Pallaaaaaa!!!!!

16 08 2014

Stava mio nipote che giocava nzìmm a l’ati criaturìll che quill uno teneva u pallòn e nzomm si anno messo a menare nu poc di calci tand p’addvrtìrs nu poc… E inzò siccome che a mio nipote che ciò imparato a menare le faiòle accatèn, ci dicevo sempre: “và và! mìn a faiòl! min a faiòl!” e quello che piglia e tirava.
Ma però siccome che tèn angòr i pìd a banana e adda fà angòr à convergènz, quannè che mena le faiole il pallone se ne va sempre allo stòrzo e ognevvòt deve fare allìte con gli altri bambini pkkè quelli non vogliono andare a pigliare il pallone che si scocciano. Ma però poi vanno perchè sinnò mio nipote li palièa. Ciò imbaràto che sadda fà semb rispettà.
E inzò stèmm vicino ai giardinetti e mio nipote mena la faiòla… efèss e che faiòla! E piglia e stèv passann nu babbiòn tutto bell vstùt che forse aveva iè a kokke appundamènd ca uagliòn, efèss ca cammìs tutt aggiust’t, u cavzòn d màrk, i scarp nòv nòv… e piglia e il pallone stèv iènn da quella vànn allà, e i uagliuttìll facèvn “Palla!!” e quist nind… “Palla!” e quist che guard ù pallòn e continua a cammnà, e i criatùr semb a lucculà “Palla!!“.palla Ma però quist nz nè frkt nind e ièv annànz cum se fòss che èr surd e nghiummùs! A nu cert pund sono menato un lucculo: “EEEEEOOOOUUUU!!! PALLAAAAA!!” e quist sè girato, ha guardato daa vann mèij e ha continuato a cammnà rìtt rìtt. Maaaaaaaa!!! Iss aveva fà accussì a me? E inzò? Mi sono abbiàto e l’agghij iùt a ngappà e cioddètt: “Oh, stubbtò! Kettìn kokkepprobblè?” e quist a nu cert pund m guard e nn rspònn, nn parl. L’ho ingappàto e agghij fatt: “Oh, ì stk parlànn k te!” e quist pigghij e fa: “Ma che vuoi? Ci conosciamo?” Anèèèè!!! Che ata cazz d cunvdènz!!
Cioffatto: “I uagliùn hann ditt ‘palla!’ keghè che fì find che nn sind?” e quill piglia e ha fatt: “e che è obbligatorio che gliela devo tirare? Se vado di fretta non posso perdere tempo. Se loro tirano il pallone lontano se lo vanno a prendere da soli! E poi, mi rovino i vestiti e le scarpe” E inzò ha accumnz’t a svacandà nu rusàrij d stubbtarèij, e io daqquà e io dallà e patapìmm e patapàmm… e co sta cazz d voce che m stèv sop o cazz… oh, a nu cert pund, ciò menato nu mafalòn che angòr adda capì da ndò lè arruv’t, e inzò sè ammupìt e non ha parlato più. Ciòddètto: “Mò u sì che e fà? Pigghij qulu pallòn e vacciupùrt ai criatùr, e addummànn scùs a nipòtm, dicci che non avevi sentito” e quist che guard’v e non parlava più. Cioddètto: “Oh, ecapìt che agghij ditt? Ce purtà u pallòn e criatùr” e quill che si accarezzava la faccia che stèv u segn duu mafalòn e guardava. Nzòmm ciò menato nu cavc’ ngul e l’ho lucculato in testa: “EEEOOOUUU!! Teee mòv o no?” e quist ha preso il pallone e ce le iùt a purtà ò criatùr.
Mendr che se ne andava agghij fat: “Cè kist scùs a npòtm?” e quill ha fatt di sì con la testa.
Agghio guardato a mio nipote e cioddètto: “tà kist scùs?” e mio nipote, che è nu strunzlòn, ha fatto di no con la testa. Ma però là fatt appòst pkkè u sapèv che io poi lo paliavo a quello. E inzò ciò menato un altro mafalone e quill ha fatt: “Oh! Gli ho chiesto scusa che cazz vui d kiù!” e agghio visto a nipotm che rideva… qulu strunzulòn maffàtt u scherzètt che mi ha detto che qulo balèng non ci aveva chiesto scusa e melà fatto paliare di nuovo!
Mio nipote keccitiène!!! è proprij nu strunzulòn come lo zio!!

Annunci