L’autografo in tedesco

19 01 2018

E inzò stammatìn abbiamo andato allo stadio che stèvn iggènd accatèn che iffòggia facèv l’allenamenDo di rifinitura eppò se ne andavo al ritìro cu pullmànn che pò mo ke domani sta la partita condr al Pescara.
Piglia e stèvn tutt i tfùs fòr daa tribbùn che si facevano la chiacchiera, e stèvn i giurnalìst che avevna fà à conferenzastàmb a Stroppa. Stèv pur quill che l’altro giorno s vulev palià con uno fuori alla tribbuna pkkè quill ciavev ditt i paròl e s stèvn pigghiànn a taccaràte ma però pò è vnùt Fares nzimm a Linozzingarè e ciaffàtto fare la pace che si sono dati la mano. Anè se stavo io usì quanda papagnùn che s’aveva abbushkà u giurnalìst!
E inzò a nu cert pund si ha finita la conferenzastàmb d Stroppa, piglia e tutt quand stèvn ascènn, piglia e agghij vist a Robbertìn Ukkijstùrt che si aveva abbiàto cum e nu robbottìn e ci usciva à shkum da mmòkk, e agghij subbt capìt che aveva visto a kokke fèmmn e ci era partito ù skizz duu rattusiamìnd, e infatti si aveva fatta già la schiuma mmòkk… e inzò l’agghij vulut inzeguì p frmarl perchè quill è cum e nu gatt ingalòr che se ne scappa quann vèd a na gattafèmmn e la inzègue! Che quill nn vèd nu cazz pkkè tèn gli occhi storti che guardammè e neruèr, ma però quann s tratt d ciànn tiene i radar che i vèd pur da cindmètr! Eppò agghij vist che vulèv trasì dendro ai cangelli della tribbuna che stèvn due giornaliste femmine e ciagghij ditt: “Oh Robbertì nd facènn accanòsh pur qua che t n vì facènn semb fgùr d mmerd a tutt vànn, e pulizzt quela shkum da mmòkk che assummiggh n’epilèttk!“.
Efèss tutt quand si hanno fatto le rìse accatèn e quill p ammuccià tuttocòso vulev fà find che aveva andato che vulèv l’autografo, ma neruèr… quill avev vist a nateùn che stava là ca penn e cu fogl e ha trovato la scusa. E inzò a nu cert pund piglia e esce Kraggòl, u ainzvaiiucatòr nuv, quello tedesco che tèn ù uaglionabbòn che ha fatt iggrandefratello e ittaleqqualesciò, quill che tèn l’occhiale che angòr namm capìt se adda iucà coll’occhiale oppure ki lendaccundàtt oppur senza nind che accussè nn vèd nemmang u pallòn. Vabbù, che ce ne freca a noi, e inzò piglia e va sto ragazzo e ci chiede l’autografo e quill celo scrive imbaccia al foglio. Piglia e và Robbertìn piglia e fà: “Oh ma l’autogrf quist cum u scrìv? in italiano o in tedèsk?“. Efèss Tonìn già stèv nderr colle lacrime imbaccia a l’ukkij, tutto indomacàto tropp i rìs… io nongelafacevo nemmang kiù a parlà, kesimmalà… e quill Robbertìn che ngapèv e ci guardava e facèv: “Oh che cazz ridete a fare? Che agghij ditt d malamènd?
Ngia pot fà, ngia pot fà!!!! Anè  l’autogrf in tedesk…
Mè, dai, ciamm fatt i rìs pur sta vòt.

Annunci