A Monopoli ‘parco della vittoria’… duu Fogg’!!

21 04 2013

Efèss e che cazz di giornata. Mi sono proprio addicriàto. Siamo andato a Monopoli da stammatìn pkkè dice che là vicino sta ‘il capìtolo’ che è na spiaggètt che è cum e na discotèk che s’abbàll, s vèv e s frèk. Efèss Lilìn che ngapìsh nind si penzàva che èr ù càpitol il cinema, makkeveramè, è proprij nu mattignòn…Stadio_Monopoli Che pò Lilìn si penzava pure che a Monòpl stann quatt stazziùn, ù vicolo cùrt e ù vicolo strìtt… keppngòn! E inzò amm iùt al mare, però nn stèv ù sol come si deve, mannagg’ a sand nind… non ci siamo fatto nemmango il bagno che facèv nu cazz d frìdd. Poi ciamm magn’t a past ò furn, ciamm vippt ù vìn, ciamm sfunn’t d borghètt, e siamo andato allo stadio. Solo che siccòm stèmm ki kianìll e stèmm nu pok mbriachi, non ce la facevamo a fà ù scavalcamind. Però quill Tonìn è furbakkiòn, ha ingappàto a una signora che agàbbt ind ò palàzz di rimbett allo stadio e cià ditt che stèmm senza sold pkkè ci avevano frekato ù portafògl e che Lilìno è malato di mente e tèn a manuzzèll offès e che era peccato, e se putèmm iè sop ò terràzz accussì u tnèmm cundènd. Efèss e cum l’ha stubbtìt alla signora che quèll s’è dispiaciùt daveramènd e ciaffàtt anghianà. Che poi stèvn pure i figli e i criaturìll che la domenica mangiano tutti insieme. Onèst, amm iùt d lùss che pò ciamm abbushkt pur i pastarèll e il figlio s’è vist à partìt nzimm a nuij… però era lontano e nz vdèv nu cazz d nind. Che pò quist ha accumnz’t a parlà d polìtk nzimm a Tonìn, kesimmalà che quill Tonìn stèv angòr tutt avvelenato puu fàtt d Napolitàno. E io cioddètt: “vid che quill che stànn ò guèrn sò tutt na mass d purk, piddì, piddièll, berluscòn, mariomònd, peppegrìll…” efèss quand ha s’ndùt Peppegrìll è partìt cum e na maknètt e ha accumnz’t a dic’ tutt i fatt du movimènd cing stèll che è brava ggènd, e il popolo e la democrazia e patapìmm e patapàmm… naa fnèv kiù… E inzò n’agghij capìt nind però cum se foss che quist sapèv tutt i cazz pkkè forse ha fatt pur i scòl fattìzz… Che alla fine è asciùt à migghièr e ha fatt: “Lasciali stare a questi poverini che stanno vedendo la partita, sempre di politica parli“. Ahahaha povrìll, nateùn che stc’ sott ò shkàff daa migghièr che u cumànn cum a nu cacciunìll!!! E inzò alla fine ù Fogg’ ha vind, Tonìn è cundend, siamo tornato e abbiamo passato da Bisceglie, e siccom che ù Bisceglij’ ha perz, Lilìn s’è acalàto ù cavzòn e ha fatt nu cravattòn ai biscegliesi dal finestrino mendr che stèmm sop alla 16 bis quando siamo passato da Bisceglie. Tonìn ha ditt che mò il Foggia stc’ a dui pund dai pleiòff… Ciagghij ditt: “Oh Tonì nd ngaricànn che tand pur se va ai pleiòff i pèrd u stèss… ognevvòt amm semb pers…
E inzò turnànn turnànn alla fine siamo andato pure a Trani che sòp al lungomare stànn nu sakk d belli post e stànn pur i ciànn accatèn… efèss e quanda fèmmn, ùn kiù bòn d l’àt… però ù fatt è che quann tin a Lilìn apprìss, è nu probblèm: efèss e cum stèv ki kianìll e i ggìnz arravogliati, i pìd lurd, tutt nzvùs che si era allordato pure la maglietta di vino. Che cazz è stuppà i fèmmn se t purt a Lilìn apprìss, quill è cum e nu zampiròn per le zambàne, che i fèmmn cum ù vedn se ne scappano. Mannaggiassàndnìnd!!

Annunci




Vafammòkk a kitek…KIKO!

17 04 2013

La prossima volta che m vonn addummannà nu piacèr l’agghia mannà affangul a tutt quand!! M’hann sfrandum’t i k’gghiùn cu stu Kiko… Semb a cliccà sop a stu ‘mi piace’ della pagina di Kiko che pò à gend s pènz pur che sim rikkiùn, makkeveramè.
Quanda messaggi che mi hanno mandato che facevano “zamà mi fai vincere lo smalto?“, “oh Gino, mi clicchi ‘mi piace’ sulla pagina così mi posso prendere lo smalto?“, “dai per favore mi manderesti lo screenshot del buono per ritirare lo smalto?“… Kessò che t’agghia mannà? ù scrìnsciòtt? e che cazz è? na cos che s magn?
Uagliù il fatto è grave, i femmn sop a sti fatti d smàlt, trukk, rossètt e còs e còs, fann tropp brùtt!!! Non guardano imbaccia a nisciùn e t pass’n pur p sòp, addiventano come e tanda malate di mente, robb che tu ci dici “oh ciaccanè ciamma iè a fà nu gìrett a mambrdònij?” e quell “no, vogghij ù smàlt d Kiko“… tu ci dici che t vui magnà na pizz sop à cappòtt daa cindvindisètt che mò sono belle giornate e non fa freddo, e quill inzìst semb k stu cazz d smalt d Kiko!! Nateppòc e ci dici “oh ciamma spusà, ciamma accattà na casa?” e quell “no, ù smàlt! ù smalt!“. Vafammòkk a vuij e u smàlt. Aviss ditt “vogghij à Smàrt” angòr angòr a putèv capì, pure se la Smart è na makn d mmèrd, ma à putèv capì pkkè è na makn. Ma lo smalto no.
Pò stann quill che fann a collezziòn, mica ciavàst nu smalt e duij? Anna tnè tutt i cazz dii culùr, pur quili metallizz’t che non se li mettono nemmàng mo ke vèn à fest d Sandànn, mo ke vìd.  E la settimana scòrs è succìss nu burdèll.
Che pò la colpa è pur d Tonìn che stavòt ha sbagliato… è tropp indeliggènd e ha trovato il modo p pigghià nu sakk d smalt. E le amiche si sono prese la bbùsa che cianno chiesto tutte quante due o tre smalti pedùno.kiko1 Allora, siccome che là quando ti fai il fèsbucc t pui pigghià shkìtt nu smalt è andato Tonìn e ha fatt: “vabbù putìm fà che ci inventiamo nati còs a doppio e a tripl e facim ‘mi piace’ ognevvòt con un nome nuovo“. Cì cì, amm accumnz’t a mett a Lilìn Manuzzèll, a Robbertìn Ukkijstùrt, Giuànn u cambagnùl, a Annarita dii gattarìll, a Teodòr, a mia sorella, a mio nipote, tutt sop a fèsbucc! efèss… amm mis pur a Dèbbora sop a fèsbucc. Che pò subbt i rattùs a chiedere l’amicizia, sti quatt purk nzvùs.
E inzò alla fine tnèmm tutt stù mallùpp di fogli p iè a pigghià i smàlt. Andiamo là con le amiche d Tonìn e troviamo na foll ò pesh che nz capèv… tutt sti fèmmn che vulèvn i smàlt. E che io putèv perd timb appriss a lòr? Cioffàtto a Tonino: “oh, lassl qua e imicìnn!” Ciamm fatt tre gìr d tutt à mongolfìr, ciamm pigghij’t nu cafè, mò s facèv nott e quill stèvn angòr là in fila. E quann cazz ciamma mòv?
Mamm e che pall quann fann accussì i fèmmn. Che poi alla fine quann celò raccontato a Samànd s’è pur ngazz’t che ha ditt: “hai preso lo smalto alle altre e a me no?“. Efèss, agghij vulùt fà nati cos d fèsbuc per farci prendere u smàlt pùr a Samànd, ciamm fatt natavòt la fila e quando è arrivato a lei, non c’era il colore che andava trovando lei perchè s’er fnùt. Agghij fatt allìt co quella del negozio, ciagghij ditt: “ciaccanè, è dic’ grazzij che sì fèmmn e io sò òm d’onòr, sinnò t’aveva shkaffà d kp ndo mùr che m’è fatt perd shkitt timb“.
E inzò alla fine amm vulùt arruà pnzìn e Molfètt che sta un’altra mongolfiera e sta Kiko, e stèv pur là à foll, solamend che stavòt cioddètto: “oh, la fila l’agghij già fatt a Fogg’, nn m’avita cacà u càzz!” e li sono passato per sopra. Stèv ùn che vulèv fà allìt pkkè vulèv fà u gruss annanz alla sua ragazza e l’agghij vulùt ammupì co nu mmafalòn.
Alla fine lo smalto stava, e Samànd è rumàst cundènd, e pò siccome s’er fatt tàrd e stava la scurìa ciamm magn’t pur la pizza sop à cappòtt della 127 ind ò parchegg da mongolfìr d molfett e pò me la sono pure caricàta! Efèss e cum frèk bell Samànd quann stc’ cundènd!





In trasferta a Nardò sott a l’aqq

7 04 2013

Che cazz d trasfèrt… nz capish quanda kilometri siamo fatto per arrivare a stu cazz d paisòtt che si chiama Nardò che Tonìn ha ditt giustamend: “oh ma l’abbitànd d Nardò cum cazz s  chiàmn? Nardini?“. Kesimmalà, tii vìd in mezzo alla strada che si chiamano: “oh, Nardino, vin qua!“. Efèss, e keghè, è tutt na macellerèij a stu paès!!
Comungue vabbù, siamo andato dalla mattina che quell Samànd vulèv vdè nu paès che si chiama Polignano che avemma passà p nnànz e stc’ sulla strada, e dice che stanno gli scogli e il belvedere che è pur avt e fanno le gare di tuffi! Mamm ù cazz duu vind che menava, stava pure il mare aggitàto e ce ne sim vulut iè. Che pò che cazz m n frèk a me dii tuff e dii scoglij’, che io l’estate m n vk a Ippocàmb-Zappunèt o a Sipònd o a Cambomarìn che mi piace la spiaggia!! E inzò ci abbiamo fermato un po’ che ciavemma magnà u panìn e poi siamo continuato che avemma iè a Lecce. Mamm non arrivavamo mai, ù cùl s’er fatt quadrato a stà semb assettàto, assummegghij che ciamm fatt na trasfèrt ò norditàlij’!!
Comunque Lecce è bell, Tonìn parlava con un signore che ha ditt che stann nu sakk d monumènd d Roccobbaròcco. Efèss, io mi penzavo che Rokk’bbaròkk facèv shkitt i profùm e i vstùt!! Che poi Lilìn ngapish nind, vulèv stuppà a na fèmmn e ha fatt: “scusa signorì, stc’ kokkekkièsa d dolceggabbiàno da sti vànn?” Efèss e che fgùr d mmèrd! Invece di roccobbarocco ha ditt dolceggabbana!! Che pò secondo me quellallà nn ha mang capit nind pkkè a Lecce parlano tutto strano, assummegghij che càndn quann parl’n, e dinn semb “Sai? Sai? nun sai?” e se u sapèv mica tu vnèv a addummannà a te!! Che ati pngùn! Però onèst, stann certi fèmmn bòn che fann andustà a catèn! M’agghij pur abbushk’t nu mmafalòn da Samànd pkkè guardavo a una che tnèv i mlùn annànz…
Quand è tog Samànd quann s ngàzz e fa la gelosa, maa vulèss sfunnà a spigolo di chiesa di san roccobbaròcco, o a spigolo di fontana di roccobbarocco.
E inzò alla fine amm iùt a Nardò che è nu paès nu poc strano pkkè stann nu sakk d murètt, d fuss, canalètt e stann nu sakk d fricciùn di lato alle strade… Tonìn ha ditt che forse stèv ù mùr turn turn ò paès che tanda timb fà ièvn semb facènn i uèrr e s’accidèvn. E allora per difendersi facèvn i murètt turn turn… Invece Lilìn che n’ha capit nu cazz ha ditt: “madò, stann kiù fricciùn qua che a Matèr!” e ciagghij ditt: “Lilì, tu i sass d Matèr i tìn ind ò cervèll! Anz, mang quill tìn, è proprij vacànd!“. Kesimmalà, è nu mattignòn!stadio-nardo
E inzò, siccome che stèmm in anticipo che la partita s’accomenzava alle cinque, ciamm fatt pur una passeggiata al mare che là è vicino. Però che peccato che u timb er d mmèrd e kiuvèv. Tirava pure nu cazz d vind che t facèv vnì ù dolòr d kp! E ci siamo stati dentro alla macchina. Mò però pkkè agghia dic’: il posto è bell, il mare è bell, solo che uì, mannaggiakkitammùrt, è tutt scoglij e non va bene. Pò stann nu sakk d villètt abbusìv che là avrànn fatt certi condòn, sti quatt purk e kin d mmèrd e magnamàgn!!
Vabbù poi alla fine amm iùt allo stadio che a stabbòtt stèvn pure i foggiani che t n’accurgìv subbt sùbbt cum i vdìv! Efèss amm angapp’t pur a Teodòr, quill delle palme. Ma pò agghij vist a nu sakk d ggènd che canòsh, efèss e quand è tog, è da mò che non usciva la trasferta coi foggiani. Ciamm sfunn’t d borghetti che pò s’è accocchiato pur Teodòr con noi e ciamm fatt nu sakk d rìs a pigghià p cul a Lilìn. E inzò ci siamo ficcato vuttànn vuttànn co Lilìn che è peso massimo e pò io e Tonìn amm fatt u scavàlk d prìm che là u murìll è vash e nun ci vuole niente.
Stèv pur nu palàzz che putemm anghianà come abbiamo fatto a Puteolana, però siccome che stavano i tifosi vulèmm iè mizz o burdèll. Che poi io non volevo andare più allo stadio pkkè u timb er brutt, e poi il Bisceglie avev pur vind e invece doveva perdere pkkè Tonìn ha ditt che sinnò i pleiòff il Foggia i vèd col cannocchiale. Però alla fine la partita ce la siamo visto. Efèss le risate che stèv nu babbiòn che vulèf fà il video e le foto dei tifosi pigghij e si girava e inquadrava a Lilìn, e quill che s ngazz’v… e a primavòt, e a secondavòt, e a terzavòt… a nu cert pund ciàdditt: “oh giovane astùt sta quèst, mè!” e quello faceva “no ma sai, voglio fare il video, i tifosi, la coreografia, patapìmm, patapàmm…” e Lilìn l’ha ingappato e  facèv: “giovane! allòr ngiamm capìt!” e quill inzistèv… efèss Lilìn l’ha pigghiato e l’ha alzato cum e Alcòga, quello del Rèstli e u vulèv mnà abbàsh!! Mammamà, quanda risate…
Che pò vabbù, siccome che kiuvèv ci siamo andato a mettere sotto e stèmm tutti sfunn’t d borghètt e d cannùn. Ognettànd Tonìn menàva certi sgurrùtt che si sentivano da sòp ai cori duu reggìm, mammamà!! Puu rist n’agghij capìt nind, mi sono arripigliato alla fine che agghij capìt shkìtt che u Fògg’ ha fatt ù gol a l’utm a l’utm pkkè Tonìn ha inzaccato nu lukkl mang che avess vind la coppa dei campioni.
Poi vabbè, ce ne siamo uscito tutt nzìmm, abbiamo paliàto a uno di Nardò che stèv appoggiato imbaccia alla macchina e ce ne siamo tornato.
Sti trasfèrt però sò tropp long, efèss e cum stk sfàtt!!





La pasquetta perfetta!

2 04 2013

Mamm e ke pasquett! Quist’ann amm mis i nummr!!! Siamo andato alla campagna d Giuànn ù cambagnùl che quill tèn nu sakk d spazzij e ci abbiamo divertito accatèn!
Efèss e quanda cristiani che stavano, nz capìsh quanda gènd è vnùt! Ognùn ognùn ha portato quaccheccòsa da magnà e da vèv e poi siamo comprato pure la carne che l’amm fat sop à furnacèll che quill Giuànn tèn na furnacèll grossagròss.
La mattina stèmm io e Tonìn che siamo andato a prendere a Samànd e Dèbbora e una combagna di Dèbbora (che è bòn pur èss, mammamà, tutt bòn sò allà mmìzz). Invece Giuànn è andato a prendere a Lilìn, Robbertìn e Annarita, quella dei gattarèlli che agàbbita vicino a casa nostra. E pò stèvn nati cumbàgn che chi cazz i canòsh, però sò tutt uagliùn e uagliòn appòst, trann qualche pngòn, tipo ù cumbàgn d Tonìn che quill è capace che s perd paa strd pur quann adda arruà mizz à cambàgn d Giuànn! Stavano pure le amiche bone di Giuànn, che però non le conosce nemmango lui, sono amiche di altri amici. In tutto putèvn stà na trendìn d cristij’n! Stèv pùr Teodòr, quello delle palme, efèss e che at personàgg!
E inzò abbiamo giocato a pallone cu supersàndoss arangiòn tutto sballato efèss e quanda risate. Agghij fatt quatt gòl, sò tropp fort! Poi dopo ciamm mis a fà i sgumm’t con la 127 pkkè Giuànn tèn nu spiàzz d matunèll lish lish che m n sò iùt frenamm’n frenamm’n: mamm e quand è tog! Efèss e che testocòd che ascèvn! Che poi è iùt qulu baccamurt d Robbertìn e vulèv fà u gruss annànz a Dèbbora e allora ha preso la pandarèlla d Giuànn e vulev fà pur ìss i testocòd, solo che è iut tropp lung e s’è finita la spianata di piastrelle, e à pandarèll s ne iùt a fnèsh mizz alla pezza aràt che si sono inghiommate le gomme e s’è avzt sop a doij ròt… un’altreppòco e si accappottava, kesimmalà. Robbertìn è kiù mattignòn d Lilìn!

La fornacella coi iùster

La fornacella coi iùster

Poi ci siamo messi a fare la fornacella che avemma magnà, efèss e quanda carne che stèv: agnill, capuzzèll, zavizikkij, turcenìll, paccanìll, ambùrghe, spiedìn…  stèvn pur i iùster che io facevo imbaccia a Samànd: “oh, vid qua, vid… è vivo vivo!” e quell che mi diceva i paròl… Tand ù sacc’ che ci piace il coso vivo vivo, atapòrk…
Poi ciamm mis a accundà i barzllètt e stèv Tonìn che è tropp fort che le sa accondàre bene bene e l’at stèvn colle lacrime a l’ukkij… Un’amica sua s’è pur pisciata sott tropp i rìs, efess e che fgùr… tenevano la ridarella e nz frmavn kiù!
Pò a nu cert pund stèv nu cumbagn d Giuànn che aveva èss nu poc ricchiòn e parlava tutto strano, e diceva certi fatt… mammamà io e Tonìn ridevamo accatèn, e pò a nu cert pund quist pigghij e ha fatt: “per un milione di euro chi è che non se lo farebbe mettere dietro?” e io ho cioddètto: “eh, tu pur aggratìss tu faciarrìst appundà!“. Efèss tutti a ridere. Pur ìss rideva, che a quill ci piace ippingòne, cum se foss che nn l’avèssm capìt… Poi Tonìn celà chiesto pure a Manuzzèll: “Lilì e tu? tu faciarrìss mett ngùl p nu miliòn d’èur?” e Lilìn ha fatt: “no, kessò! Però sacc’… uì… nu miliòn è semb nu miliòn…” e io cioddètto: “camìn vattìnn che tu stì già caa buttigliòzz d vasellìn e caa buccètt duu mercurocròm in mano!“. Efèss Tonìn e Samànd e Dèbbora e cum rirèvn…
Poi alla fine, mendr che stevn tutt nu poc imbriachi, agghij ngapp’t a Samànd e me la sò portata a fà nu gìr che m vulèv sduvacà nu poc i pàll, ma indànd i post èrn tutt occupati: chi stèv a acciaffà arrèt ò murìll, chji stèv a frkà ndo sgabbuzzìn, chi stèv a cacà mizz alla pezza aràta… ci siamo fastidiato e ce ne siamo tornato da l’at, che tand poi la frekata cia facèmm u stess al ritorno.
E inzò, mendr che stèmm accussì, a nu cert pund esce la mototrebbia a tutta sparata che la guidava Lilìn Manuzzèll tutto mbriaco che lucculava da dendro alla cabbìna e facèv i zigghezzàgg sopra alla pezza aràt e nateppòc e ficcava sotto a quill che er iùt a cacà allàmmizz, kesimmalà… Pkkè quill Lilìn tiene la manuzzella offesa e nn s’p tnè ù sterz ferm… efèss e quanda risate che ciamm fatt… Poi il tempo sè mis brutt e Giuànn ha ditt che aveva vnì a kiòv e ce ne siamo andato. Tonìn facèv i sgurrùtt a catèn. Cioffatto menare un paio di vomicatoni e pò ce ne siamo andato.
Mè, dà… è stata una bella pasquètt!