Tutti a Tuttocuoio!

30 09 2013

Efèss e quanda risate che ci abbiamo fatto. Abbiamo andato a Tuttocuoio a vdè ù Fogg’. Che pò mica u sapèmm andò cazz èr stu Tuttocuoio, però pò un amico di Tonìn ha ditt che lo sapeva e ci abbiamo organizzato. No, non era l’amico di Tonìn che non sa le strade, quill d Grottaglie che ngspìsh nind, è un altro combagnone che è uno buono che s’p cummàtt e capisce nu sakk d fàtt.
E inzò però siccòm che stèmm senza sold e dice che Tuttocuoio è lontano, serviva la nafta. Pigghij e venerdì sèr ciamm iùt a fà nu gir chi bidungìll e à pomb che ci prendevamo nu poc d nàfft dai makn. E inzò l’amico di Tonìn ci aveva imbarato nu mòd p pigghià à benzìn ca pomb senza zukà, che l’ultima volta Tonìn s’è vippt ù diesèll e stèv murènn, kesimmalà.
Onèst, è un modo più meglio assai, che non ti bevi la benzina. Sol che pò Lilìn è ciammattòn e m’ha fatt cadè à nafft sop o cavzòn, che mammà il giorno dopo mi ha cacato il cazzo che vulev sapè cum avèv fatt.
E vabbù, inzò alla fine ci abbiamo abbiàto la notte pkkè abbiamo fatto via san severo senza autostrada e ci voleva tanto tempo assai per arrivare. Che pò io nn agghij durmùt p nind pkkè la sera prima Samànd vulèv iè a Monte Sant’Angelo che stèv quell che cand i canzùn d Laurapausìn e s’è mis ngullangùll che la dovevo portare. Mamm e ke kiùv, però pò m’agghij fatt nu cciaffatòn sop ò belvedèr che s vdèv tutta Mambrdònij…
E inzò alla fine sò tornato a Foggia e ci abbiamo abbiàto: io, Tonìn, Lilìn e il combagno d Tonìn. Tnèmm à pizz d mammà, à pastofùrn daa mamm d Tonìn, la parmiggiàna daa mamm d Lilìn, birr, borghètt, limongèll… ù serbatòij kìk kìn d nàfft e n’at e trenda litr ndè bdùn ind ò còfn. Pò tnèmm i ciddì d Giannicelèst, Ninodà, Tonycolòmb, Tommirìccio, Rosariomiràgg’, Frangostàco. E pur quill d Giggidalèss!! L’amico di Tonìn vulev pigghià l’autostrada che dice che nella macchina tnèv ù telepàss ma indànd non lo trovava e amm vulùt fà via sanzvèr, termoli-cambomarìn, pescara e còs fino che abbiamo arrivato a Macerata. Abbiamo girato e amm fatt na strd che a nu cert pund non era kiù arrìtt arrìtt e stèvn tutte le curve cum e quann vai a Vieste.
A nu cert pund send a Lilìn che dice: “oh ma qua stànn cum e i terremot’t, stanno le case scoffolàte!” mamm, stucà, sò i paìs che ha fatt u tarramòt tand ann fà, e stànn angòr le case tutt rott, che i gend agàbbitano da dentro ai condàiner. L’amico di Tonìn ha fatt: “le chiese e i monumenti li hanno sistemati tutti, invece la povera gente non ha ancora avuto la casa“. Kesimmalà!
Pò a nu cert pund ci abbiamo trovato sott a l’aqq, mamm e come la menàva, kiuvèv accatèn che Tonìn teneva appaura angòr che la partita non la facevano giocare. E inzò abbiamo passato pur annànz a Poggibbònz che mo che sarà amma vnì in trasfert mo ke gioca il Foggia. Ci siamo fermato che avemma piscià, solo che sott a l’aqq è nu probblèm e ci abbiamo fatto zuppi zuppi. Io ciò pure menato un pò di pisciacchia sop e scarp a Lilìn, tand quill con tutta l’acqua che kiuvèv mica se ne accorgeva. Pò abbiamo strafocato e ci abbiamo sfondato di birre e borghetti. Solo u cumbàgn d Tonìn si è mantenuto perchè doveva guidare, che quill è nu uagliòn appòst, è uno buono.
E inzò alla fine abbiamo arrivato a Tuttocuoio, amm fatt ù scavalcamind sott a l’aqq che a Lilìn lo abbiamo voluto vottare da sott sinnò cu cazz che cia facèv a scavalcà, efèss e quand pès stubbastà. Alla fine abbiamo andato a finire in mezzo ai tifosi del Tuttocuoio che parlavano cum e Coccimiglio: “oh maremma maiala buhaiòla, oh hettuffài, la hohahola hon la hannuccia” makkedè, cum cazz parln quist… però sò simbatici e ciann offèrt pur i pastarèll. Io li sfottevo che ci dicevo: “oh ma qua i cìnd d pèll non le vendete più? è tutto cuoio?  à tin a cìnd del ciàrro?“. Sol che pò quann è che ù Fogg’ ha fatt i gol e Tonìn ha zombato cum e na cardella mostr si sono un po’ ingazzati e nat poc e facèmm allìt. Però siccòm erano tutti stattattìnd e ci potevano far schedare ce ne abbiamo andato e amm iùt verso andò che stèvn i foggiani, ma però siccom che non pioveva più ci abbiamo stato abbàscio. Pò la partita s’è finita e io mi penzavo che ù Fogg’ aveva vinto 2-1 ma dice che il Tuttocuoio avèv fatt nu gol che però non ho capito niente quann è succìss.
Inzò alla fine ce ne siamo tornato che abbiamo arrivato a Fogg’ di notte, efèss e che cazz d viagg!! Meno male che quill ha trovato u telepàss e amm pigghij’t l’autostrada sinnò quann cazz avemma arruà!!
Per la strada Lilìn diceva le stronzate che a Sièn si penzava che ièvn angòr cammnànn cu cavall, oppur che il laghetto era un mare pkkè stèv l’isolòtt cum a Viest. Mamm e cum stc’ accìs stu uagliòn!

Annunci




La trasferta a Melfi

22 09 2013

Oggi abbiamo andato a Mèlf a vdè à partìt duu Fògg’, efèss e quanda burdèll che amm fatt.
Stèv pur u cumbagn d Tonìn, quello che sbaglia sempre la strada, e ognevvòt ci troviamo in mezzo alla pezza aràta senza capì andò cazz amm iut a fnèsh. Però stavòt non poteva sbagliare pkkè la strada è semb arrìtt arrìtt sop alla via di Candèl. Anè, se sbagliava pure oggi ù ccidèv, u lass’v murt p ndèrr sop a la strada e m n ièv.
E inzò abbiamo andato a prendere pur a Lilìn che quill siccome che è mattignòn ci fa fare sempre le rìse accatèn. Solo che certi vot se non si fa il cacatone a casa sua prim che ciamma abbià, pò mèn semb i loff dendr alla macchina e ci vuole à mashkr andigàss!!
A sta bott però è iùt d luss pkkè è sceso già cacato e non ha fatto nemmang una loffa durante il viaggio.
E inzò prima di partire avemma iè a mett à benzìn e ciamm pigghij’t pur nu cafè ò bar du distribbutòr. Piglia e mendr che stèmm facènn à benzìn arriva una macchina che da ind stevn due femminoni, e quell che guidava èr troppabbòn, mammamà!!!diesel Teneva le mani da purkakkiòn, con le ògne lòng lòng cum e quill dii film sporcaccioni. Ciagghij ditt: “oh ciaccanè, à benzìn faccìll mett à cumbagna tuij pkkè se vai tu, k quili m’n da purkakkiòn, cum tukk à pomb invece da benzìn èsh à sbò!!! I sgorgimènd accatèn!
E quell tutta ngazz’t piglia e fa: “sei un cafone, grezzo pervertito e maniaco!” ciagghij ditt: “mè che tii stùkk i pngùn, ata pork!” e Tonìn che rideva accatèn e facèv: “oh, addummann, quand’è con la mano? quand s pigghij?“. Tonìn è nu bastà, mi fa fare sempre i rìs accatèn!
Inzò alla fine ciamm mìs sop a la strada e amm iùt a Melfi, efèss e quanda foggiani che stèvn! Amm vist pur a quill della televisione, Lelluccio melone che tnèv l’occhialètt celèst makkeveramè, kevvifacè! E stèv nzimm a quillàt caccavòn che esh a telebblù u venerdì sèr… Tonìn ciadditt: “oh, dicitacìll a Padalìn che adda vènge sinnò u vk a ngappà fin andò agàbbt e ù sfrakìn d takkar’t!
E inzò, non è stato cazz che amm putut fà, e abbiamo visto a Lilìn che s stèv paliànn co uno di Melfi che pò amm scopèrt che èr kiù mattignòn d Lilìn, che la gente faceva: “no, non lo date retta che quello è malato, è un pazzo di Melfi, lo conoscono tutti quanti“. Efèss, si hanno accocchiati bell bell: mizz a tanda gend il pazzo è iut a ngappà iùst a Lilìn, ha sndùt l’addòr! Kesimmalà!
E inzò ci abbiamo strafocato la pizza di Colonna, ci abbiamo kiekàto la bottiglia di borghètt e amm iùt a fà ù scavalcamìnd p trasì. Però è nu camb d mmèrd a Melfi, nz vèd bun à partìt che sta la pista atturn au camb e allora amm vulut fà n’at scavalcamènd p trasì ndo settòr di foggiani. Stèv nu stiuàrt che è vnùt a romb u cà… ciagghij ditt: “oh, giovane, statt ò post tuij e fatt i cazzatùiij che sinnò abbùshk. I m’agghia vdè à partìt, agghij vnùt appostappòst da Fògg’” Poi agghij fatt segn a Lilìn e agghij ditt: “quellollà è malato, è mattignone, tiene le carte del manicomio, se u fì ngazzà t pot fà l’omicìdij” e quill s’è avvilacchiato e ha fatt: “va bene però non fate casino, vedetevi la partita e non create disordini altrimenti mi fate passare i guai“. Ha capìt subbt subbt u uagliòn!
E inzò, la partita èr d mmèrd tranne che a nu cert pund l’arbitro non cià dato il rigore ò Fògg’ e Tonìn sè ngazz’t e ha gastimato i murt e i stramurt imbaccia all’arbitro. Pò ù Fogg’ ha preso la traversa, l’incorcio dei pali, nz capèv nind. Stèv pur na femmna bòn che ciagghij ditt: “oh, quill ann fatt l’incorcio di pali, nui amma fà l’incrocio dei PELI?” Però n’ha capit nind che stèv nu poc fatt pur quell secondo me.
E inzò al secondo tempo stèv mbriaco e n’agghij capit kiù nind, poi Tonìn ha itt che hanno pareggiato e l’avemma ammandnè che vulèv iè a palià a Padalìn che ha ditt che il Foggia stc’ a l’utm post e mò dumèn’k adda vènge p forz a Tuttocuoio. Oh appropò: ma ndo cazz è stu cazz d Tuttocuoio?? Mannaggiakkitammù!





Pronto? Sono il Papa!

13 09 2013

Oh e inzòmm qualche settimana fà stèv cummattènn co una televisione ò plàsm che mi avevo preso da Teodòr che quill è iùt a fà n’appartamènd àà macchiaggiàll e teneva un sacco di ròbbe che se le doveva vendere però nisciùn sii ccàtt che stann tutt quand senza sold che sta la crisi. E inzò sta television a màkksischèrm melà data a me che ciò dato trendèur (iss vulèv cinguànd ma ciagghij ditt che adda fà semb pumbìn) efèss e che affaròn che agghij fatt.
E inzò, mendr che stèv cummattènn co sta televisiòn, piglia e suona il telefono e mammà vc’ a rispònn: “prondo? e sì aspì che mo ce lo passo“… e mi chiama a me: “Gino! ò telèfn!
A mè??? ò telèfn??? e chi cazz è? robb d sbìrr? i cumbàgn m chiamn sòp ò cellul’r che celò detto che a casa nn mi devono telefonare angòr che stànn i nvamùn che mettn ù telèfn sottocondròll… E inzò ho penzato che aveva ess kokke cacacàzz…papa
– Prònd!
– Pronto? Parlo con Luigi?
– Chi sì? Kevvitruànn?
– Ciao Luigi, sono Papa Francesco!
– kessò?
– Papa Francesco, sono proprio io!
– ma sì parènd a Giallùk Papa, quill che aggiùst i citòfn?
– ma no, sono il Papa, il Santo Padre, Papa Bergoglio…
– Seee, e io sò G’S’Crìst…
– Come? Non ho capito bene…
– eeehhh vabbù, e parè bell!!
– Eheheh… che bravo figliuolo…
– mè oh, ma chi sì?
– Devi crederme, sono proprio il Papa in persona, ti volevo rivolgere un invito…
– L’invìt puu domùss? O p l’istuàrr?
– no, ti invito a non provare mai odio per nessuno, indipendentemente dalle esperienze dolorose che la vita riserva, e ad andare avanti senza paura perché la vita ci vuole forti!
– ma kessò che vi truànn? vid che mè già fastdij’t, mo t veng a ngappà fin a ndoghè ke agàbbt…
– non ho capito cosa hai detto, non capisco se parli en el tuo dialetto, ma te rinnovo l’invito…
– mè oh, ce kak’t u càzz, vattupigghijngùl!
E ciocchiùso il telefono imbàccia!!! Makkeveramè, anè iss m’aveva fà ù scherz a me… aveva èss kokke pngòn che vulev sfòtt!
Mammà ha fatt: “ma k ki stìv parlànn? che è cumbn’t? kokke dammàgg?” e cioddètto: “no, èr nu stubbtòn che vulèv fà ù scherzètt, ma l’agghij mann’t affangùl. Anè ha ditt che iss er il Papa” e mammà che s facèv i megghij rìs sop a stu fàtt.
Pigghij e la sera, mendr che stèmm vdènn a teleradioèrr, và quella della televisione e dice che il Papa ciavèv fatt na telefon’t a nu criaturìll d Fògg’!!! Kesimmalà!!! Anè quill avèv sbagliato nummèro a m’avev chiamato prim a me!!!
M’agghij sndùt malamènd che l’agghij mann’t affangùl pkkè mi penzavo che quill m vulèv fà ù schèrz!!! Se ù sapèv ci dicevo che stk senza fatìg e m facèv fà na raccomandazziòn p fadgà da kokkeppàrt, che quill ki tèn l’aggànge caa kìs fatìg accumecchè! à kìs è na putènz sòp a sti fatt d truà à fatìg ai gènd!