Personaggi

PERSONAGGI PRINCIPALI

Giggìn Deflettòr: allòr questo sono io che vi accòndo i fatti. Il soprannome melà messo il mio amico Tonìn quannè che eravamo più uaglioni perchè quando ci andavamo facendo gli stèri dendr alle macchine rompevo u deflettòr du spurtìll d rèt per aprire la macchina. Perciò, se tenete la macchina senza deflettori e vi frecano lo stèrio non cacate il cazzo a me che non sono stato io.

Tonìn Tarramòt: quist è u cumbagnòn mio. Tonìn è tropp indeliggend accatèn e s’p tutt i cazz, è nu simbaticòn e fa sempre le battute che t fann fà i rìs accatèn. Ma però quannè che ci imbriachiamo e ci andiamo a sfunnà ca Peròn e cu Borghètt si mette a menare i vomicatòni accatèn e ci devo mettere la mano in fronte. Il soprannome celò messo io pkkè fa certi sgorrutti di potenza che assummegghij che trimilèia tuttocòso, specialmend se s vèv à cocacòl. Sa anche parlare mentre mena lo sgorrutto prolungato.

Lilìn Manuzzèll: è il personaggio che vi fa fare le rìse a voi ma pure a noi. Lilìn è ciaciùtt, è ciammattòn, fa sempre le loffe che fètn accatèn perchè si mangia tuttocòso e tiene gli scogli ngurp. Ci puzzano i piedi d prvlòn e à vòkk d fugnatùr. L’estate suda e tèn u sudòr che fèt d cipolla acida che se u ngapp ind alla scenzòra p nghianà kiussòp del secondo piano sì murt. Il soprannome celà da quando era criaturello perchè tèn na manuzzèll offès e si arravoglia sempre quann adda fà kokkekkòs d precisiòn. Fa il posteggiatore abbusìvo e noi lo aiutiamo ognettànd. Lilìn è nu brv uagliòn ma però se u fì ngazzà si mena coi pugni a mulinèll e nn guard imbaccia a nessuno.

Robbertìn Ukkijstùrt: quist è u cundràrij d Lilìn, perchè è sìkk sìkk e lung lung. Robbertino è nu stubbtòn, ngapish nind, dice sempre le stubbitarìe e le paròle accatèn. E’ un rapicone rattùs e fa la ricotta accatèna colle femmine: cume vede una femmina bona ci inizia a uscire à shkùm vicino alla bocca e se la vuole fare ma però nzabbushk nind pkkè è bruttfàtt anche se s mett a fà ù grùss. Il soprannome celà perchè tiene l’occhio storto che guardammè e neruèr, e non vede bene. Perciò non lo facciamo mai fare i fatti di precisiòn, non lo facciamo guidare le macchine, eccòs…

Giuànn u cambagnùl: è nu cumbagnòn, è nu fadgatòr, è simpatico accatèn e accònd semb i barzllètt. Mamm e che personagg’, parl semb cum e na maknètt, tèn à tatanèll mmòkk. Ma però è tog. Tiene la campagna con gli animali e le piante e gli alberi che ogni volta che ci serve kokkekkòs ce le regala. Poi andiamo a fare le feste che ci imbriachiamo. Efèss alla campagna di Giuànn mi sono fatto pure le frecàte co Samand e colle altre femmine accatèn.

Samànd: è un femminone. Efèss e quand è bòn. Samanta fa i servizi a casa, fa la spesa, cucina, è brava, è bella. E pò è pùr pork! Efèss e quandè tog!!! Tutt quand si penzano che io e Samand stìm nzimm che siamo fitanzati ma però neruèr: ci facciamo le frecàte nella 127 ma però poi ogni tanto facciamo allìte e io la mando affangùl e lei mi dice che non mi vuole vedere più. Ma però pò siccòm che teniamo lormòne, ci vediamo natavòt e facciamo la pace e ci facciamo natavòt le frecate accatèn. A Samànd la voglio bene.

Mio nipote: efèss e che ci tiene mio nipote. Va alle scuole alimentare che stanno vicino a casa mia, alle Croci, e ogni tanto lo vado pure a prendere. E’ indeliggènd ma però lo vogliono fare diventare troppo ciannarèllo che ci imparano i fatti che nn vann bun. Io invece ci sto imparando a difendersi quando lo vogliono sfottere, che ciadda mnà i pugn imbaccia a tutt quand accussì non si prendono la confidenza. A mio nipote ci piaciono i fònzi e ce li compro sempre, specialmend quann romb u cazz e lo voglio far calmare che sinnò na fnèsh kiù.

PERSONAGGI MINORI

Dèbbora: è la sorella di Samànd. E’ più piccola di Samànd ma è angòr kiù bòn. Tiene la folla di uagliùn che saa vonn fà ma però lei non vuole fare niente co nessuno perchè non ci piace nessuno. Pure Robbertìn saa vol fà e tiene sempre la schiuma, ma però nzabbushk nind pkkè è bruttfatt. Comunque a Debbora se esce l’occasione ce lo dò il biscotto, che secondo me a lei ci piace.

Teodòr: è l’amico nostro malamènd. Si va arrubbando i fatti: si freca gli stèri nelle macchine, facèv i scìpp, andava arrubbando nelle campagne. Con gli altri malamènd andava facendo pure i ppartamènd al primo piano che si arrambicavano do balcòn. Si frecava pure la benzina dalle macchine e ci ha imparato come si fanno i zifòni. Quando ci servono i pezzi delle macchine andiamo da Teodòr e troviamo sempre tutto: efèss e quand è tog! Ma però esce e trs da ingalèr pkkè ognettànd lo angàppano. Tiene pure la pistola ammucciata o nella macchina o a casa sua.

Papanònm: è nu cacacàzz. Siccom che è vicchiarìll si penza angora che stc’ à uèrr, ma quill à uèrr la tiene ind a quela zokkl d kp. Accònd semb i fatt quando era giovane e si t’angapp p sòtt non te ne esci più. Non ce la fa a camminare assai ma però caca sempre il cazzo che vol iè alla posta perchè dice che Berluscòn cià ditt che ci deve dare indietro i soldi d Lìmu perchè lui là votato. E ognevvòt lo dobbiamo ammandenère pkkè s vol abbià alla posta di candelaro. Mamm e che cròce! Non ha capito che i sold d Lìmu ni ved kiù… Ma però mò si ha comingiato a penzare che Berluscòn ciadda regalà pure la dentiera e u vol vutà natavòt!

Il Gruttagliese: è un amico di Tonìn che una volta amm iùt a Grottaglie p vdè la partita del Foggia e à sbagliato strada e ci abbiamo perso in mezzo alla pezza aràta. Un’altra volta che abbiamo andato in trasfèrt stèv sbagliànn strada natavòt e lò paliàto. E’ nu stubbtòn e u teng sop o cazz. Non capisce nemmàng le battute che facìm perchè non ride. At pngòn!

Cungètt: è quella che fatìg da uno che tiene il negozio degli alimentari che noi lo chiamiamo “ù mariùll” perchè i prezz sò àvt accatèn. Cungètt è na bella uagliòn, è simpatica e ride sempre. Tiene due provole giganti che stann a prssiòn e assummegghij semb cum se foss che il grembiàle a nu cert pund s’adda strazzà e devono uscire da fuori. A Tonìn ci piace assai e saa vol fà e perciò va sempre al negozio ca scus che adda accattà kokkekkòs, e si ha pure fatto dare il nummero di telefono da Congetta.

Il padre di Lilìno: è kiù scèm del figlio. Non capisce niente e ognevvòt ci fa fare le rise accatèn. Avradda èss una cosa di famiglia. Noi diciamo sempre che “Lilìn è pingone e il padre è kiù strapingone angòr!

Annarita: è un’amica di Samànd che tèn i gattarìll. Ognettànd andiamo a casa sua che ci vediamo la televisione o giochiamo ca pleistèscio e l’ati iùk, oppure ci mangiamo kokkekkòs che compriamo (tipo i panìn d D’Aloij) o che preparano le amiche nostre. Ci mettiamo a giocare pur coi gattarelli che tiene, ma però sti gattarìll sò nu poc stùbbt e vilakkiòni. Un gattarello è pure caduto giù dal balcone ma però laverità è che è stato Lilìn che là fatto cadere accapabbash.

Francesco: è nu cumbagn d Tonìn che agàbbita qua vicino, alle Croci. Uagliù, fc’ paùr! E’ u nummr ùn! S’p fà tutt còs, tiene le scuole fattizze, capìsh nu sakk d fatt, pure la politica. Sa fare i fatti cu combiùter, i fotomondagg’, i video, indernètt! Poi è giurnalìst, sa suonare pur à chitàrr e sa cantare le canzoni italiane e straniere. Ma però pure le canzoni di ninodangelo e giannicelèst, che una volta celà suonate alla pasquetta. Fa pure il doposcuola ma no ai bambini come mio nipote, ma a quelli più grandi che vann ai scòl superiòr e ci impara i còs d chimica, sacc’… Comunque quann è kokkekkòs chiediamo sempre a lui.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: