Scampagnata a Castel Pingone

30 03 2014

E inzò abbiamo andato a Castel Pingone a vdè à partìt duu Fògg!! Efèss e che cazz di viaggio che amm fatt… siccome che la sera prima ci abbiamo mbriacàti, ci abbiamo messo sopra alla strada che à makn facèv i zigghezzàggh accatèn! Se ci fermava la stradale evogghij che ciaveva arrstà. Io sfottevo a Tonìn che cioddètto: “Maaa, se t fann fà à pròv du pallungìn, ciù pui anghiè caa bìrr!!!“. Però onèst ci abbiamo divertito perchè l’amico d Tonìn tiene lo stèrio da cind vàtt nella macchina e abbiamo messo le canzone napoletane a manètt e pò amm mis il ciddì con la musica discodènz dell’animale minimale, sacc’ cum cazz si chiama…
E inzò pò stèv pur Lilìn Manuzzèll che facèv i lòff accatèn e ci puzzavano pure i piedi. All’amico di Tonìn cioffatto aprire pure la cappotta daa makn pkkè stèmm murènn. Alla fine abbiamo arrivato a stu cazz da paisòtt sop à mundàgn e ci domandavamo alla gente: “scusa, ma è qua Castel Pingòne?” e quill facev: “si chiama Castel Rigone“. Kesimmalà, quill nuu sann che significa Pingone e nn capèvn che i stèmm pigghiànn p cul! Efèss e quanda risate che ci abbiamo fatto.castelpingone
A nu cert pund abbiamo ingappato a nu uagliòn e ciàmm ditt: “Oh giovane, Castel Pingone è qua?” e quill s’è mis a rid e ha ditt: “Sì sì, è qua, è capit bun!! Che sìt d Fogg?” e noi: “e pkkè s sènd?“. Cioè quill èr purìss di Foggia!!! Tropp fort!!!
Che pò quist tengono u cambètt piccinùnn che sta una stradina per arrivare, ma la partita s ved pur da fòr. E giustamènd Lilìn ha ditt: “ma se à partìt s ved pur daqquà, pkkè stann tutt sti babbiùn che pagano p trasì? Efèss e che pngùn!
E inzò ci abbiamo messo sòp alla mondagnetta, p ndèrr che stava pure l’erbetta cum se foss che stèmm a parco san felìce, ci abbiamo pure tolto la maglietta e le scarpe che facèv cavd e stèv u sòl… d luss proprij!!! Poi abbiamo cacciato ù rùtl ca pastofùrn e la parmiggiàna e ciamm mis a magnà bell bell. Stèvn pure i gli ultràssi cu pulmànn, che quill ha ditt Tonìn che siccòm che non tengono la tessera du tifòs non li fanno entrare e saa fànn semb fòr. Giustamènd nn ponn nemmang fà u scavalcamìnd come facciamo noi pkkè loro ne sono assai e li sgamano. noi invece trasìm semb aùmmaùmm.
E inzò, dopo che siamo mangiato, ci abbiamo sfondato col borghètti e si è ingomenzàta la partita: mamm ù Fogg’ l’ha sfrandumàto al Castel Pingone, efèss ha segnato pure Agostinàkkij, che Lilìn facèv: “Agostinàààà! Caccisòld dii vìggil urb’n!!” efèss le rìse accatèn! Che pò ha segnato pure Cavallaro tre gol e pure Giglio… nzè capìt kiù nind, Tonìn che zombava e lucculava cum e na cardellamòstr!! Ci siamo addicriàti. Se veniva pure Samànd me l’avressi fatta sòp a l’erbètt, tropp che stèv cundènd!
Che pò Tonìn ha ditt che stèv pur à presidendèss duu Poggibbònz che è bon accatèn e Lilìn la voleva andare a ggimendàre, at rattùs!!!
Alla fine ce ne dovevamo tornare a Foggia ma però Lilìn teneva da cacàre… e inzò l’ho fatto andare vicino andò che stèvn l’albr e l’ho fatto cacare là. E seffàtt sgamà da un signore che è passato e l’ha visto. Efèss i paròl che ciaddìtt, co Lilìn che se ne scappato ridènn ridènn caaammerdangùl che poi sò pùr rumàst le sgommate da sòp alla mutanda, efèss e che shkfèzz… Kesimmalà, Lilìn Manuzzèll è troppo mattignòne accatèn!

 

Annunci