Le femmine sò bastàrd

24 01 2014

Uagliò non ci posso penzare a stu fatt che ha accondàto l’amico di Tonìn! E inzò praticamènd quist tiene la uagliòna, e sta uagliòn tiene na cumbàgn che si chiama Carmèl che è propij bbòn! Ma bbòn accatèn! E inzòmm, sta Carmèl, che però si fa chiamare Càrme p fà à parànz che dice che è nu nòm kiù sèccsi accatèn, l’altro giorno ha chiamato a stu cumbàgn d Tonìn e ciaddìtt che teneva nu probblèm ca televisiòn e cu decòde, che i canali del diggitale nz vedn bun e còs e còs. E ha chiamato a quist che siccom che è uno in gamba, capisce d televisiòn eccòs e ci poteva aggiustare tuttocòso.
Piglia e questoqquà è iùt, ma voleva andare con la ragazza, e questa Càrme facèv: “mè dai, puoi venire pure da solo, non la dare sempre fastidio a quella poverina, tiene da fare”
E inzò quist però ha chiamato alla ragazza e ciaddìtt ù fatt, e la ragazza facèv: “mè e perchè devo venire io? Tu devi aggiustare la televisione, che vengo a fare? Me fà perd timb appriss a te? Vai da solo, tanto lo sai dove abita Carmen, la accompagnamo sempre quando ci ritiriamo che usciamo la sera”
E inzò quist ha pigliato e è andato da solo a casa d sta Càrme. E dice che quando è arruvt, stèv sta Càrme co na vestàglij trasparènd che s vdèv tutt còs che da sòtt stèvv tutta allanùta!!! Kesimmalà! baby
E quell facèv tutt à purkakkiòn che facèv: “Scusa l’abbigliamento, non ho avuto tempo di prepararmi, mica ti imbarazzi?” e lo guardava e rirèv e si mozzicàva ù mùss cum e na purkakkiòn. Efèss u cumbàgn d Tonìn ha indostàto sùbbt sùbbt e teneva caldo accatèn. Che pò a casa non ci stava nessuno, nemmàng à mamm e u padr, efèss e che at cazz d fatt.
E inzò quest è iùt che ciaffàtt vdè à televisiòn e funzionava tutt còs e nn er ruèr che era rotta!!! L’avèv fatt appòst per farlo andare!! E quest che si menava addosso e lo toccava con le mani che tiene le unghie da porcacchiona lunghe lunghe cu smalt e ki disègn da sop. Piglia e faceva: “Ma io ti piaccio? Ma lo sai che sei proprio un bel ragazzo?” e facèv i mòss con la lingua. E stèv tutta mbrufum’t, efèss e che atapòrk!!
E inzò questa si voleva menare che vulev fà kokkekkòs e quill, cu pngòn ingriccato che mò murèv, tutto sudato cu fum che ascèv da i rekkij, makkeveramè.
Piglia e fà l’amico d Tonìn: “Ma io sono fidanzato. Tu sei la migliore amica della mia ragazza…” e quell che facèv: “ma non ti piaccio? Guarda che io i segreti li so tenere, non voglio che vi lasciate, ci divertiamo solo un pò” e patapìmm e patapàmm, tutt sti còs d chiacchij’r.
L’amico di Tonìn ngia putèv fà, ma però la capa se ne stava uscendo pkkè quest èr troppabbòn cu stu bebidòl stritt strìtt tutt aderènd, i provl gigànd che stèvn a prssiòn, ù cul da fòr. E si menava ngùll e lo toccava, l’ha fatt stubbtì a cu povrìll!!! Quill facèv: “dai, per favore, non possiamo, non è giusto…” e quell facèv: “se tu lo vuoi è sempre la cosa giusta… dai, solo una volta… non capita più l’occasione… lo sai quanti maschi mi vogliono? Ma io voglio te… sarà il nostro segreto…”
E inzò alla fine, tand che l’ha stubbtìt, che quist ha penzato: “mo ciu mèng stu biscòtt!”. Ma però siccom tnèv i copriping nella macchina che li usa quann si va a fare le frecate con la ragazza al viale delle banane, voleva scendere giù a pigghiàrl.
Piglia e ha fatt imbaccia a Càrme: “Aspitt qua!” e si è avviato che vulèv ascì, e quella che u fuièv apprìss e lucculàva: “dai non te ne andare! non lo diciamo a nessuno! mèèèè!!! mè che ti piace purattè!!!” e quill che facèv: “t’agghij ditt aspìtt qua” e se ne stava uscendo cu sang a l’ukkij e penzava: “aspìtt che vk a pigghià i copriping ind à makn che pò vid che t cumbìn! T’agghia sfunnà, t’agghia lassà mort ndèrr”. E inzò apre la porta piglia e trova la sua ragazza nel portone, sopra alle scale che ci fa: “amore, che bello! non ci sei cascato! Era una tattica per vedere se mi tradivi oppure no”. E arrèt stèv Càrme che facèv: “maaaa, tieni un ragazzo che è proprio fedele, se era un altro da mò che si era menato addosso. Sei proprio fortunata”
E quell che stev tutta cundènd e facèv: “hai visto? il mio ragazzo è tropp tog! Amore ti amo!”
Sti cazz d fèmmn sò proprij bastardòn accatèn!
E inzò avìt capìt ù fatt? Meno male che non se li ha portati appresso!! I copriping lassàtl semb ind à makn pkkè v ponn salvà da nu sgamatòn!!!

Annunci