L’autografo in tedesco

19 01 2018

E inzò stammatìn abbiamo andato allo stadio che stèvn iggènd accatèn che iffòggia facèv l’allenamenDo di rifinitura eppò se ne andavo al ritìro cu pullmànn che pò mo ke domani sta la partita condr al Pescara.
Piglia e stèvn tutt i tfùs fòr daa tribbùn che si facevano la chiacchiera, e stèvn i giurnalìst che avevna fà à conferenzastàmb a Stroppa. Stèv pur quill che l’altro giorno s vulev palià con uno fuori alla tribbuna pkkè quill ciavev ditt i paròl e s stèvn pigghiànn a taccaràte ma però pò è vnùt Fares nzimm a Linozzingarè e ciaffàtto fare la pace che si sono dati la mano. Anè se stavo io usì quanda papagnùn che s’aveva abbushkà u giurnalìst!
E inzò a nu cert pund si ha finita la conferenzastàmb d Stroppa, piglia e tutt quand stèvn ascènn, piglia e agghij vist a Robbertìn Ukkijstùrt che si aveva abbiàto cum e nu robbottìn e ci usciva à shkum da mmòkk, e agghij subbt capìt che aveva visto a kokke fèmmn e ci era partito ù skizz duu rattusiamìnd, e infatti si aveva fatta già la schiuma mmòkk… e inzò l’agghij vulut inzeguì p frmarl perchè quill è cum e nu gatt ingalòr che se ne scappa quann vèd a na gattafèmmn e la inzègue! Che quill nn vèd nu cazz pkkè tèn gli occhi storti che guardammè e neruèr, ma però quann s tratt d ciànn tiene i radar che i vèd pur da cindmètr! Eppò agghij vist che vulèv trasì dendro ai cangelli della tribbuna che stèvn due giornaliste femmine e ciagghij ditt: “Oh Robbertì nd facènn accanòsh pur qua che t n vì facènn semb fgùr d mmerd a tutt vànn, e pulizzt quela shkum da mmòkk che assummiggh n’epilèttk!“.
Efèss tutt quand si hanno fatto le rìse accatèn e quill p ammuccià tuttocòso vulev fà find che aveva andato che vulèv l’autografo, ma neruèr… quill avev vist a nateùn che stava là ca penn e cu fogl e ha trovato la scusa. E inzò a nu cert pund piglia e esce Kraggòl, u ainzvaiiucatòr nuv, quello tedesco che tèn ù uaglionabbòn che ha fatt iggrandefratello e ittaleqqualesciò, quill che tèn l’occhiale che angòr namm capìt se adda iucà coll’occhiale oppure ki lendaccundàtt oppur senza nind che accussè nn vèd nemmang u pallòn. Vabbù, che ce ne freca a noi, e inzò piglia e va sto ragazzo e ci chiede l’autografo e quill celo scrive imbaccia al foglio. Piglia e và Robbertìn piglia e fà: “Oh ma l’autogrf quist cum u scrìv? in italiano o in tedèsk?“. Efèss Tonìn già stèv nderr colle lacrime imbaccia a l’ukkij, tutto indomacàto tropp i rìs… io nongelafacevo nemmang kiù a parlà, kesimmalà… e quill Robbertìn che ngapèv e ci guardava e facèv: “Oh che cazz ridete a fare? Che agghij ditt d malamènd?
Ngia pot fà, ngia pot fà!!!! Anè  l’autogrf in tedesk…
Mè, dai, ciamm fatt i rìs pur sta vòt.

Annunci




Ferraùst annànz alla villa

16 08 2017

E inzò ieri amm iùt annànz à vill… anè nongivolevano fà passà, stèvn i post d blokk che nateppòk nemmàng quann anna bluccà a kokke assassìn che s vol fùij… Anè, “ragazzi si entra solo con il PASS“… ciagghij ditt: “mò se nd liv da nanz sò èij che t PASS p sop a te“.
Dìnn che si doveva prendere l’invito la mattina. Kesimmalà! Nui stèmm tandabbèll a Sipòndo, ci abbiamo arritiràto la sera iust iust p iè annànz alla villa, chi cazz aveva iè a pigghià l’invito? Anè l’invito, e che stì ò domùss o all’istuà?
E inzò, abbiamo trasuto u stèss, che se quill diceva kokkekkòs ci menavo kokke mafalon nde dind… E inzò ciabbiamo andato a send stu congèrt d Rònno, ma però stèv Lilìn che u sfuttev: “Ricchiò! mò s n zomb à parrùkk!” efèss e cum à cumbn’t ammòstr a cu povrill! Tonìn che faceva: “Oh! e candà na canzòn d Giannicelèst? Keghè sti canzùn d mmèrd!“.ferraust001
E inzò poi hanno fatto i fùk, ma però quistànn non erano cum e i fuk degli altri anni… stèv quill sop ò palk che cacava il cazzo semb a dic’ i stess fatt: “Foggia! Fate l’applauso! Foggia! Duemileddiciassètte! Quin’ciagòsto! Fate l’applauso! Splendidi fuochi! Fate l’applauso! Su le mani! Fate l’applauso! Piromania! Fate l’applauso! Fandasia piroteccnica! Fate l’applauso! E i landèrn! Fate l’applauso! E i fuk! Fate l’applauso! E u trumbettìst! Fate l’applauso!” A nu cert pund ho menato un lucculo: “Oooohhh! teeestacìtt o no? Ce cak’t u cazz tu e FATELAPPLAUSO!” piglia e va Tonino e dice: “Onèst, mò avita fà l’applaus!” e i gend tutt a ridere e mann fatt l’applaus ammè! Efèss i ris accatèn!
Pò stevn quill che tenevano u combressor cu bocchettòn che sparava i coriàndoli, che celà menati imbaccia alla signòr che stèv imbrìmafila, efèss à signòr ca voccapèrt s’avrà magn’t nu kinemmìzz di coriandoli e se ne iùt accaparrèt tropp à prssiòn!ferraust002
Pò stevn quill che ci davano i pallungìn colla luce da dendro che poi i gend l’avevna fà vulà… ma però Robbertìn che è nu zannìr selà frecato, ha sbucato u pallungìn e si ha frecato la lambedìna che stev da ind, at zannìr… che pò quell s scarkè à batterèij e si astùta, che cazz t ne fà…
E inzò stèvn sti fuk che avevna iè a rittmo di musica ma però ièvn pii cazz lor… è uscita pure la canzona del Foggia “demmasbillò! demmasbillò!” ma però pò l’hanno tolta e hann mis quella della scìgna di Frangescogabbiàno che quill assummegghij a Marcocolùmbr… i gend che si avevano cacato il cazzo che s n vulevn iè a kork.
Cenabbiamo tornato, ciamm sfunn’t d borghett e Peròn eppò ciamm fatt nu bell cannòn! Mè, onèst, ciabbiamo addivertìto.





Cambovolo? No, Cambomarìn!

18 09 2015

-oh amma iè a Cambovòlo?
-ndoghè che amma iè?
-a Cambovòlo
-a Cambomarìn?
-Cambovolo!ligabue
-e keghè?
-è nu paès…
-robb d sagr? s magn?
-no, stc’ ù congèrt d Ligabbùe
-chi è?
-Ligabbùe
-e chi cazz è?
-oh che cazz nu canùsh a Ligabbùe?
-ma chi è, quill che cand “spiritttòòò, libberòòò”?
-kecciakkò quill sò i Littfìbba
-e che n sacc’, m’ambrògghij! accummènzn tuttedduij caa “L”
-oh ma stì nguaij’t! tu canush shkitt a Giggidalèss
-kessò! canosh pur a Giannicelèst, a Tommiriccio, a Vezzòso, a…
-era per dire, che tu canush shkitt i canzun napult’n
-no kessò, mi sendo pur i canzun stranìr
-peresèmbio?
-uììì uò uììì uò ràcchiu!
-efèss, shkitt quell… e le altre?
-qual vui send?
-peresembio uì ar d cèmbio
-ah, quell daa cembionzlìg… d cèèèèèmbiooooo!!!
-no kessò! semb quell dii Quìnn… uì àr d cèmbio
-ah agghij capìt… quella che fa “uì ar d uòòòò, uì ar d cèmbiooo”
-ma che cazz ciakkò, quill è maicoggèccso…
-vabbù semb quill è…
-stì proprij accìs!
-efèss chi parl…
-mè oh, amma iè a stu Cambovòl a vdè a Ligabbùe?
-camìn vattupigghijngul tu e Cambovòl! E facciu iè a pigghià ndo stracùl pur a Ligabbùij! Imicìnn a Cambomarìn che fc’ cavd e ci andiamo a menare nda l’aqq…
-e pò domenica a Benevend a vdè u Fogg?
-seicapitobbuòno!

(quistànn nongiandare a Cambovòl, vìn a Cambomarìn!!)





Le risate al negozio dei prosciòppi

25 04 2015

Ieri ciabbiàmo fatto i rìs accatèn che abbiamo andato a trovare a Cungètt al negòzzio duu mariùll (che noi lo chiamiamo accussì pkkè tèn i prèzz che sò alti accatèn e t stòkk i rekkij). E inzò, affiang ò mariùll sta un altro negozzio di prosciòppi che vendono i detersìv e i fatti per la casa.
E inzòmm stèv il figlio di Michelone Uapptìll che doveva fatigàre a questo negozzio pkkè siccòm che è ciucciarìll e non ci vuole andare alle squole, u padr u vol mannà a fadgà. Ma però siccome che stu uagliòn non aveva mai fatigato, non sapeva comè che si doveva fare. E allòr è andato u padrùn du negòzzij, che quello è amico di Uapptìll e ci fa il piacere che lo aiuta a fà fadgà al figlio, piglia e ciaddìtt: “mò ti faccio vedere io come si fa coi cliènti… tu gli devi sempre cercare di vendere qualcosa in più quando vengono a comprare, ma non deve sembrare che gliela stai piazzando“. E u figghij d Michelòn facèva di sì con la testa. Ma però secondo me quill naccapìt nu cazz d nind.Swiffer-Duster-Kit
E inzò è trasùta una signora e piglia e quill ci fa: “Buongiorno signora, cosa le serve?” va la signora pigghij e accummenz a fà: “Mi serviva un prodotto per pulire i vetri“. Piglia e va quello e ci fa imbaccia al ragazzo: “Vai a prendere il Vetril alla signora e poi prendi pure il Pronto, così visto che deve pulire i vetri approfitta e dà anche una bella lucidata ai mobili. Dico bene signora?” E à signor tutta cundend: “Sì sì, dai, facciamo così, prendo anche il Pronto perchè avevo finito anche quello. Grazie
E inzò, dop nu poc arriva un’altra signora piglia e fà: “Scusate, avete per caso quei sacchetti di ricambio per l’aspirapolvere?” va quello piglia e fà: “Certo signora abbiamo tutto, e guardi, le dò anche un pacco di Swiffer per raccogliere la polvere dai mobili, così con il panno elettrostatico la toglie in un attimo. Che ne pensa? Non ho ragione?“. “uuuhhhh, sììì! Grazie!” “Signora vuole anche il bastone allungante per arrivare negli angoli nascosti?” “Ah grazie, prendo anche quello, così non mi devo ammazzare per arrivare nell’angoletto“.
E inzò quist ci piazzava tutt i fatt alle signore, efèss cià venduto pur i svuìff svuìff p luà à polvr!!h-tena
A nu cert pund entra una ragazza che s’aveva accattà l’assorbènd, piglia e va imbaccia allo scaffale e angàpp nu pakk d TenaLady che fann l’assorbimend H-TENA e ce li mette sòp ò bangòn che aveva pagà. Piglia e và Tonìn e dice imbaccia al figlio di Uapptìll: “Oh, muvt, vacci a prendere pure le altre cose!” va quello piglia e fà: “Che cose?” va Tonìn piglia e fà: “Cumè? u Vetrìl, ù Prònto, ì svuìff-svuìff!!” e quello guarda alla ragazza, pò guard a Tonìn e dice: “Ecchecciaccòcchiano?
Va Tonìno piglia e fà: “Cumè kecciakkò? Se s’accatt l’assorbènd significa che tèn i mesturazziòn epperciò adda stà una settimana senza frkà!! Almèn apprufìtt e s mètt a puluzzà la casa!
Efèss mi ho crepato dalle rìse. Stèv u padrùn du negòzzij che si aveva ingazzato e lo voleva cacciare pkkè ha ditt: “Mi fate perdere i clienti” e invece cioddètto: “Oh vid che èr na battùt!! Anè!
Che pò à uagliòn io l’ho vista che sè mis pur a rìd… quell se vì a vdè si ha pure addivertìta H-TENA!! Mèèèè che ti piaaaaceeee!!!





Quannè aggratìss…

17 04 2015

-stasera venite a “Libando”?
-ndoghè che amma vnì?
-a “Libando”
-e ndò s tròv stu Libbànd? nn è pruving’ d Fògg?streetfood
-non è un paese! è una manifestazione culinaria che fanno in centro qui a Foggia!
-kessò? stann i gènd ki cùl p l’arij?
-cosa?
-oh tu lè ditt: i culi in aria
-culinaria!! Significa cucina, gastronomia! si mangia!
-aaaahhhh!!! e parl potàbbl!!! dìll che è na cos d magnatòrij!!! E inzò, e che s magn?
-di tutto, specialità tipiche delle varie regioni d’Italia: le arancine di Sicilia, gli arrosticini dell’Abruzzo e tanto altro
-ma sadda pagà?
-certo che si paga
-e allòr ammè m vèdn col cannocchiàlo
-ah, e se invece fosse stato tutto gratis, venivate?
-eccèrt! pkkè quannè aggratìss è fà pur ù bbìss!!!
-avete proprio una mentalità arretrata
-ndennarètt ciaccanè… dimmammè: le Peròne e i borghètt stann?
-non lo so, penso di sì
-emmè, e allòr è tuttappòst! Andò stann i Peròn e i borghètt stìm pur nuij!!





Tutti a LupaRòma!!!!

21 03 2015

-ciaccanì stìm facènn pareddìsp’r p vdè se amma iè a Ròm o no
-andoghè che avita iè?
-a Roma
-a fà che?
-a vdè ù Fogg’
-e quill iòkn a Aprìlij
-kessò! ke cazz dic’! iòkn mo ke domani
-sì ma iòkn a Aprilij
-oh vid che domani è angòr u vindidùij d Marz
-Aprilia!!! no Aprile!!!
-Aprilia? à motociclètt?
-Aprilia ù paès!!! Pngò!!! il Foggia gioca a Aprilia!
-ma che cazz dic’ che l’Aprilij è retrocess nde dilettànd Lannoscòrs
-seee, appòst!!
-ohhh! vid che u Fogg’ iòk condr la Lupa Roma no condr a l’Aprilij
-embè! à Luparòm andò iòk?
-a Ròm! cumè! ndo vòl iucà? a Milano? Si chiama Lupa Roma e iòk a Roma
-sì u cazz… e se s chiam’v Lupa Milano iuk’v a Milano
-eccèrt!
-necapìt nind! Lupa Roma è solo il nome ma quill iòkn a Apriliasegnale
-makkeveramè
-ecapìt bun!
-vattì ke neruè
-taaaaa ng crèd quist! allòr sì scèm! shkitt tu nu sapiv
-e lo stadio è quill ndo ke iòk l’Aprilia?
-Sì, è u stess stadij
-ma ke l’anm deeee kitammù…
-keghè
-là putìm iè tranguill
-pkkè?
-pkkè ng vol nind a fà ù scavalcamìnd
-eruè?
-evò! solamend che ciamma mnà nella pezzaràta accatèn…
-ah…
-oppure ce l’amma vdè da sop a l’albr che stann fòr ò murètt
-madò…
-oppur da sòp ò palazzòn, quill nùv che stc’ d rmbètt
-e cum e nghianà?
-tuzzulèij u citòfn e fazz: “volandiniii!!!
-i volandìn? e t’agàprn?
-èvò! Quann amm iùt indrasfèrt a Puteolana amm fatt accussì!
-vabbù ma a dumènkemmatìn se dici “volantini!” quill s penzn che sì tstmònij d genova e ndagàprn…
-à matìn? che s iòk à matìn?
-iokn a mizziùrn
-sang daa madòshk!
-keghè?
-è tard! mòòò ciamma abbià, uè… mòòòò proprij!!!
-aspè che quill…
mòòòòòòòò!!!!
-oh, bell bè…
mooooooooooooo!!!!!

kesimmalà, sò na mass d mattignùn!! Tutti a Lupa Roma!!!!





Le risate al bowling

13 01 2015

L’altro giorno abbiamo andato a iucà ò bulìng, efèss e quanda rìs che ci abbiamo fatto. E inzò quill stèv Lilìn che ognevvòt facèv semb à parànz che dice che lui sa giocare più meglio di noi pkkè iss s’p fà i tiri all’effetto. Ciagghij ditt: “Camìn vattinn che tu co quella manuzzèll offès e vdè apprìm se cia fì a pigghià a pall in mano p mnàrl sop ‘e birìll“.
Che quill là, imbaccia a quili cazz d pall stann i bùk che uno avessa shkaffà i diti da dendro, ma però siccòm che ogneppàll tiene i buchi a cazza suij, ognettànd angàpp certi pall che nz ponn angappà bun e non ce la fai a tirare bene. Che pò alla fine chi cazz è che angàpp i pall dai buchi? Stann quill che à ngappn da sott e la menano dritt p dritt e pass à paùr!
E inzò abbiamo andato che stèmm io, Tonìn, Lilìn Manuzzèll, Robbertìn Ukkijstùrt, Giuànn ù cambagnùl, e pò stèvn tre amiche d Tonìn che queste l’avemm canusciùt quannè che abbiamo andato una volta a uno sposalìzzio vicino alle Ngornàte. Efèss e quand sò bòn, e secondo me sò pur pork e vonn fà kokkekkòs commè e co Tonìn. Kesimmalà, stèv Robbertìn Ukkijsturt che faceva la ricotta e ascèv à shkum da mmòkk tropp che stava allupato pkkè questeqquà si avevano messo robb d minigònn, stualètt, cavzòn aderènd che s vdèv ù cul bell tust tust e pò tenevano pure le provole a prssiòn che cum se foss che vulevn ascì da fòr!! E io ci facevo a Tonìn: “Oh tonì! Vid che mò s n zomb ù bttòn daa cammsèll a quell!!! Efèss e cum vonn ascì!! Mò s men’n mbacc’!!” e Tonìn che si ha fatto le rise accatèn!bowling
E inzò, mendr che stèmm arruànn piglia e va Robbertino e fa la prima figura dimmèrda: stava trasendo andò che s iòk ma però là non si può andare colle scarpe normali che te mett i scarpett che ti danno quelli là, e inzò è andato quello che fatìga là e ha fatto: “Scusi signore, non si può andare con le scarpe normali” e Robbertìn si ha distratto per sentire a quill del bulìng e siccome che non vede bene che tiene l’ukkij stùrt, piglia e ha ingiambicàto imbaccia al gradino e se nè iùt ritt ritt d muss ndèrr! SBADABAMM!! Efèss si ànno girato tutt quand, mamm e che fgùr d mmèrd che ha fatt! Tonìn stèv già ki lacrm che a quill ci viene pure il dolore di pancia pkkè quando ride si indomachèia tuttquand e nn pot rsprà tropp alle rìse.
E inzò finisce stu fatt piglia e ci andiamo a mettere le scarpe. A nu cert pund si leva le scarpe Lilìn e s’accummènz a sènd nu fìt d prvlòn!! Mamm i pìd e cum cazz ftèvn!! Va Tonìn piglia e dice: “Oh Lilì e che cazz kokkevvòt tii putarrìst pur lavà i pìd! Ci stai uccidendo i sìnz!” e io cioddètto: “Ma tu ognevvòt cacci un fito! E stìm nda makn e fai le loffe e fètn. E t liv i scarp e s send ù tàmb dii pìd. Se fì nu sgurrutt arrìv à zaff’t d fugnatùr che nemmang si ven Fredèll a pot aggiustà. Ekkekkàzz! Fà subbt a mett i scarp“.
Ma indànd a nu cert pund quill non trovava nemmang i scarp col numero giusto e sè pers n’àt timb… mammamà si aveva imbestàto tutt u bulìng, efèss u fìt, cì cì!!!
E inzò alla fine si ha messo le scarpe e amm iùt a iucà. Abbiamo tirato i primi tiri e amm fatt i stràikk io e Tonìn. Pò ha tirato Robbertìn e che tuu dicaffà, quill tèn l’ukkij sturt, guardammè e neruèr e ha tirato ritt ritt nda canalìn di lato, efèss e cum stc’ accìs Robbertìn. Ma però quill ngapish nind pkkè stèv semb a guardà i femmn e non si aveva congendrato bene.
E inzò alla fine aveva tirà Lilìn. Piglia e prende la palla che vulev fà ù gruss e vulèv ficcà i diti da dentro e ci scappa da immàno e se la abbushka sop ò pìd: efèss e che bòtt! Accummèzz a gastmà e tutti che si ànno girato, efèss e che fgùr d mmèrd che ha fatt. Tonino rideva accatèn e io cioddètto: “Oh Lilì mo però nd luànn natavòt à scarp ca scus che ti hai fatto male, che sinnò daveramènd amma murì tropp u fìt. Pur i birìll i fì cadè senza tirare nemmang à pall, se ne cadono pù fìt” e Tonìn si ha indomacàto tropp i rìs. Pure Giuànn u cambagnùl rideva accatèn.
E inzò va Lilìno prende la palla e fà: “mo v fazz avdè nu tir all’effètt“. Pigghij à ringòrs e fc u buffungìll: “Eeeee Vualà!!“. Mò siccòm che Lilìn pès cindcinguanda kìn e tnèv i scarpètt mongospàstk du bulìng e tiene pure la manozzella offesa, piglia e ha fatt na manòvr caa ringòrs che nzèccapìt che cazz ha fatt, e inzò sta pall dabbùling invece di andare rasotèrr si ha inariàta e ha volato storto e piglia e ha andato a finire prim nella canalina, ma però siccòm che qulu stubbtòn aveva tirato tropp fort, ha fatto cum se foss nu rimbalz piglia è iut a fnèsh nell’altra pista andò che stèvn iucànn n’ati uagliùn!! E ci ha menato i birill ndèrr a quill!!! Kesimmalà!! Efèss le rìse accatèn che ci abbiamo fatto. Ridevano pure le amiche nostre.
E inzò piglia e va Lilìn è andato da questi e ha fatt: “oh siccom che la palla mia è andata nella vostra pista, mo m’avita dà na pall accaparrèt che l’agghia tirà nella mia pista” piglia e ci freca la palla a quello che aveva tirà e se la prende lui che saa vulev tirà natavòt nella sua pista.
Maaaaaaaaa!!! Kesimmalà!! Quill sè ngazz’t e ciaddìtt kokkekkòs che non ho sentito pkkè stèv tropp ridendo. E inzò si ànno messo a fà allìt e a nu cert pund agghij vist a Lilìn che s stèv ngazzànn e sono andato pure io e melò portato pkkè sinnò quill partèv coi pugni a mulinèll e i facèv vulà dind alla pista pure a loro.
A Lilìn à prossma vòt nn mu port kiù a iucà al bùling. Però onèst, ci abbiamo fatto le rìse accatèn pur stavòt!