Pezze arate, rigòr, espulsiùn e i papagnùn: che trasfert d mmerd!

15 12 2013

Che cazz d trasfert d mmèrd! Abbiamo andato a Aversa che praticamènd è a Napoli. Nu paès d mmèrd, tutte le casette brutte cum se fòss u bròngs. Stanno accappottati.
E inzò stèmm io, Tonìn, Lilìn e l’amico d Tonìn, quill cu telepàss. Amm mìs à nàfft alla macchina, che ce l’avevamo dall’altra volta che ièmm a Poggibbònz, e ci abbiamo abbiàto.
Lilìn non aveva cacato a casa sua e menava le loffe che fetàvano accatèn e ci abbiamo fermato all’autogrìll p farl fà u cacatòn. E non ci stava la carta ndo cess e quill s’è mis a gastmà i murt e i stramùrt, e stèmm io e Tonìn che ièmm addummannànn i facciulètt ai gènd ind a l’autogrìll: meno male che stèv na uagliòn brava brava che celà dati. Onèst era brava, ma però èr pur bòn! Efèss e che provl e che cul che tnèv! Co sti cazz d gìnz aderènd shkaffàti ind ‘e stivalètt, che se stava Robbertìn a stabbòtt aveva murì ca shkum mmòkk.
E inzò alla fine s’è puluzzàto il culo chi facciulètt e ce ne abbiamo andato. Alla fine abbiamo arrivato a Aversa e stavamo andando allo stadio, piglia e và Lilìn e dice: “oh è quist ù stadij!“. Che pò onèst, èr nu cambètt che di lato stèv la pezza aràta. Ma però Tonìn facèv: “ma qua ng’ stànn i palàzz turn turn. E pò nn pass nemmàng u trèn. Lo stadio di Aversa tèn à ferrovèij affiang“. Però Lilìn s’è mis nde rekkij co stu fatt che er quill u stadij. E inzò abbiamo parcheggiato e ciamm menato mizz alla pezza aràta p scavalcà. Amm fatt ù scavalcamìnd ma ng’ stèv nisciùn.
Kesimmalà, non era quello lo stadio!! Efèss e quanda paròl che ciò menato a Lilìn, è semb ù sol’t, cumbìn semb dammàgg!
Che pò l’amico di Tonìn teneva u telefonìn co indernètt caa màpp e s’è mis a vdè, che quill è uno buono, e ha ditt: “Lo stadio è dall’altra parte della città” e io e Tonìn sùbbt abbiamo detto: “e vist? Tnèmm arraggiòn!” e Lilìn ha ditt: “sì però indand v n’avìt vnùt appriss pkke v’avit pnzt pur vuij che èr quist ù stadij daveramend“.
Ke è rraggiunà co Lilìn, efèss e che at mattignòn.aversa
E inzò abbiamo girato ind a stu cazz d paès d mmèrd e alla fine abbiamo arrivato ò stadij giust… che pò Tonìn giustamend ha ditt: “a Foggia tnìm shkitt nu stadij, qua che tengono na squadr d mmèrd e na città d mmèrd tengono dui stadij… che pò sò dui stadij d mmèrd tutteddùij, ùn pegg’ d n’àt!” e teneva arraggione, efèss e che shkfèzz!
Ci abbiamo ficcato alla muccina dentro alla stradunnèlla che sta di lato e pò amm fatt u scavalk. Ma però nz vdèv nu cazz, ci abbiamo spostato, ma però stèvn i sbìrr che se ci vedevano ciavevna cacà pur u cazz. Efèss e che partìt d mmèrd, che trasfert d mmèrd, ci abbiamo stato tutti ammucciati angòr che ci sgamavano. Pò la partita è stata pure di mmerd pkkè qulu bastardòn d l’albtr cià dato il rigore all’Avèrs e Tonìn s’è ngazz’t che u vulèv iè a palià. Poi ha cacciato a due giocatori del Foggia ma io stèv già imbriaco. Dice pure che ha segnato Giglio che ha fatt u gullakkiòn ma però alla fine amm pers e vafammòkk.
Comunque Tonìn ha ditt che u Fogg’ è rumast ò terz post e nè succiss nind. Megghiaccussì.
Che poi all’uscita ce ne abbiamo andato prima che finiva pkkè Tonìn s’è mis nrvùs. E stèvn i napoletani che sfuttèvn. Ciagghij ditt: “oh pngò, i dind tii fazz zumbà da mmòkk” e quello si voleva menare. E inzò amma fatt na mezza rìss, ma però quill erano cinque e noi quatt. Lilìn menàva i pugn a mulinèll ma non ce la poteva fare pkkè l’amico d Tonìn non si sa menare e s’è abbushkt kokke pugno. Io pure stèv imbriaco e ngapèv nind e mi ho abbushkato un papagnone. Inzò ce ne abbiamo scappato. Che pò stèvn i sbìrr e se ne sono scappato pure i napoletani.
Ci abbiamo messo la bottiglia di birra fredda imbaccia all’amico d Tonìn che s’èr abbushkato il pugno. E pure io melò messa un po’. Ma però pò me la sono scolata prim che si scarfava troppo. Che trasfèrt d mmèrd.
Meno male che mammà mi ha fatto trovare la pizza, mi sono addicriato.

Annunci




La pausa di riflessiòne… camin vattìnn, atazò!

13 12 2013

E inzò ognettànd kokke femmn se ne esce co sta còs daa pàus d riflessiòn: “e non mi sento sicura”, “e sono confusa”, “non vedo certezze nella nostra storia”, “ho bisogno di tempo per riflettere”, e patapìmm, e patapàmm…paus
Ma che cazz vonn rflètt, atizò! Che tand ù sapìm tutt quand quill che vànn facènn addèstressinìstr!
Mè, però io mò siccom che stu disegn non ci andava sop a feisbuc pkkè è troppallùng u fatt e non si leggeva nu cazz d nind, velò messo qua, accussì vu putìt vdè bun bun.

A nu cumbagn d Tonìn, l’ultima volta che na uagliòn ciadditt che vulèv fà la pausa d riflessiòn l’amm iùt a ngappà ò vialètt delle banane che stèv ind a makn inzième a uno. Efèss la macchina e cum trml’v! Ciu stèv appundànn a martìll pneumàtk, e quell stèv a gammapèrt e vrazzapèrt che parèv nu quàttabbastòn. Makkeveramè. E l’amico d Tonìn che stèv cum e nu murt allmbìd, ciagghij mnt nu mafalòn e ciagghij ditt: “uagliò, te sviglià! lasslapèrd a quela zò!”. Ma quill è tropp pngòn e mò stann natavòt nzìmm. Efèss i corn, stu babbiòn. babbiòn e curnùt!

Mè, vedetevi il disegno e facetevi le risate:

tempo





Poggibbònzi po-po-pò!

2 12 2013

Era da troppo tempo assai che non ci andavamo in trasferta, l’ultima volta avèmm iùt a Tuttocuoio. Che pò quando abbiamo andato a Tuttocuoio abbiamo passato p nnànz a Poggibbònz, perciò la strada èr à stèss e a sapèmm già. Efèss Tonìn, siccòm che mercoledì avèmm vind i sold k na bullètt d cembionzlìg si voleva abbiàre già da sabato che vulèv ascì a Siena la sera e pò a dormire là da kokkeppàrt. Kesimmalà, ciagghij ditt che non era cazzo proprio, che i sold vànn fuiènn e mi abbisognavano p n’ati cazz.
E inzò amm fatt cum e l’ata vot che ciàmm abbiàto la notte. A sta bott però amm fatt l’autostrada pure all’andata che quill u cumbagn d Tonìn tèn u telepàss. Che io poi non avevo pisciato prim d part, e tnèv da piscià già a sanzvèr!! E inzò ci abbiamo fermato ò prim autogrìll e ci abbiamo preso pure nu cafè per stare svegli la notte che il viaggio era pure sott a l’aqq, efèss e cum la menava. Lilìn teneva pure la scarpa cu buk e trasèv l’aqq accatèn, si è fatta tutta la cavizetta mbòssa, mamm u fìt. Quill già i pid fètn quann sò asciùtt, mannaggiaggiùd, che è dorm, u cazz…
E inzò all’autogrìll stèv nu pulmànn d gend che tenevano i bandìr d Peppegrìll e l’amico di Tonìn ha ditt: “stanno andando a Genova che domani c’è il vudèipullma
Kessò? keghè stu vudèi? Nzòmm vulèv capì nu poc sti fatt e celò chiesto a uno che stev là, e quill ha ditt: “Il V-day significa Vafanculo-day, è il terzo che facciamo
E ciagghij ditt: “cum’è? vi accocchiate ind a na piazz e v mann’t tutt quand affangùl ùn k n’at?” E lui: “nooo! il vaffanculo è alle istituzioni, alla politica, a questi magnamagna che stanno al potere. Li dobbiamo mandare tutti a casa!
Ciagghij ditt: “vid che papanònm ha votato a Berluscòn che quill ciaddìtt che ci dava indietro i sold d Limu, e mò p colp d stu fatt mio nonno s vol semb iè a mett annànz alla posta a candelaro cu fugliètt che ciammandato Berluscòn p pòst
Comunque pò celò detto: “dingìll a Peppegrìll che se nn m fc’ ascì nu pòst bbùn, il voto mio su pòt scurdà
E inzò alla fine ci abbiamo abbiàto natavòt, io mi sono addormìto che stèv stang e mi hanno svegliato la mattina che stèmm arruànn. Efèss quili bastàrd m’hann fatt u scherzètt che siccome che dormo ca voccapèrt mi avevano ficcato la banana e m’hann fatt i fotografèij… Quill è semb Tonìn, è nu bastardòn!
Ma però celò scangellate tutte quante da sop al cellulare.
E inzò prima di andare allo stadio Lilìn ha fatt la figura d mmèrd. Stavamo sulla strada e stèv nu signòr con la figlia piccola che però nz capèv se era maschio o femmina perchè stèv con la coppola e la sciarpa. E inzò la bambina se ne stava andando e ù padr la chiamava: “Rahèle! Rahèle vieni qui!” e la bambina non sentiva e allòr Lilìn voleva aiutare il padre a chiamarla e ha fatt: “Raffaèle!! Vai da papà” e quill l’ha guardato sturt che si penzava che Lilìn vulèv sfott, solo che Lilìn avèv capìt che si chiamava Raffaèle e no Rachele. Che là a Poggibbònz parlano strano, un poco toscanese cum a Coccimìgl o come a quill du film del ciclone e Lilìn capìsh semb nu cazz p n’at.
Alla fine abbiamo andato allo stadio che Tonìn vulèv passà pu fiumètt ma nz putèv passà. Poi amm fàtt u trucchètt del citofono au palàzz d frònd che diciamo “volantini!” e ci aprono e vulèmm nghianà sop ò terràzz p vdè a partìt, ma però siccòm che stèvn l’albr annànz nz vdèv bun e allora amm vulut fà u scavalcamìnd. stadiopoggiCiamm anghiùs d tèrr, ci siamo allordati tutti quanti e piano piano abbiamo arrivato andò che stava una casuccèlla che stèv l’autobbulànz vicino al campo. Che pò Lilìn è nu mattignòn e voleva menare la banana dentro alla marmitta d l’autobbulànz, ma però è andato l’amico di Tonìn e ha fatt: “però se pò succede qualcosa e serve l’ambulanza cum anna fà?” e tnèv arraggiòn! Che pò la banana è megghij che taa magn e no che lè sprkà accussì alla mattignona maniera.
Ciamm fatt cumbàgn a quill che stava imbaccia ala cancello che ci abbiamo dato le pastarèlle daa mamm d Tonìn e quill se le ha mangiate tutte quante che ha ditt che ci piace la cucina pugliese. Efè, e se assapràva le mènole atterràte che aveva fà?
E inzò, abbiamo stato un poco lì ma però pò ciamm spust’t natavòt e abbiamo andato vicino alla gradinata che stèvn i foggiani accatèn, stèvn pur quill daa curva nord, e alla fine ciamm vist à partìt tutt nzìmm. Mamm quann ha fatt u gol Giglio nzè capìt kiù nind: Tonino che zombava cum e na cardellamòstr, io però stèv sfunn’t d borghètt e ngapèv nind.
Ciamm fatt i rìs accatèn, poi alla fine u Poggibbònz stèv facènn u gòl, a cul a cul ce l’abbiamo scappottata e amm vind! Dice che stèv nu rigòr quand e una casa! Efèss Tonìn e cum stèv cundènd.
Al viaggio di ritorno Lilìn facèv i lòff accatèn e la macchina er cum e na camr aggàss! All’andata ù fit d pìd, al ritorno ì lòff… kesimmalà! Co Lilìn i trasfèrt nz ponn fà…