragione?“. “uuuhhhh, sììì! Grazie!” “Signora vuole anche il bastone allungante per arrivare negli angoli nascosti?” “Ah grazie, prendo anche quello, così non mi devo ammazzare per arrivare nell’angoletto“.
E inzò quist ci piazzava tutt i fatt alle signore, efèss cià venduto pur i svuìff svuìff p luà à polvr!!h-tena
A nu cert pund entra una ragazza che s’aveva accattà l’assorbènd, piglia e va imbaccia allo scaffale e angàpp nu pakk d TenaLady che fann l’assorbimend H-TENA e ce li mette sòp ò bangòn che aveva pagà. Piglia e và Tonìn e dice imbaccia al figlio di Uapptìll: “Oh, muvt, vacci a prendere pure le altre cose!” va quello piglia e fà: “Che cose?” va Tonìn piglia e fà: “Cumè? u Vetrìl, ù Prònto, ì svuìff-svuìff!!” e quello guarda alla ragazza, pò guard a Tonìn e dice: “Ecchecciaccòcchiano?
Va Tonìno piglia e fà: “Cumè kecciakkò? Se s’accatt l’assorbènd significa che tèn i mesturazziòn epperciò adda stà una settimana senza frkà!! Almèn apprufìtt e s mètt a puluzzà la casa!
Efèss mi ho crepato dalle rìse. Stèv u padrùn du negòzzij che si aveva ingazzato e lo voleva cacciare pkkè ha ditt: “Mi fate perdere i clienti” e invece cioddètto: “Oh vid che èr na battùt!! Anè!
Che pò à uagliòn io l’ho vista che sè mis pur a rìd… quell se vì a vdè si ha pure addivertìta H-TENA!! Mèèèè che ti piaaaaceeee!!!





Quannè aggratìss…

17 04 2015

-stasera venite a “Libando”?
-ndoghè che amma vnì?
-a “Libando”
-e ndò s tròv stu Libbànd? nn è pruving’ d Fògg?streetfood
-non è un paese! è una manifestazione culinaria che fanno in centro qui a Foggia!
-kessò? stann i gènd ki cùl p l’arij?
-cosa?
-oh tu lè ditt: i culi in aria
-culinaria!! Significa cucina, gastronomia! si mangia!
-aaaahhhh!!! e parl potàbbl!!! dìll che è na cos d magnatòrij!!! E inzò, e che s magn?
-di tutto, specialità tipiche delle varie regioni d’Italia: le arancine di Sicilia, gli arrosticini dell’Abruzzo e tanto altro
-ma sadda pagà?
-certo che si paga
-e allòr ammè m vèdn col cannocchiàlo
-ah, e se invece fosse stato tutto gratis, venivate?
-eccèrt! pkkè quannè aggratìss è fà pur ù bbìss!!!
-avete proprio una mentalità arretrata
-ndennarètt ciaccanè… dimmammè: le Peròne e i borghètt stann?
-non lo so, penso di sì
-emmè, e allòr è tuttappòst! Andò stann i Peròn e i borghètt stìm pur nuij!!





Tutti a LupaRòma!!!!

21 03 2015

-ciaccanì stìm facènn pareddìsp’r p vdè se amma iè a Ròm o no
-andoghè che avita iè?
-a Roma
-a fà che?
-a vdè ù Fogg’
-e quill iòkn a Aprìlij
-kessò! ke cazz dic’! iòkn mo ke domani
-sì ma iòkn a Aprilij
-oh vid che domani è angòr u vindidùij d Marz
-Aprilia!!! no Aprile!!!
-Aprilia? à motociclètt?
-Aprilia ù paès!!! Pngò!!! il Foggia gioca a Aprilia!
-ma che cazz dic’ che l’Aprilij è retrocess nde dilettànd Lannoscòrs
-seee, appòst!!
-ohhh! vid che u Fogg’ iòk condr la Lupa Roma no condr a l’Aprilij
-embè! à Luparòm andò iòk?
-a Ròm! cumè! ndo vòl iucà? a Milano? Si chiama Lupa Roma e iòk a Roma
-sì u cazz… e se s chiam’v Lupa Milano iuk’v a Milano
-eccèrt!
-necapìt nind! Lupa Roma è solo il nome ma quill iòkn a Apriliasegnale
-makkeveramè
-ecapìt bun!
-vattì ke neruè
-taaaaa ng crèd quist! allòr sì scèm! shkitt tu nu sapiv
-e lo stadio è quill ndo ke iòk l’Aprilia?
-Sì, è u stess stadij
-ma ke l’anm deeee kitammù…
-keghè
-là putìm iè tranguill
-pkkè?
-pkkè ng vol nind a fà ù scavalcamìnd
-eruè?
-evò! solamend che ciamma mnà nella pezzaràta accatèn…
-ah…
-oppure ce l’amma vdè da sop a l’albr che stann fòr ò murètt
-madò…
-oppur da sòp ò palazzòn, quill nùv che stc’ d rmbètt
-e cum e nghianà?
-tuzzulèij u citòfn e fazz: “volandiniii!!!
-i volandìn? e t’agàprn?
-èvò! Quann amm iùt indrasfèrt a Puteolana amm fatt accussì!
-vabbù ma a dumènkemmatìn se dici “volantini!” quill s penzn che sì tstmònij d genova e ndagàprn…
-à matìn? che s iòk à matìn?
-iokn a mizziùrn
-sang daa madòshk!
-keghè?
-è tard! mòòò ciamma abbià, uè… mòòòò proprij!!!
-aspè che quill…
mòòòòòòòò!!!!
-oh, bell bè…
mooooooooooooo!!!!!

kesimmalà, sò na mass d mattignùn!! Tutti a Lupa Roma!!!!





Caffè e vicilla

4 03 2015

– oh ciaccanè! ciamma pigghià nu cafè nzimm?
– sono fidanzata
– kecciakkò, i femmn ftanz’t nz vèvn u cafè?
– dai, hai capito
– kessò che agghij capit?
– il fatto
– che fatt?
– che non posso
– pkkè?
– perchè sono fidanzata!cafe
– angòr? agghij capit!
– e allora
– allor kessò? tuu vìv u cafè o no?
– non posso
– taaaa! e pkkè?
– perchè ho un ragazzo
– embè? e nd vìv u cafè?
– ma sì, non è per il caffè
– e p kessò?
– è che non si può fare
– kessò che nz pot fà?
– il caffè insieme
– e vabbù… statt bbòn…
– no ma lo dico per te, che magari ti facevi strani pensieri…
– ke pnzìr? nu cafè è nu strn pnzìr mò?
– no, no… il caffè no, ma il resto…
– ke rist?
– non so, magari volevi fare qualcosa
– kessò che aveva fà?
– non saprei…
– e se nuu sì tu u vogghij sapè èij?
– dai che hai capito
– no, nagghij capit nind
– portarmi a letto
– oh ciaccanè, che qua tagghij kist u cafè nzimm, mik tagghia mett à vicill mmòkk
– eddaiiiii!!! Che schifoooo!!!

Anè! se maa vulèv purtà mica ci addummannavo d iè a vèv nu cafè? Se maa vulèv purtà me la portavo e avàst! Che pò io sò òm d’onòr e se na uagliòn tèn già u uagliòn nz tokk. Sti cazz d fèmmn sò propij stubbt e ngapishn nind!





Al cinema a vedere le sfumature del grigio

20 02 2015

E inzò ci abbiamo andato a vedere il film delle sfumature del grìggio che stèvn Samànd, Dèbbora, Annarìt, Ngurnatèll, Mariassùnd, Cungètt e tutte le altre amiche che stèvn allup’t che savèvna vdè stu cazz d film. Atipòrk!
Che pò pure Lilìn Manuzzèll e Robbertìn Ukkijsturt stavano allupati pkkè quill appèn esce kokkekkòs d frkamìnd oppure kokke pil d ciànn fanno brutto assai. Ma però celò detto: “Oh, angòr v mttìt a fà i sgorgimènd alla muccìna mo ke si astùtano le luci, che sinnò facìm na fgùr d mmèrd!
E inzò, s’accummènz stu cazz d film che stava questo che si chiama Cristian Grei (cum e u iucatòr du Fogg’ Grea) che tnèv i sold accatèn e stèv nda nu grattacìl colle femmine bone che facevano le segretarie porche accatèn, che Tonìn come le ha viste ha fatt: “Stucà! I segretàrij che fann i kinòtt a pausaprànz!” e mi ho crepato dalle rìse già dal primo minuto. Piglia e stèv questaqquà che si chiama Anastasia (cum e à candànd) che ciaveva fà l’indervìst ma però er nu poc virghignòs e accacagghiàva. Ma però a quello ci piaceva e piglia e ha ngumnz’t che la andava appresso appresso che sa vulèv fà. E ci facev i regalìn e facèv tutt ù tùst, e l’ha andata a prendere pinzìn alla ferramènda ndoghè che fatigava questaqquà. Che infatti è iùt Manuzzèll piglia e ha ditt: “oh ma quest nn facèv à giurnalìst? cumè che mò fatìg à ferramend?” Ma quill Lilìn è nu pngòn e non ha capito che quill è nu film e succèdn i fatt allucinànd. Eeee vdè u rìst!!!
E inzò e quist siccom che se la vuole fare, se la porta coi macchinoni e pur collelicottero e s mètt a fà u grùss, ma però quannè che arriva che adda nzippà u biscòtt, piglia e ci dice a quella: “Non ti tocco se prim non mi dai u permèss e firm u condràtt“… Piglia e Giuànn u cambagnùl dice: “Kessò? ù cundràtt? e ke t stì accattànn nu trattòr da Capobbiàng?” efèss le rìse che ciàmm fatt, Tonìn tnèv i lacrm imbaccia a lìukkij che si vedevano pure alla scuria cum se foss che tnèv i brillandìn.sfumature
E inzò questa ngapèv nind stu fatt du cundràtt e quello ci dice: “Mo t fazz avdè la stanza dei giochi” che quella si penzava che tnèv à pleistèscio ma però quill tnèv cum se fòss nu seccsisciòpp: frùst, frustìn, bènd, mascherìn, zòk e zuculèll p’attaccà, robb d manètt, vibbratùr! nateppòc e ci mancava solamènd u divanètt d divafutura ki telecàmr che putevn fà à trasmissiòn co Robbertaggèmm e quell’ata buglia che stc’ semb nzìmm! kesimmalà!
E inzò questaqquà vèd tutt sti cazz d còs e si shkanda, ma però quello ci dice che è nu fatt bell e che sop o cundràtt putèvn cundrattà tutt còs per farci scegliere solo quello che voleva lei.
Ma però quell vulèv ascì a magnà o ristorànd, a fà à pizz, iccìnema, u teàtr, a dorm nzìmm, cum se foss che si voleva fitanzare e suu vulèv pur spusà pkkè avèv vist che quist tnèv i sold accatèn. Ma però quill ce l’ha detto che a lui non ce ne freca di andare a fà i còs dei fitanzati, quill vulèv shkìtt frkà ammòstr e vulèv fà u dominatòr. Che pò sè scopèrt che quest èr pur vrginèll!! Efèss e che at kiùv! Quill è rumast cum e nu babbiòn, è andato Tonìn pigghij e ha fatt: “cumbà, at che cundràtt, qua ce nzippà ù bskòtt nda spaccàzz che è pur strettastrètt e tèn a flìgn!“. Efèss maffàtt ndumacà tropp i rìs, stubbastà!
E inzò, vùt e aggìr, vùt e aggìr, questa non voleva firmare u condràtt e quist che ci diceva: “aspì che mo t fazz vdè quandè bell” e si facevano le frekate senza condràtt dentro alla vasca, sop ò litt, sop ò tavl. Ma però a nu cert pund Lilìn ha menato una loffa mondiale e ciaffàtt affucà a noi e a tutt i gend che stavano tùrn tùrn!! Efèss stèv na signòr che, in mezzo alla scurìa,facèv: “mamma mia che puzza! ma chi è questo cafone che l’ha fatta? ma non si vergognano?” và Manuzzèlla piglia e ci fà: “mè signò, dì à vrtà che sì st’t tu a LLndà!!! che i lòff, chi ì sènd p prìm è quill che l’ha mn’t!” efèss e che fgùr d mmèrd!! Anzi, efèss e che fìt d mmèrd!!
Mè inzomma alla fine questaqquà, siccòm che quello ci regala pure il macchinone e u combiùte, ci dice che vol fà na pròv e si fa paliàre ca frust p vdè cum cazz è u fatt. Ma però quello la dà forte e la fa male e ghèss nz vol fà tuccà kiù, tand ormai quill l’avev anghiùs d sold e non ce ne frecava più niente a lei.
Piglia e se ne va e u lass accussì. E inzò quella si ficca nella scenzòra e se ne va e u film s fnèsh accussì, a capa di cazzo proprio. E inzò pigghij e s sènd a Ukkijstùrt che lucculèij: “mamm e ke kiùv d cìnm!” piglia e va Tonìno e rspònn: “Ukkijstù ma che t pnzv che savevna spusà?
E inzò abbiamo uscìto piglia e le femmine dicevano tutt i fatt d sendimènd, efèss stava una che ha ditt: “alla fine del film il dolore interiore che ha provato Anastasia era più grande del dolore fisico delle frustate“, va Tonino piglia e fà: “e quill ciaveva mnà quatt papagnùn nde dind, pò vogghij vdè se tnèv angòr u dolòr inderiòr” e quella là guardato storto. Sti cazz d fèmmn ni pui pazzià p nìnd!
Alla fine ce ne abbiamo andato e stèv una che era na cumbàgn d Congètta che facèv i battùt… “ma voi uomini“, “daqquà, dallà“, “e patapìmm e patapàmm“. Ciagghij ditt: “oh ma tu da quanda timb nn frìk?” e quella sè messa a ridere piglia e ha fatt: “non si chiede a una donna! sei un cafone” e cioddetto: “mè, tamm capìt purattè! trs nda cindvindisètt, senza cundràtt e senza nind, che t fazz addcrià“. E melò portata subbt subbt. Sti cazz d fèmmn, quann vonn frkà fann semb u gìr allàrg allàrg…





La pisciata del cane sulla ruota della 127

24 01 2015

L’altro giorno ho paliàto a ùno. Anè, che at cazz d fatt, i gènd stànn propij d fòr con la capa accatèn!
E inzò avevo andato a fà nu s’rvìzzij ca cindvindisètt che siccòm che teniamo nu settòtt stèri p nanz che celànno dati a noi che se li avevano frecàti e mò lamma appiazzà che sono buoni coll’emmeppittrè e ca kiavètt, che teniamo i cumbàgn che ci serve sempre kokke stèrio nuovo. Onèst, sò cum se fòss nuovi. Chissà chi cazz sì stc’ kiagnènn.
E inzò, siccom che avevo arrivato prima dell’appundamènd, mi ò parcheggiato e agghij rumàst dentro alla 127 a cummàtt cu smàrtfo, che mò siccòm che teniamo la pplicazziòna che facìm i vidio sopra alle canzoni napoletane cum se foss che le cantiamo noi e poi ce li mandiamo per farci le rìse accatèn, mi avevo messo a fà nù vèdij ca canzòn d Giannicelèst quella che fa senzetè nn pozz stà pkkè tu m’appartieeeenooooo che ce lo dovevo mandare a na uagliòn che mi ho conosciuto, che mò amma vdè se esh kokkekkòs una sera di queste.
E inzò, mendr che stèv accussì nda makn piglia e pass nu pngòn che stèv purtànn u canagghiòn a cacà e a piscià. A nu cert pund vèd ch stu cazz d canagghiòn viene imbaccia alla 127, s mett a addurà a ròt piglia e agàvz a gàmm che s’aveva fà stu pisciatòn imabccia alla ruota.canepiscia Maaaaaa!!! Kesimmalààà!! Mi ho ingazzato accumekkè e mi ho addivendato biond cum a Goku quann s mètt a supersaiànn!! Ciò inzaccato un lucculo: Zàààààààà!!!! Kitammù! Zàààààà!!! e agghij apìrt ù spurtìll piglia e il cane cum se fòss che sè shkandato ma però pò subbt ha fatto cum se foss che s vulèv mnà imbacciammè che abbaiava e ciagghij akiùs u spurtìll mbacc’!
E inzò è vnùt qulu pngòn du padrùn, pigghij e ha fatt: “ehi! Cuccia! Vieni qua!” e io cioffàtto: “Oh, mò t le purtà a stu k’n che m stèv pisciànn mbacciaaaròt!“. Va quello piglia e dice: “Sì scusa, non mi ero accorto che c’era qualcuno nella macchina“. Kessò??? Kessòòò??? Ciagghij ditt: “Ah, e inzò siccome che stèv nda makn è iut accussì, ma però se non ci stava nessuno ciu facìv fà u pisciatòn imbaccia alla 127?
E quello sè avvilacchiato e ha fatt. “no, no…
Cum’è no no? Quill stèv pisciànn e se nn er p mè che l’agghij luccul’t mò evogghij che tnèv ù nguakkiatòn sop à ròt! E ciagghij pur mìs u nerogòmm! Anè
Piglia e quello a nu cert pund dice: “ma dai, tutt stu casìn per un po’ di pipì… secondo me neanche te ne saresti accorto
Kesssòòòòòò!!???!?!?! Kessòòòòò????!!! Efèss naffattattìmb nemmang kiù a akiùd à vokk che ciò menato nu mmafalòn che la capa sè girata ò cundrarij e ciòddetto “e d quist t n sì accòrt? ah? t n sì accòrt?
E quill che facèv: “Oh ma che sì pacc’!” piglia e ciò menato n’àt mmafalòn: “e quist’àt? t n sì accòrt mò?
A nu cert pund il cane sè menato sopammè p difend ò padrùn… efèss ciò inzaccato nu cavc’ che l’ho spisilàto da ndèrr che starà angòr inariàto cum e na mongolfìr!!
E inzò, cane e padrone tand si ànno salvato pkkè è arrivato u cumbagn mèij che tenevo l’appundamènd.
E cioddètto a quello: “mò daqquà vavattìnn! e à prossma vòt che t’angapp a fà piscià il cane imbaccia alla 127 t car’kèij!
Anè, ù pisciatòn imbaccia alla ruota daa cindvindisètt…





La figura di merda di Robbertìn a parco san Felice

21 01 2015

Efèss i fatt allucinand! Le rise accatèn ci abbiamo fatto l’altro giorno. Quando ci accocchiamo co Tonìn, Lilìn Manuzzèll e Robbertìn Ukkijstùrt esce sempre kokkekkòs che dobbiamo ridere. E inzò stèmm per la strada che avemma iè a fà nu s’rvìzzij e quill Robbertìn si mette sempre a sfòtt ai fèmmn pkkè è nu poc rapcòn e ci esce la schiuma ognevvòt che vèd a na fèmmn… e allora piglia e s mètt a fà ù scèm che ci dice alle femmine: “ciao bella, che fai?“, oppure “che amma fà? nammafanind?“, oppure “Mamm e quand sì bòn” e còs e còs… Efèss una volta aveva ingappato a nu pizz d ciànn che questa èr propij bòn accatèn che stava tutta truccata da purkakkiòn e si aveva fatto na prmèr d luss, e Robbertino ha fatt “pssss!” ma però siccòm che quest aveva èss propij na zannìr da combattimend piglia e ciaffàtto: keghè è buk’t a ròt kitammù?. Efèss le rise che ciavèmm fatt quella vòt!
E inzò a stabbòtt abbiamo andato dalla via di parco san felice che putemm tagghià mizz p mizz alla pezza arata, piglia e va Robbertìn piglia e fà: “Mamm e quand è bòn quèll, oh!!“. E stava quest che l’abbiamo vista da lontano che cum se foss che aveva finito d iè a fùij e mò si aveva messo a fare ù strècci… figur e inzò va Robbertino pigghij e si è abbiàto cum se foss che stèv in tranz, ngapèv kiù nind e ièv ritt ritt dalla parte di questaqquà. E inzò quest stèv d spall e tnèv i capìll lung ricci ricci e stu pandacòlla tutt aderend elasticizzato che a Robbertìn ci usciva la schiuma accatèn. Piglia e mendr che facèv ù strècci, si acàla per fare l’esercizio e Robbertìn ci guarda il culo piglia e fà: “Oh, signorina! Mamm du carmn e che sòrt d cùl a televisiòn che tìn! E nammavdè nind?” Piglia e questa si gira e ci esce il vociakkiòne e fa: Ke tagghia fà vdè? à ndènn che tèng sòtt? Camìn vattìnn da qua angòr mò t cavcièij!! Maaaadòòòò!!! Nn èr na fèmmn! èr nu màscul ki capìll lung!! E si aveva pure ingazzàto!!! Kesimmalà!!! Efèss Robbertìn è rumàst cum e nu babbiòn!! Noi ci abbiamo shkattato dalle rìse, Tonìn stèv ki làcrm a l’ukkij.
Efèss e come l’abbiamo sfottuto a Robbertìn! Io ci dicevo: “Mamm Ukkijstù! Cert che tu tìn na vìst che fc’ paùr! Ma cum cazz è fatt a scagnà nu màscul p na fèmmn?” e gli altri che ridevano accatèn. E inzò alla fine ognevvòt che passava un maschio che stèv facènn fùting andavamo noi e facèmm imbaccia a Robbertìn: “Oh Ukkijstù, vid a quèll! oh!” e ci facevàmo le rìse. Efèss e come se la sentiva che u sfuttèm. Ma però è troppo cecagghiòne s’adda mbarà a vdè nu poc kiù megghij che sìnnò fc’ semb fgùr d mmèrd. Anè, che ci sta!





Rènz, Renzo, Renzi… semb ngul s l’adda pigghià

15 01 2015

-oh uagliù! Avìt sndùt ù fatt d Rènz?
-kessò kessò
-Ha ditt che i famigl in italij si hanno fatto più ricchi di prima
-seee, u cazz!!!
-daveramènd…
-camin vattìn, facciu iè a pigghià ndo cul a ìss e a Donabbòndij
-nzimm a chi è?
-Donabbòndij!!
-e chi cazz è?
-efèss! sind a quist… e cum s vèd che nn tìn i scol fattizz!! Canùsh a Rènz e nn canùsh a Donabbò…
-ma chi è? nu minìstr?
-ma qual ministr! è nu prèvt!
-e ke cazz ciaccòkkij?
-cumè kecciakkò… ù prèvt che l’aveva spusà
-a chi?
-a Renzo!
-Renzo Arbore?
-ma qual renzoàrbr!!! Renzo dii promessispòs!! Quill che s’aveva spusà a Lucia… ma stu ciùcc’!
-sì ma mò kecciakkò?
-oh, tu è ditt Renzo…
-Renzi!!!
-Renzi? Quill daa polìtk?
-Eeeehhhh!!!
-E dìll prim!!!
-E che agghij ditt?? Sì tu che capish semb nu cazz p n’àt
-Ma che cazz n sacc… vabbù comunque facciu iè a pigghià ngul a iss e a Berluscòn!!

Gli amici miei ngia ponn fà…





Le risate al bowling

13 01 2015

L’altro giorno abbiamo andato a iucà ò bulìng, efèss e quanda rìs che ci abbiamo fatto. E inzò quill stèv Lilìn che ognevvòt facèv semb à parànz che dice che lui sa giocare più meglio di noi pkkè iss s’p fà i tiri all’effetto. Ciagghij ditt: “Camìn vattinn che tu co quella manuzzèll offès e vdè apprìm se cia fì a pigghià a pall in mano p mnàrl sop ‘e birìll“.
Che quill là, imbaccia a quili cazz d pall stann i bùk che uno avessa shkaffà i diti da dendro, ma però siccòm che ogneppàll tiene i buchi a cazza suij, ognettànd angàpp certi pall che nz ponn angappà bun e non ce la fai a tirare bene. Che pò alla fine chi cazz è che angàpp i pall dai buchi? Stann quill che à ngappn da sott e la menano dritt p dritt e pass à paùr!
E inzò abbiamo andato che stèmm io, Tonìn, Lilìn Manuzzèll, Robbertìn Ukkijstùrt, Giuànn ù cambagnùl, e pò stèvn tre amiche d Tonìn che queste l’avemm canusciùt quannè che abbiamo andato una volta a uno sposalìzzio vicino alle Ngornàte. Efèss e quand sò bòn, e secondo me sò pur pork e vonn fà kokkekkòs commè e co Tonìn. Kesimmalà, stèv Robbertìn Ukkijsturt che faceva la ricotta e ascèv à shkum da mmòkk tropp che stava allupato pkkè questeqquà si avevano messo robb d minigònn, stualètt, cavzòn aderènd che s vdèv ù cul bell tust tust e pò tenevano pure le provole a prssiòn che cum se foss che vulevn ascì da fòr!! E io ci facevo a Tonìn: “Oh tonì! Vid che mò s n zomb ù bttòn daa cammsèll a quell!!! Efèss e cum vonn ascì!! Mò s men’n mbacc’!!” e Tonìn che si ha fatto le rise accatèn!bowling
E inzò, mendr che stèmm arruànn piglia e va Robbertino e fa la prima figura dimmèrda: stava trasendo andò che s iòk ma però là non si può andare colle scarpe normali che te mett i scarpett che ti danno quelli là, e inzò è andato quello che fatìga là e ha fatto: “Scusi signore, non si può andare con le scarpe normali” e Robbertìn si ha distratto per sentire a quill del bulìng e siccome che non vede bene che tiene l’ukkij stùrt, piglia e ha ingiambicàto imbaccia al gradino e se nè iùt ritt ritt d muss ndèrr! SBADABAMM!! Efèss si ànno girato tutt quand, mamm e che fgùr d mmèrd che ha fatt! Tonìn stèv già ki lacrm che a quill ci viene pure il dolore di pancia pkkè quando ride si indomachèia tuttquand e nn pot rsprà tropp alle rìse.
E inzò finisce stu fatt piglia e ci andiamo a mettere le scarpe. A nu cert pund si leva le scarpe Lilìn e s’accummènz a sènd nu fìt d prvlòn!! Mamm i pìd e cum cazz ftèvn!! Va Tonìn piglia e dice: “Oh Lilì e che cazz kokkevvòt tii putarrìst pur lavà i pìd! Ci stai uccidendo i sìnz!” e io cioddètto: “Ma tu ognevvòt cacci un fito! E stìm nda makn e fai le loffe e fètn. E t liv i scarp e s send ù tàmb dii pìd. Se fì nu sgurrutt arrìv à zaff’t d fugnatùr che nemmang si ven Fredèll a pot aggiustà. Ekkekkàzz! Fà subbt a mett i scarp“.
Ma indànd a nu cert pund quill non trovava nemmang i scarp col numero giusto e sè pers n’àt timb… mammamà si aveva imbestàto tutt u bulìng, efèss u fìt, cì cì!!!
E inzò alla fine si ha messo le scarpe e amm iùt a iucà. Abbiamo tirato i primi tiri e amm fatt i stràikk io e Tonìn. Pò ha tirato Robbertìn e che tuu dicaffà, quill tèn l’ukkij sturt, guardammè e neruèr e ha tirato ritt ritt nda canalìn di lato, efèss e cum stc’ accìs Robbertìn. Ma però quill ngapish nind pkkè stèv semb a guardà i femmn e non si aveva congendrato bene.
E inzò alla fine aveva tirà Lilìn. Piglia e prende la palla che vulev fà ù gruss e vulèv ficcà i diti da dentro e ci scappa da immàno e se la abbushka sop ò pìd: efèss e che bòtt! Accummèzz a gastmà e tutti che si ànno girato, efèss e che fgùr d mmèrd che ha fatt. Tonino rideva accatèn e io cioddètto: “Oh Lilì mo però nd luànn natavòt à scarp ca scus che ti hai fatto male, che sinnò daveramènd amma murì tropp u fìt. Pur i birìll i fì cadè senza tirare nemmang à pall, se ne cadono pù fìt” e Tonìn si ha indomacàto tropp i rìs. Pure Giuànn u cambagnùl rideva accatèn.
E inzò va Lilìno prende la palla e fà: “mo v fazz avdè nu tir all’effètt“. Pigghij à ringòrs e fc u buffungìll: “Eeeee Vualà!!“. Mò siccòm che Lilìn pès cindcinguanda kìn e tnèv i scarpètt mongospàstk du bulìng e tiene pure la manozzella offesa, piglia e ha fatt na manòvr caa ringòrs che nzèccapìt che cazz ha fatt, e inzò sta pall dabbùling invece di andare rasotèrr si ha inariàta e ha volato storto e piglia e ha andato a finire prim nella canalina, ma però siccòm che qulu stubbtòn aveva tirato tropp fort, ha fatto cum se foss nu rimbalz piglia è iut a fnèsh nell’altra pista andò che stèvn iucànn n’ati uagliùn!! E ci ha menato i birill ndèrr a quill!!! Kesimmalà!! Efèss le rìse accatèn che ci abbiamo fatto. Ridevano pure le amiche nostre.
E inzò piglia e va Lilìn è andato da questi e ha fatt: “oh siccom che la palla mia è andata nella vostra pista, mo m’avita dà na pall accaparrèt che l’agghia tirà nella mia pista” piglia e ci freca la palla a quello che aveva tirà e se la prende lui che saa vulev tirà natavòt nella sua pista.
Maaaaaaaaa!!! Kesimmalà!! Quill sè ngazz’t e ciaddìtt kokkekkòs che non ho sentito pkkè stèv tropp ridendo. E inzò si ànno messo a fà allìt e a nu cert pund agghij vist a Lilìn che s stèv ngazzànn e sono andato pure io e melò portato pkkè sinnò quill partèv coi pugni a mulinèll e i facèv vulà dind alla pista pure a loro.
A Lilìn à prossma vòt nn mu port kiù a iucà al bùling. Però onèst, ci abbiamo fatto le rìse accatèn pur stavòt!