Tutti a LupaRòma!!!!

21 03 2015

-ciaccanì stìm facènn pareddìsp’r p vdè se amma iè a Ròm o no
-andoghè che avita iè?
-a Roma
-a fà che?
-a vdè ù Fogg’
-e quill iòkn a Aprìlij
-kessò! ke cazz dic’! iòkn mo ke domani
-sì ma iòkn a Aprilij
-oh vid che domani è angòr u vindidùij d Marz
-Aprilia!!! no Aprile!!!
-Aprilia? à motociclètt?
-Aprilia ù paès!!! Pngò!!! il Foggia gioca a Aprilia!
-ma che cazz dic’ che l’Aprilij è retrocess nde dilettànd Lannoscòrs
-seee, appòst!!
-ohhh! vid che u Fogg’ iòk condr la Lupa Roma no condr a l’Aprilij
-embè! à Luparòm andò iòk?
-a Ròm! cumè! ndo vòl iucà? a Milano? Si chiama Lupa Roma e iòk a Roma
-sì u cazz… e se s chiam’v Lupa Milano iuk’v a Milano
-eccèrt!
-necapìt nind! Lupa Roma è solo il nome ma quill iòkn a Apriliasegnale
-makkeveramè
-ecapìt bun!
-vattì ke neruè
-taaaaa ng crèd quist! allòr sì scèm! shkitt tu nu sapiv
-e lo stadio è quill ndo ke iòk l’Aprilia?
-Sì, è u stess stadij
-ma ke l’anm deeee kitammù…
-keghè
-là putìm iè tranguill
-pkkè?
-pkkè ng vol nind a fà ù scavalcamìnd
-eruè?
-evò! solamend che ciamma mnà nella pezzaràta accatèn…
-ah…
-oppure ce l’amma vdè da sop a l’albr che stann fòr ò murètt
-madò…
-oppur da sòp ò palazzòn, quill nùv che stc’ d rmbètt
-e cum e nghianà?
-tuzzulèij u citòfn e fazz: “volandiniii!!!
-i volandìn? e t’agàprn?
-èvò! Quann amm iùt indrasfèrt a Puteolana amm fatt accussì!
-vabbù ma a dumènkemmatìn se dici “volantini!” quill s penzn che sì tstmònij d genova e ndagàprn…
-à matìn? che s iòk à matìn?
-iokn a mizziùrn
-sang daa madòshk!
-keghè?
-è tard! mòòò ciamma abbià, uè… mòòòò proprij!!!
-aspè che quill…
mòòòòòòòò!!!!
-oh, bell bè…
mooooooooooooo!!!!!

kesimmalà, sò na mass d mattignùn!! Tutti a Lupa Roma!!!!

Annunci




Scampagnata a Castel Pingone

30 03 2014

E inzò abbiamo andato a Castel Pingone a vdè à partìt duu Fògg!! Efèss e che cazz di viaggio che amm fatt… siccome che la sera prima ci abbiamo mbriacàti, ci abbiamo messo sopra alla strada che à makn facèv i zigghezzàggh accatèn! Se ci fermava la stradale evogghij che ciaveva arrstà. Io sfottevo a Tonìn che cioddètto: “Maaa, se t fann fà à pròv du pallungìn, ciù pui anghiè caa bìrr!!!“. Però onèst ci abbiamo divertito perchè l’amico d Tonìn tiene lo stèrio da cind vàtt nella macchina e abbiamo messo le canzone napoletane a manètt e pò amm mis il ciddì con la musica discodènz dell’animale minimale, sacc’ cum cazz si chiama…
E inzò pò stèv pur Lilìn Manuzzèll che facèv i lòff accatèn e ci puzzavano pure i piedi. All’amico di Tonìn cioffatto aprire pure la cappotta daa makn pkkè stèmm murènn. Alla fine abbiamo arrivato a stu cazz da paisòtt sop à mundàgn e ci domandavamo alla gente: “scusa, ma è qua Castel Pingòne?” e quill facev: “si chiama Castel Rigone“. Kesimmalà, quill nuu sann che significa Pingone e nn capèvn che i stèmm pigghiànn p cul! Efèss e quanda risate che ci abbiamo fatto.castelpingone
A nu cert pund abbiamo ingappato a nu uagliòn e ciàmm ditt: “Oh giovane, Castel Pingone è qua?” e quill s’è mis a rid e ha ditt: “Sì sì, è qua, è capit bun!! Che sìt d Fogg?” e noi: “e pkkè s sènd?“. Cioè quill èr purìss di Foggia!!! Tropp fort!!!
Che pò quist tengono u cambètt piccinùnn che sta una stradina per arrivare, ma la partita s ved pur da fòr. E giustamènd Lilìn ha ditt: “ma se à partìt s ved pur daqquà, pkkè stann tutt sti babbiùn che pagano p trasì? Efèss e che pngùn!
E inzò ci abbiamo messo sòp alla mondagnetta, p ndèrr che stava pure l’erbetta cum se foss che stèmm a parco san felìce, ci abbiamo pure tolto la maglietta e le scarpe che facèv cavd e stèv u sòl… d luss proprij!!! Poi abbiamo cacciato ù rùtl ca pastofùrn e la parmiggiàna e ciamm mis a magnà bell bell. Stèvn pure i gli ultràssi cu pulmànn, che quill ha ditt Tonìn che siccòm che non tengono la tessera du tifòs non li fanno entrare e saa fànn semb fòr. Giustamènd nn ponn nemmang fà u scavalcamìnd come facciamo noi pkkè loro ne sono assai e li sgamano. noi invece trasìm semb aùmmaùmm.
E inzò, dopo che siamo mangiato, ci abbiamo sfondato col borghètti e si è ingomenzàta la partita: mamm ù Fogg’ l’ha sfrandumàto al Castel Pingone, efèss ha segnato pure Agostinàkkij, che Lilìn facèv: “Agostinàààà! Caccisòld dii vìggil urb’n!!” efèss le rìse accatèn! Che pò ha segnato pure Cavallaro tre gol e pure Giglio… nzè capìt kiù nind, Tonìn che zombava e lucculava cum e na cardellamòstr!! Ci siamo addicriàti. Se veniva pure Samànd me l’avressi fatta sòp a l’erbètt, tropp che stèv cundènd!
Che pò Tonìn ha ditt che stèv pur à presidendèss duu Poggibbònz che è bon accatèn e Lilìn la voleva andare a ggimendàre, at rattùs!!!
Alla fine ce ne dovevamo tornare a Foggia ma però Lilìn teneva da cacàre… e inzò l’ho fatto andare vicino andò che stèvn l’albr e l’ho fatto cacare là. E seffàtt sgamà da un signore che è passato e l’ha visto. Efèss i paròl che ciaddìtt, co Lilìn che se ne scappato ridènn ridènn caaammerdangùl che poi sò pùr rumàst le sgommate da sòp alla mutanda, efèss e che shkfèzz… Kesimmalà, Lilìn Manuzzèll è troppo mattignòne accatèn!

 





Pezze arate, rigòr, espulsiùn e i papagnùn: che trasfert d mmerd!

15 12 2013

Che cazz d trasfert d mmèrd! Abbiamo andato a Aversa che praticamènd è a Napoli. Nu paès d mmèrd, tutte le casette brutte cum se fòss u bròngs. Stanno accappottati.
E inzò stèmm io, Tonìn, Lilìn e l’amico d Tonìn, quill cu telepàss. Amm mìs à nàfft alla macchina, che ce l’avevamo dall’altra volta che ièmm a Poggibbònz, e ci abbiamo abbiàto.
Lilìn non aveva cacato a casa sua e menava le loffe che fetàvano accatèn e ci abbiamo fermato all’autogrìll p farl fà u cacatòn. E non ci stava la carta ndo cess e quill s’è mis a gastmà i murt e i stramùrt, e stèmm io e Tonìn che ièmm addummannànn i facciulètt ai gènd ind a l’autogrìll: meno male che stèv na uagliòn brava brava che celà dati. Onèst era brava, ma però èr pur bòn! Efèss e che provl e che cul che tnèv! Co sti cazz d gìnz aderènd shkaffàti ind ‘e stivalètt, che se stava Robbertìn a stabbòtt aveva murì ca shkum mmòkk.
E inzò alla fine s’è puluzzàto il culo chi facciulètt e ce ne abbiamo andato. Alla fine abbiamo arrivato a Aversa e stavamo andando allo stadio, piglia e và Lilìn e dice: “oh è quist ù stadij!“. Che pò onèst, èr nu cambètt che di lato stèv la pezza aràta. Ma però Tonìn facèv: “ma qua ng’ stànn i palàzz turn turn. E pò nn pass nemmàng u trèn. Lo stadio di Aversa tèn à ferrovèij affiang“. Però Lilìn s’è mis nde rekkij co stu fatt che er quill u stadij. E inzò abbiamo parcheggiato e ciamm menato mizz alla pezza aràta p scavalcà. Amm fatt ù scavalcamìnd ma ng’ stèv nisciùn.
Kesimmalà, non era quello lo stadio!! Efèss e quanda paròl che ciò menato a Lilìn, è semb ù sol’t, cumbìn semb dammàgg!
Che pò l’amico di Tonìn teneva u telefonìn co indernètt caa màpp e s’è mis a vdè, che quill è uno buono, e ha ditt: “Lo stadio è dall’altra parte della città” e io e Tonìn sùbbt abbiamo detto: “e vist? Tnèmm arraggiòn!” e Lilìn ha ditt: “sì però indand v n’avìt vnùt appriss pkke v’avit pnzt pur vuij che èr quist ù stadij daveramend“.
Ke è rraggiunà co Lilìn, efèss e che at mattignòn.aversa
E inzò abbiamo girato ind a stu cazz d paès d mmèrd e alla fine abbiamo arrivato ò stadij giust… che pò Tonìn giustamend ha ditt: “a Foggia tnìm shkitt nu stadij, qua che tengono na squadr d mmèrd e na città d mmèrd tengono dui stadij… che pò sò dui stadij d mmèrd tutteddùij, ùn pegg’ d n’àt!” e teneva arraggione, efèss e che shkfèzz!
Ci abbiamo ficcato alla muccina dentro alla stradunnèlla che sta di lato e pò amm fatt u scavalk. Ma però nz vdèv nu cazz, ci abbiamo spostato, ma però stèvn i sbìrr che se ci vedevano ciavevna cacà pur u cazz. Efèss e che partìt d mmèrd, che trasfert d mmèrd, ci abbiamo stato tutti ammucciati angòr che ci sgamavano. Pò la partita è stata pure di mmerd pkkè qulu bastardòn d l’albtr cià dato il rigore all’Avèrs e Tonìn s’è ngazz’t che u vulèv iè a palià. Poi ha cacciato a due giocatori del Foggia ma io stèv già imbriaco. Dice pure che ha segnato Giglio che ha fatt u gullakkiòn ma però alla fine amm pers e vafammòkk.
Comunque Tonìn ha ditt che u Fogg’ è rumast ò terz post e nè succiss nind. Megghiaccussì.
Che poi all’uscita ce ne abbiamo andato prima che finiva pkkè Tonìn s’è mis nrvùs. E stèvn i napoletani che sfuttèvn. Ciagghij ditt: “oh pngò, i dind tii fazz zumbà da mmòkk” e quello si voleva menare. E inzò amma fatt na mezza rìss, ma però quill erano cinque e noi quatt. Lilìn menàva i pugn a mulinèll ma non ce la poteva fare pkkè l’amico d Tonìn non si sa menare e s’è abbushkt kokke pugno. Io pure stèv imbriaco e ngapèv nind e mi ho abbushkato un papagnone. Inzò ce ne abbiamo scappato. Che pò stèvn i sbìrr e se ne sono scappato pure i napoletani.
Ci abbiamo messo la bottiglia di birra fredda imbaccia all’amico d Tonìn che s’èr abbushkato il pugno. E pure io melò messa un po’. Ma però pò me la sono scolata prim che si scarfava troppo. Che trasfèrt d mmèrd.
Meno male che mammà mi ha fatto trovare la pizza, mi sono addicriato.





Poggibbònzi po-po-pò!

2 12 2013

Era da troppo tempo assai che non ci andavamo in trasferta, l’ultima volta avèmm iùt a Tuttocuoio. Che pò quando abbiamo andato a Tuttocuoio abbiamo passato p nnànz a Poggibbònz, perciò la strada èr à stèss e a sapèmm già. Efèss Tonìn, siccòm che mercoledì avèmm vind i sold k na bullètt d cembionzlìg si voleva abbiàre già da sabato che vulèv ascì a Siena la sera e pò a dormire là da kokkeppàrt. Kesimmalà, ciagghij ditt che non era cazzo proprio, che i sold vànn fuiènn e mi abbisognavano p n’ati cazz.
E inzò amm fatt cum e l’ata vot che ciàmm abbiàto la notte. A sta bott però amm fatt l’autostrada pure all’andata che quill u cumbagn d Tonìn tèn u telepàss. Che io poi non avevo pisciato prim d part, e tnèv da piscià già a sanzvèr!! E inzò ci abbiamo fermato ò prim autogrìll e ci abbiamo preso pure nu cafè per stare svegli la notte che il viaggio era pure sott a l’aqq, efèss e cum la menava. Lilìn teneva pure la scarpa cu buk e trasèv l’aqq accatèn, si è fatta tutta la cavizetta mbòssa, mamm u fìt. Quill già i pid fètn quann sò asciùtt, mannaggiaggiùd, che è dorm, u cazz…
E inzò all’autogrìll stèv nu pulmànn d gend che tenevano i bandìr d Peppegrìll e l’amico di Tonìn ha ditt: “stanno andando a Genova che domani c’è il vudèipullma
Kessò? keghè stu vudèi? Nzòmm vulèv capì nu poc sti fatt e celò chiesto a uno che stev là, e quill ha ditt: “Il V-day significa Vafanculo-day, è il terzo che facciamo
E ciagghij ditt: “cum’è? vi accocchiate ind a na piazz e v mann’t tutt quand affangùl ùn k n’at?” E lui: “nooo! il vaffanculo è alle istituzioni, alla politica, a questi magnamagna che stanno al potere. Li dobbiamo mandare tutti a casa!
Ciagghij ditt: “vid che papanònm ha votato a Berluscòn che quill ciaddìtt che ci dava indietro i sold d Limu, e mò p colp d stu fatt mio nonno s vol semb iè a mett annànz alla posta a candelaro cu fugliètt che ciammandato Berluscòn p pòst
Comunque pò celò detto: “dingìll a Peppegrìll che se nn m fc’ ascì nu pòst bbùn, il voto mio su pòt scurdà
E inzò alla fine ci abbiamo abbiàto natavòt, io mi sono addormìto che stèv stang e mi hanno svegliato la mattina che stèmm arruànn. Efèss quili bastàrd m’hann fatt u scherzètt che siccome che dormo ca voccapèrt mi avevano ficcato la banana e m’hann fatt i fotografèij… Quill è semb Tonìn, è nu bastardòn!
Ma però celò scangellate tutte quante da sop al cellulare.
E inzò prima di andare allo stadio Lilìn ha fatt la figura d mmèrd. Stavamo sulla strada e stèv nu signòr con la figlia piccola che però nz capèv se era maschio o femmina perchè stèv con la coppola e la sciarpa. E inzò la bambina se ne stava andando e ù padr la chiamava: “Rahèle! Rahèle vieni qui!” e la bambina non sentiva e allòr Lilìn voleva aiutare il padre a chiamarla e ha fatt: “Raffaèle!! Vai da papà” e quill l’ha guardato sturt che si penzava che Lilìn vulèv sfott, solo che Lilìn avèv capìt che si chiamava Raffaèle e no Rachele. Che là a Poggibbònz parlano strano, un poco toscanese cum a Coccimìgl o come a quill du film del ciclone e Lilìn capìsh semb nu cazz p n’at.
Alla fine abbiamo andato allo stadio che Tonìn vulèv passà pu fiumètt ma nz putèv passà. Poi amm fàtt u trucchètt del citofono au palàzz d frònd che diciamo “volantini!” e ci aprono e vulèmm nghianà sop ò terràzz p vdè a partìt, ma però siccòm che stèvn l’albr annànz nz vdèv bun e allora amm vulut fà u scavalcamìnd. stadiopoggiCiamm anghiùs d tèrr, ci siamo allordati tutti quanti e piano piano abbiamo arrivato andò che stava una casuccèlla che stèv l’autobbulànz vicino al campo. Che pò Lilìn è nu mattignòn e voleva menare la banana dentro alla marmitta d l’autobbulànz, ma però è andato l’amico di Tonìn e ha fatt: “però se pò succede qualcosa e serve l’ambulanza cum anna fà?” e tnèv arraggiòn! Che pò la banana è megghij che taa magn e no che lè sprkà accussì alla mattignona maniera.
Ciamm fatt cumbàgn a quill che stava imbaccia ala cancello che ci abbiamo dato le pastarèlle daa mamm d Tonìn e quill se le ha mangiate tutte quante che ha ditt che ci piace la cucina pugliese. Efè, e se assapràva le mènole atterràte che aveva fà?
E inzò, abbiamo stato un poco lì ma però pò ciamm spust’t natavòt e abbiamo andato vicino alla gradinata che stèvn i foggiani accatèn, stèvn pur quill daa curva nord, e alla fine ciamm vist à partìt tutt nzìmm. Mamm quann ha fatt u gol Giglio nzè capìt kiù nind: Tonino che zombava cum e na cardellamòstr, io però stèv sfunn’t d borghètt e ngapèv nind.
Ciamm fatt i rìs accatèn, poi alla fine u Poggibbònz stèv facènn u gòl, a cul a cul ce l’abbiamo scappottata e amm vind! Dice che stèv nu rigòr quand e una casa! Efèss Tonìn e cum stèv cundènd.
Al viaggio di ritorno Lilìn facèv i lòff accatèn e la macchina er cum e na camr aggàss! All’andata ù fit d pìd, al ritorno ì lòff… kesimmalà! Co Lilìn i trasfèrt nz ponn fà…





Tutti a Tuttocuoio!

30 09 2013

Efèss e quanda risate che ci abbiamo fatto. Abbiamo andato a Tuttocuoio a vdè ù Fogg’. Che pò mica u sapèmm andò cazz èr stu Tuttocuoio, però pò un amico di Tonìn ha ditt che lo sapeva e ci abbiamo organizzato. No, non era l’amico di Tonìn che non sa le strade, quill d Grottaglie che ngspìsh nind, è un altro combagnone che è uno buono che s’p cummàtt e capisce nu sakk d fàtt.
E inzò però siccòm che stèmm senza sold e dice che Tuttocuoio è lontano, serviva la nafta. Pigghij e venerdì sèr ciamm iùt a fà nu gir chi bidungìll e à pomb che ci prendevamo nu poc d nàfft dai makn. E inzò l’amico di Tonìn ci aveva imbarato nu mòd p pigghià à benzìn ca pomb senza zukà, che l’ultima volta Tonìn s’è vippt ù diesèll e stèv murènn, kesimmalà.
Onèst, è un modo più meglio assai, che non ti bevi la benzina. Sol che pò Lilìn è ciammattòn e m’ha fatt cadè à nafft sop o cavzòn, che mammà il giorno dopo mi ha cacato il cazzo che vulev sapè cum avèv fatt.
E vabbù, inzò alla fine ci abbiamo abbiàto la notte pkkè abbiamo fatto via san severo senza autostrada e ci voleva tanto tempo assai per arrivare. Che pò io nn agghij durmùt p nind pkkè la sera prima Samànd vulèv iè a Monte Sant’Angelo che stèv quell che cand i canzùn d Laurapausìn e s’è mis ngullangùll che la dovevo portare. Mamm e ke kiùv, però pò m’agghij fatt nu cciaffatòn sop ò belvedèr che s vdèv tutta Mambrdònij…
E inzò alla fine sò tornato a Foggia e ci abbiamo abbiàto: io, Tonìn, Lilìn e il combagno d Tonìn. Tnèmm à pizz d mammà, à pastofùrn daa mamm d Tonìn, la parmiggiàna daa mamm d Lilìn, birr, borghètt, limongèll… ù serbatòij kìk kìn d nàfft e n’at e trenda litr ndè bdùn ind ò còfn. Pò tnèmm i ciddì d Giannicelèst, Ninodà, Tonycolòmb, Tommirìccio, Rosariomiràgg’, Frangostàco. E pur quill d Giggidalèss!! L’amico di Tonìn vulev pigghià l’autostrada che dice che nella macchina tnèv ù telepàss ma indànd non lo trovava e amm vulùt fà via sanzvèr, termoli-cambomarìn, pescara e còs fino che abbiamo arrivato a Macerata. Abbiamo girato e amm fatt na strd che a nu cert pund non era kiù arrìtt arrìtt e stèvn tutte le curve cum e quann vai a Vieste.
A nu cert pund send a Lilìn che dice: “oh ma qua stànn cum e i terremot’t, stanno le case scoffolàte!” mamm, stucà, sò i paìs che ha fatt u tarramòt tand ann fà, e stànn angòr le case tutt rott, che i gend agàbbitano da dentro ai condàiner. L’amico di Tonìn ha fatt: “le chiese e i monumenti li hanno sistemati tutti, invece la povera gente non ha ancora avuto la casa“. Kesimmalà!
Pò a nu cert pund ci abbiamo trovato sott a l’aqq, mamm e come la menàva, kiuvèv accatèn che Tonìn teneva appaura angòr che la partita non la facevano giocare. E inzò abbiamo passato pur annànz a Poggibbònz che mo che sarà amma vnì in trasfert mo ke gioca il Foggia. Ci siamo fermato che avemma piscià, solo che sott a l’aqq è nu probblèm e ci abbiamo fatto zuppi zuppi. Io ciò pure menato un pò di pisciacchia sop e scarp a Lilìn, tand quill con tutta l’acqua che kiuvèv mica se ne accorgeva. Pò abbiamo strafocato e ci abbiamo sfondato di birre e borghetti. Solo u cumbàgn d Tonìn si è mantenuto perchè doveva guidare, che quill è nu uagliòn appòst, è uno buono.
E inzò alla fine abbiamo arrivato a Tuttocuoio, amm fatt ù scavalcamind sott a l’aqq che a Lilìn lo abbiamo voluto vottare da sott sinnò cu cazz che cia facèv a scavalcà, efèss e quand pès stubbastà. Alla fine abbiamo andato a finire in mezzo ai tifosi del Tuttocuoio che parlavano cum e Coccimiglio: “oh maremma maiala buhaiòla, oh hettuffài, la hohahola hon la hannuccia” makkedè, cum cazz parln quist… però sò simbatici e ciann offèrt pur i pastarèll. Io li sfottevo che ci dicevo: “oh ma qua i cìnd d pèll non le vendete più? è tutto cuoio?  à tin a cìnd del ciàrro?“. Sol che pò quann è che ù Fogg’ ha fatt i gol e Tonìn ha zombato cum e na cardella mostr si sono un po’ ingazzati e nat poc e facèmm allìt. Però siccòm erano tutti stattattìnd e ci potevano far schedare ce ne abbiamo andato e amm iùt verso andò che stèvn i foggiani, ma però siccom che non pioveva più ci abbiamo stato abbàscio. Pò la partita s’è finita e io mi penzavo che ù Fogg’ aveva vinto 2-1 ma dice che il Tuttocuoio avèv fatt nu gol che però non ho capito niente quann è succìss.
Inzò alla fine ce ne siamo tornato che abbiamo arrivato a Fogg’ di notte, efèss e che cazz d viagg!! Meno male che quill ha trovato u telepàss e amm pigghij’t l’autostrada sinnò quann cazz avemma arruà!!
Per la strada Lilìn diceva le stronzate che a Sièn si penzava che ièvn angòr cammnànn cu cavall, oppur che il laghetto era un mare pkkè stèv l’isolòtt cum a Viest. Mamm e cum stc’ accìs stu uagliòn!





La trasferta a Melfi

22 09 2013

Oggi abbiamo andato a Mèlf a vdè à partìt duu Fògg’, efèss e quanda burdèll che amm fatt.
Stèv pur u cumbagn d Tonìn, quello che sbaglia sempre la strada, e ognevvòt ci troviamo in mezzo alla pezza aràta senza capì andò cazz amm iut a fnèsh. Però stavòt non poteva sbagliare pkkè la strada è semb arrìtt arrìtt sop alla via di Candèl. Anè, se sbagliava pure oggi ù ccidèv, u lass’v murt p ndèrr sop a la strada e m n ièv.
E inzò abbiamo andato a prendere pur a Lilìn che quill siccome che è mattignòn ci fa fare sempre le rìse accatèn. Solo che certi vot se non si fa il cacatone a casa sua prim che ciamma abbià, pò mèn semb i loff dendr alla macchina e ci vuole à mashkr andigàss!!
A sta bott però è iùt d luss pkkè è sceso già cacato e non ha fatto nemmang una loffa durante il viaggio.
E inzò prima di partire avemma iè a mett à benzìn e ciamm pigghij’t pur nu cafè ò bar du distribbutòr. Piglia e mendr che stèmm facènn à benzìn arriva una macchina che da ind stevn due femminoni, e quell che guidava èr troppabbòn, mammamà!!!diesel Teneva le mani da purkakkiòn, con le ògne lòng lòng cum e quill dii film sporcaccioni. Ciagghij ditt: “oh ciaccanè, à benzìn faccìll mett à cumbagna tuij pkkè se vai tu, k quili m’n da purkakkiòn, cum tukk à pomb invece da benzìn èsh à sbò!!! I sgorgimènd accatèn!
E quell tutta ngazz’t piglia e fa: “sei un cafone, grezzo pervertito e maniaco!” ciagghij ditt: “mè che tii stùkk i pngùn, ata pork!” e Tonìn che rideva accatèn e facèv: “oh, addummann, quand’è con la mano? quand s pigghij?“. Tonìn è nu bastà, mi fa fare sempre i rìs accatèn!
Inzò alla fine ciamm mìs sop a la strada e amm iùt a Melfi, efèss e quanda foggiani che stèvn! Amm vist pur a quill della televisione, Lelluccio melone che tnèv l’occhialètt celèst makkeveramè, kevvifacè! E stèv nzimm a quillàt caccavòn che esh a telebblù u venerdì sèr… Tonìn ciadditt: “oh, dicitacìll a Padalìn che adda vènge sinnò u vk a ngappà fin andò agàbbt e ù sfrakìn d takkar’t!
E inzò, non è stato cazz che amm putut fà, e abbiamo visto a Lilìn che s stèv paliànn co uno di Melfi che pò amm scopèrt che èr kiù mattignòn d Lilìn, che la gente faceva: “no, non lo date retta che quello è malato, è un pazzo di Melfi, lo conoscono tutti quanti“. Efèss, si hanno accocchiati bell bell: mizz a tanda gend il pazzo è iut a ngappà iùst a Lilìn, ha sndùt l’addòr! Kesimmalà!
E inzò ci abbiamo strafocato la pizza di Colonna, ci abbiamo kiekàto la bottiglia di borghètt e amm iùt a fà ù scavalcamìnd p trasì. Però è nu camb d mmèrd a Melfi, nz vèd bun à partìt che sta la pista atturn au camb e allora amm vulut fà n’at scavalcamènd p trasì ndo settòr di foggiani. Stèv nu stiuàrt che è vnùt a romb u cà… ciagghij ditt: “oh, giovane, statt ò post tuij e fatt i cazzatùiij che sinnò abbùshk. I m’agghia vdè à partìt, agghij vnùt appostappòst da Fògg’” Poi agghij fatt segn a Lilìn e agghij ditt: “quellollà è malato, è mattignone, tiene le carte del manicomio, se u fì ngazzà t pot fà l’omicìdij” e quill s’è avvilacchiato e ha fatt: “va bene però non fate casino, vedetevi la partita e non create disordini altrimenti mi fate passare i guai“. Ha capìt subbt subbt u uagliòn!
E inzò, la partita èr d mmèrd tranne che a nu cert pund l’arbitro non cià dato il rigore ò Fògg’ e Tonìn sè ngazz’t e ha gastimato i murt e i stramurt imbaccia all’arbitro. Pò ù Fogg’ ha preso la traversa, l’incorcio dei pali, nz capèv nind. Stèv pur na femmna bòn che ciagghij ditt: “oh, quill ann fatt l’incorcio di pali, nui amma fà l’incrocio dei PELI?” Però n’ha capit nind che stèv nu poc fatt pur quell secondo me.
E inzò al secondo tempo stèv mbriaco e n’agghij capit kiù nind, poi Tonìn ha itt che hanno pareggiato e l’avemma ammandnè che vulèv iè a palià a Padalìn che ha ditt che il Foggia stc’ a l’utm post e mò dumèn’k adda vènge p forz a Tuttocuoio. Oh appropò: ma ndo cazz è stu cazz d Tuttocuoio?? Mannaggiakkitammù!





Giovanna Dark a Pomigliano d’Ark

5 05 2013

Mè onèst, pur stavòt ciamm fatt nu sakk d rìs. Tonìn ha ditt: “oh amma iè a vdè ù Fogg?” e siccome che i previsiòn erano buone e aveva ascì u iurnatòn, sono detto: “vabbù, andiamo“. Però l’amico di Tonìn è nu pngòn che sbaglia sempre strada, nn è proprij cazz suij a ingarrare sop a cartìn e u tommtòmm. E io ciavevo detto: “Se ogg’ sbagl str’d t paliè!” e quill ha sbagliato strada daveramend! Cioè nui avemma iè a Pomigliano e quill s’è menato sop a via bari. Amm fatt: “oh ma ndo cazz stì iènn?” e quill: “a Polignano! Possiamo andare anche dalla 16 bis perchè è abbastanza scorrev…” non l’ho fatto nemmango finire d parlà che ciagghi nzakk’t nu mafalòn. Cioffatto fermare la macchina e l’agghij fatt ascènn e l’ho paliàto. Stèv Tonìn che m’ammandnèv sinnò l’aveva lassà murt p ndèrr a stu pngòn.
Vabbù comunque pò ciamm ditt che Polignano è natacòs, e che invece nui avemma iè a Pomigliano che sta vicino a Napoli. E siamo andato sop alla via per Candela che pò là putemm pigghià l’autostrada che quill tèn pur ù telepàss.
Che poi Tonìn che s’p tutt i cazz, ha ditt che l’amico suo ci aveva detto che sòp ò camb sportìv sta la stazione del treno e s vèd tutt cos e s ved pur bun. E inzò non dovevamo nemmango fare ù scavalcamend. Per la strada tuttappò, siamo andato pure all’autogrill che stèvn nu sakk d foggiani, efèss u burdèll… tutt convìnd che amma iè ai pleiòff. Però Tonìn ha ditt che non conviene pkkè è difficile a vincere i pleiòffi pkkè s iòk semb in trasfèrt e pure se vinci non è sicùr che ti ripescano. E pur se foss che ti ripescano, è pagà à fideiussiòn a doppij e quill già stann senza sold p fà na serieddì d mmèrd.
E inzò stèv Tonìn che parlava cogli altri tifòsi e stèv pur Teodòr che lo ingappiamo sempre in trasferta. Ha ditt che vulèv ngappà i biscegliesi che vann a Glàdiator sop à vèij d Casèrt, ma non li ha ingappati. Pò ciamm mis natavòt sop alla strada e abbiamo passato annanz a nu paès che si chiama Baiano cum a Ciccio Baiano che iuk’v ndo Fogg! Però è nu paès d mmèrd, kesimmalà, starà kìn kìn d fuss e d mnnèzz.
Inzò alla fine abbiamo arrivato a Polignano e amm vist che si chiama Polignano d’Arco e ha fatt ù cumbagn d Tonìn: “ah, come Giovanna d’Arco!“. Sacc’ chi cazzè sta Giovanna Dark… avradda ess na pornostar, che quell mò s chiamn tutt quand accussì… Anita Dark, Angel Dark…

La foto a Pomigliano colla sciarpa del Foggia

La foto a Pomigliano colla sciarpa del Foggia

Comunque pur Pomigliano fc’ shkìf o cazz, non ci sta niente, ng stc’ mang kiù à Fiàtt, e pò sò tutt napoletani, kesimmalà, brutta razz. E inzò siamo andato alla stazziòne del treno e daveramènd s vèd tutt ù cambètt! Che pò nzimm a noi stèvn pur nat e tre o quatt foggiani che stèmm tutt quand allassòp… efèss u burdèll, assomigliava che stèmm in curv. Ma stèvn pur i napoletani che kokkeùn aveva pigghià ù trenin che là è come se foss na metropolitana che tiene le fermate ind a Napoli. Solo che non sta sottotèrr come alle altre metropolitane ma sta dalla via di sopra cum se foss che è nu pònd che passa sopra alle altre strade. Onèst, abbiamo cacciato ù rutl d past o fùrn pkkè Lilìn troppo la fame nn capèv kiù nind e tnèmm appaùr che si menava a capabbash. E’ nu cialangòn, penz semb a magnà e a cacà.
Poi abbiamo cacciato la bottiglia du borghètt e ciamm sfunn’t… e siccom che facèv cavd accatèn, ci siamo pure tolto la maglietta e ciamm mis a torsonùd! Efèss i foggiani e quanda cipolle che menavano ind ò camb. Tonìn vulev capì pure il risultato del Bisceglie pkkè ha ditt che se il Bisceglie perd, il Foggia va ai pleiòffi. E inzò stèv nu uagliòn che telefonava agli amici suoi a Foggia e ciann ditt che Locàmb stèv facènn u telecronìst dal settore dei foggiani, kesimmalà!
A nu cert pund n’amm capìt kiù nind pkkè è passata na uagliòn che er troppa bbòn e ciamm mis a sfòtt da sòp… stava uno che facèv: “oooohhh!!! BBugliabbù!!! Zukkulòòò!!!” e quèst che facev find che non sentiva… però secondo me sndèv tutt cos e ci piaceva pure, atazò!
Che poi Lilìn n’ha capìt nind pkkè ha fatt: “oh ma quell chi è?” e io ho fatto: “quell è Giovanna!” e Lilìn: “chi è Giovanna?” e io ho detto “Giovanna Dark“. E Lilìn che s’è mis a lucculà: “Giovanna Daaark!!! Giovanna Dàààrk!!! Nammafanìnd?” efèss e cum parèv bell Lilìn k sta tripp da for, iangaiàng che s’èr fatt rosciaròsh e avev rumàst pur ù sègn iàng daa transènn troppo che stèv appoggiato e aveva pigliato il sole.
Poi ha segnato il Pomigliano e Tonìn s’è mis a gastmà i murt e i stramurt pur pkkè ha ditt che il Bisceglie stèv pariggiànn a Gladiatòr. Poi è stato espulso uno del Foggia e Tonìn ha ditt: “m sa che ciu pigghij’m ngul oggi” però pò ha pareggiato il Foggia e alla fine il Bisceglie ha pur pers e ce ne siamo andato festeggiànn festeggiànn. Solo che stèvn i napoletani e è asciùt na mezza rìss… pugn, shkàff e cavc’, nz capèv kiù nind… Lilìn Manuzzèll menava i pugn a mulinèll, efèss e quanda risate m’agghij fatt… stèv nu uagliuttìll che s vulèv mnà commè, ci ho inzaccàto due castagnoni e l’ho stutàto, pò amm vist che stèv kokke sbìrr che stèv arruànn pkkè stann semb i nvamùn che li chiamano, e ce ne siamo andato. Alla fine nee succìss nind e ce ne siamo tornato.
Efèss al semaforo ho acalàto u finestrìn che stava una signora e ho fatto: “Signò, sei di Pomigliano d’Arco? E mè, salutamìll a Giovanna!” e quell ngapèv nind…
Onèst è stata una bella trasferta: il Foggia ha pareggiato, ù Biscegl ha pers, amm iùt ai pleiòff, ciamm pur abbronzato e abbiamo menato pur nu poc d papagnùn.
Che cazz vui di kiù? Ah sì, una frecata. Tand p fst’ggià.
Ciamm fatt il viaggio di ritorno ki finestrìn apìrt che Lilìn spititiàva accatèn, stubbastà… è na cameraggàss!





A Monopoli ‘parco della vittoria’… duu Fogg’!!

21 04 2013

Efèss e che cazz di giornata. Mi sono proprio addicriàto. Siamo andato a Monopoli da stammatìn pkkè dice che là vicino sta ‘il capìtolo’ che è na spiaggètt che è cum e na discotèk che s’abbàll, s vèv e s frèk. Efèss Lilìn che ngapìsh nind si penzàva che èr ù càpitol il cinema, makkeveramè, è proprij nu mattignòn…Stadio_Monopoli Che pò Lilìn si penzava pure che a Monòpl stann quatt stazziùn, ù vicolo cùrt e ù vicolo strìtt… keppngòn! E inzò amm iùt al mare, però nn stèv ù sol come si deve, mannagg’ a sand nind… non ci siamo fatto nemmango il bagno che facèv nu cazz d frìdd. Poi ciamm magn’t a past ò furn, ciamm vippt ù vìn, ciamm sfunn’t d borghètt, e siamo andato allo stadio. Solo che siccòm stèmm ki kianìll e stèmm nu pok mbriachi, non ce la facevamo a fà ù scavalcamind. Però quill Tonìn è furbakkiòn, ha ingappàto a una signora che agàbbt ind ò palàzz di rimbett allo stadio e cià ditt che stèmm senza sold pkkè ci avevano frekato ù portafògl e che Lilìno è malato di mente e tèn a manuzzèll offès e che era peccato, e se putèmm iè sop ò terràzz accussì u tnèmm cundènd. Efèss e cum l’ha stubbtìt alla signora che quèll s’è dispiaciùt daveramènd e ciaffàtt anghianà. Che poi stèvn pure i figli e i criaturìll che la domenica mangiano tutti insieme. Onèst, amm iùt d lùss che pò ciamm abbushkt pur i pastarèll e il figlio s’è vist à partìt nzimm a nuij… però era lontano e nz vdèv nu cazz d nind. Che pò quist ha accumnz’t a parlà d polìtk nzimm a Tonìn, kesimmalà che quill Tonìn stèv angòr tutt avvelenato puu fàtt d Napolitàno. E io cioddètt: “vid che quill che stànn ò guèrn sò tutt na mass d purk, piddì, piddièll, berluscòn, mariomònd, peppegrìll…” efèss quand ha s’ndùt Peppegrìll è partìt cum e na maknètt e ha accumnz’t a dic’ tutt i fatt du movimènd cing stèll che è brava ggènd, e il popolo e la democrazia e patapìmm e patapàmm… naa fnèv kiù… E inzò n’agghij capìt nind però cum se foss che quist sapèv tutt i cazz pkkè forse ha fatt pur i scòl fattìzz… Che alla fine è asciùt à migghièr e ha fatt: “Lasciali stare a questi poverini che stanno vedendo la partita, sempre di politica parli“. Ahahaha povrìll, nateùn che stc’ sott ò shkàff daa migghièr che u cumànn cum a nu cacciunìll!!! E inzò alla fine ù Fogg’ ha vind, Tonìn è cundend, siamo tornato e abbiamo passato da Bisceglie, e siccom che ù Bisceglij’ ha perz, Lilìn s’è acalàto ù cavzòn e ha fatt nu cravattòn ai biscegliesi dal finestrino mendr che stèmm sop alla 16 bis quando siamo passato da Bisceglie. Tonìn ha ditt che mò il Foggia stc’ a dui pund dai pleiòff… Ciagghij ditt: “Oh Tonì nd ngaricànn che tand pur se va ai pleiòff i pèrd u stèss… ognevvòt amm semb pers…
E inzò turnànn turnànn alla fine siamo andato pure a Trani che sòp al lungomare stànn nu sakk d belli post e stànn pur i ciànn accatèn… efèss e quanda fèmmn, ùn kiù bòn d l’àt… però ù fatt è che quann tin a Lilìn apprìss, è nu probblèm: efèss e cum stèv ki kianìll e i ggìnz arravogliati, i pìd lurd, tutt nzvùs che si era allordato pure la maglietta di vino. Che cazz è stuppà i fèmmn se t purt a Lilìn apprìss, quill è cum e nu zampiròn per le zambàne, che i fèmmn cum ù vedn se ne scappano. Mannaggiassàndnìnd!!





In trasferta a Nardò sott a l’aqq

7 04 2013

Che cazz d trasfèrt… nz capish quanda kilometri siamo fatto per arrivare a stu cazz d paisòtt che si chiama Nardò che Tonìn ha ditt giustamend: “oh ma l’abbitànd d Nardò cum cazz s  chiàmn? Nardini?“. Kesimmalà, tii vìd in mezzo alla strada che si chiamano: “oh, Nardino, vin qua!“. Efèss, e keghè, è tutt na macellerèij a stu paès!!
Comungue vabbù, siamo andato dalla mattina che quell Samànd vulèv vdè nu paès che si chiama Polignano che avemma passà p nnànz e stc’ sulla strada, e dice che stanno gli scogli e il belvedere che è pur avt e fanno le gare di tuffi! Mamm ù cazz duu vind che menava, stava pure il mare aggitàto e ce ne sim vulut iè. Che pò che cazz m n frèk a me dii tuff e dii scoglij’, che io l’estate m n vk a Ippocàmb-Zappunèt o a Sipònd o a Cambomarìn che mi piace la spiaggia!! E inzò ci abbiamo fermato un po’ che ciavemma magnà u panìn e poi siamo continuato che avemma iè a Lecce. Mamm non arrivavamo mai, ù cùl s’er fatt quadrato a stà semb assettàto, assummegghij che ciamm fatt na trasfèrt ò norditàlij’!!
Comunque Lecce è bell, Tonìn parlava con un signore che ha ditt che stann nu sakk d monumènd d Roccobbaròcco. Efèss, io mi penzavo che Rokk’bbaròkk facèv shkitt i profùm e i vstùt!! Che poi Lilìn ngapish nind, vulèv stuppà a na fèmmn e ha fatt: “scusa signorì, stc’ kokkekkièsa d dolceggabbiàno da sti vànn?” Efèss e che fgùr d mmèrd! Invece di roccobbarocco ha ditt dolceggabbana!! Che pò secondo me quellallà nn ha mang capit nind pkkè a Lecce parlano tutto strano, assummegghij che càndn quann parl’n, e dinn semb “Sai? Sai? nun sai?” e se u sapèv mica tu vnèv a addummannà a te!! Che ati pngùn! Però onèst, stann certi fèmmn bòn che fann andustà a catèn! M’agghij pur abbushk’t nu mmafalòn da Samànd pkkè guardavo a una che tnèv i mlùn annànz…
Quand è tog Samànd quann s ngàzz e fa la gelosa, maa vulèss sfunnà a spigolo di chiesa di san roccobbaròcco, o a spigolo di fontana di roccobbarocco.
E inzò alla fine amm iùt a Nardò che è nu paès nu poc strano pkkè stann nu sakk d murètt, d fuss, canalètt e stann nu sakk d fricciùn di lato alle strade… Tonìn ha ditt che forse stèv ù mùr turn turn ò paès che tanda timb fà ièvn semb facènn i uèrr e s’accidèvn. E allora per difendersi facèvn i murètt turn turn… Invece Lilìn che n’ha capit nu cazz ha ditt: “madò, stann kiù fricciùn qua che a Matèr!” e ciagghij ditt: “Lilì, tu i sass d Matèr i tìn ind ò cervèll! Anz, mang quill tìn, è proprij vacànd!“. Kesimmalà, è nu mattignòn!stadio-nardo
E inzò, siccome che stèmm in anticipo che la partita s’accomenzava alle cinque, ciamm fatt pur una passeggiata al mare che là è vicino. Però che peccato che u timb er d mmèrd e kiuvèv. Tirava pure nu cazz d vind che t facèv vnì ù dolòr d kp! E ci siamo stati dentro alla macchina. Mò però pkkè agghia dic’: il posto è bell, il mare è bell, solo che uì, mannaggiakkitammùrt, è tutt scoglij e non va bene. Pò stann nu sakk d villètt abbusìv che là avrànn fatt certi condòn, sti quatt purk e kin d mmèrd e magnamàgn!!
Vabbù poi alla fine amm iùt allo stadio che a stabbòtt stèvn pure i foggiani che t n’accurgìv subbt sùbbt cum i vdìv! Efèss amm angapp’t pur a Teodòr, quill delle palme. Ma pò agghij vist a nu sakk d ggènd che canòsh, efèss e quand è tog, è da mò che non usciva la trasferta coi foggiani. Ciamm sfunn’t d borghetti che pò s’è accocchiato pur Teodòr con noi e ciamm fatt nu sakk d rìs a pigghià p cul a Lilìn. E inzò ci siamo ficcato vuttànn vuttànn co Lilìn che è peso massimo e pò io e Tonìn amm fatt u scavàlk d prìm che là u murìll è vash e nun ci vuole niente.
Stèv pur nu palàzz che putemm anghianà come abbiamo fatto a Puteolana, però siccome che stavano i tifosi vulèmm iè mizz o burdèll. Che poi io non volevo andare più allo stadio pkkè u timb er brutt, e poi il Bisceglie avev pur vind e invece doveva perdere pkkè Tonìn ha ditt che sinnò i pleiòff il Foggia i vèd col cannocchiale. Però alla fine la partita ce la siamo visto. Efèss le risate che stèv nu babbiòn che vulèf fà il video e le foto dei tifosi pigghij e si girava e inquadrava a Lilìn, e quill che s ngazz’v… e a primavòt, e a secondavòt, e a terzavòt… a nu cert pund ciàdditt: “oh giovane astùt sta quèst, mè!” e quello faceva “no ma sai, voglio fare il video, i tifosi, la coreografia, patapìmm, patapàmm…” e Lilìn l’ha ingappato e  facèv: “giovane! allòr ngiamm capìt!” e quill inzistèv… efèss Lilìn l’ha pigghiato e l’ha alzato cum e Alcòga, quello del Rèstli e u vulèv mnà abbàsh!! Mammamà, quanda risate…
Che pò vabbù, siccome che kiuvèv ci siamo andato a mettere sotto e stèmm tutti sfunn’t d borghètt e d cannùn. Ognettànd Tonìn menàva certi sgurrùtt che si sentivano da sòp ai cori duu reggìm, mammamà!! Puu rist n’agghij capìt nind, mi sono arripigliato alla fine che agghij capìt shkìtt che u Fògg’ ha fatt ù gol a l’utm a l’utm pkkè Tonìn ha inzaccato nu lukkl mang che avess vind la coppa dei campioni.
Poi vabbè, ce ne siamo uscito tutt nzìmm, abbiamo paliàto a uno di Nardò che stèv appoggiato imbaccia alla macchina e ce ne siamo tornato.
Sti trasfèrt però sò tropp long, efèss e cum stk sfàtt!!





Lilìn e le “pietre” di Matera…

10 03 2013

A sta bòtt ciamm addvrtùt. Siamo andato a Matera che con la scusa che avemma iè a vdè ù Fogg’  e amm fatt la scambagnata. Efèss e quandebbèll Matèr!
Tonìn ha avuto una bella idea pkkè ù timb èr pur bùn, stèv ù sòl, ci siamo abbiato dalla mattina pkkè accussì putèmm vdè i fatti belli che stann a Matèr.sassi1 Che quill Tonìn s’p tutt i cazz e allora venerdì m’avev ditt: “oh Giggì se ci abbiìàmo dalla mattina putìm iè a vdè i sassi di Matèr” e io ci avevo detto: “e che càzz ciamma abbià a fà daa matìn? p iè a vdè i fricciùn a Matèr?” però Tonìn mi ha spiegato che è nu fattappòst di città vecchia che è tog e vanno un sacco di gente a vederli e che hann fatt pur ù film sop a G’S’Crìst, quill cò Melghìbso che nz capìsh nu cazz d nind pkkè parlano giargianès… E inzò ciamm organizzato e abbiamo fatto due macchine che sò vnùt pur Samànd e Dèbbora e pò è vnùt pur Lilìn, Robbertìn e Annarita, l’amica di Samànd che tèn i gattarìll. Però è vnùt senza gattarìll che sinnò a Lilìn u facèmm murì paa str’d!
E inzò abbiamo fatto cum se fòss che èr na pasquètt che ognun ha portato kokkekkòs da magnà, io sono fatto fare i trùkkl da mammà, Tonìn ha purt’t i brashòl, Samànd e Dèbbora hann fatt nu dolc’, quill’at hanno portato da vèv, Lilìn le birre, Robbertìn ù borghètt… inzò sti fatt accussì.
Che poi stèv facènn allìt co Robbertìn pkkè facèv ù babbiòn che s vulèv fà ù viagg’ nella stessa macchina co Dèbbora e ciagghj ditt: “Samànd e Debbòra anna vnì k me e Tonìn, tu vavattìnn co Lilìn, Giuànn e quill’at pngòn du cumbagn d Tonìn che se sbaglia strada ve ne andate pur affangùl… e statv attìnd che se Lilìn s mett a fà i lòff sò cazzavùstr”.
Che poi ciamm shkatt’t da i rìs pkkè Tonìn ha fatt: “stavòt nginnànn nè autostrada e nè autogrìll, perciò se a Lilìn ì scàpp da cacà s’adda iè a mnà mizz à cambàgn!”.
Ciamm fatt nu viagg’ tropp bell con le canzoni di Giggi D’Alèssij e Gianni Celèst a manètt e a cantare tutti insieme nella macchina, stc’ Dèbbora che fc’ paùr a candà, ciagghij ditt: “oh ma pkkè non vai a ìskfàcto a candà? che quill t pigghij’n”… Che poi se a pigghij’n non è pkkè s’p candà ma pkkè è bòn… efèss e quand è tost!
Alla fine siamo arrivato a Matèr e io tnèv già à cialàng e ho cacciato i trukkl d mammà e m’agghij mis a magnà sop à cappòtt daa makn caa birròzz affiàng. A nu cert pund sò passati due e guardàvn, è iùt ùn e ha fatt: “efèss che at zannìr a magnà sop à makn, quist è d Fogg’, ciamma fà semb accanòsh!” e m’ha fatt tuccà d nìrv e ciagghij ditt: “oh stubbtò kettìn kokkepprobblè? Parl mbacc’ se sì bun!” e quello s’è avvilacchiato e guardava senza parlà. Sò andato che ù vulèv sfracanà però Samànd e vnùt e ha fatt: “Luigi se alzi le mani mi arrabbio e me ne torno a Foggia, m fazz accumbagnà da Saverio” Kesimmalà! Saverio è ù cumbagn d Tonìn, quill che si perde sempre e sbaglia strada. E allòr agghij ditt: “mè, proprij pkkè me l’ha kìst à uagliòn, p stavòt t sì salv’t. Però à prossma vot v paliè a tutteddùij”
Poi ci siamo sfracanati cu borghètt e pò vulèmm iè a vdè sti cazz d sassi d Matèr che non sapevamo da ndò che si và. E inzò è andato Lilìn che vulèv fà ù tust e ha fermato a uno che passava e ha fatt: “scus giovane! stèmm cercànn le pietre di Matera, andò stànn?” efèss io e Tonino stèmm shkattànn dai rìs che quello Lilìn si penzava che i sassi sò i fricciùn! Che fgùr d mmèrd che ha fatt!     sassi2
Nzomm amm iùt a vdè sti sàss e sò bell, sono come se fòss le case, però ind à mundàgn, tipo i gròtt che stànn a Borgocrò che s’ascènn abbash, solo che là nn s’ascènn abbash, stànn a livèll con la strada. Che poi dice che le case da ind sò frèshk e non serve nemmàng u climatizzatòr. Mamm quand è tog!
E inzò alla fine amm iùt pur allo stadio che a cul a cul abbiamo trovato a uno che ièv regalànn i bigliètt che fors a Matèr s’adda iè a vutà, boh, che n sacc’… e inzò non abbiamo nemmang pagato. Vabbù, io non ho mai pagato nemmang l’ati vot pkkè fazz semb ù scavàlk. Però a trasì cu bigliètt è divertente.
Er nu fatt bell pkkè stava la festa p Franco Mancini che mi sono pure commozzionàto. E alla fine amm fatt pur 1-1 però Tonìn ha ditt che il Foggia doveva vincere pkkè mò i pleiòff i vdìm cu binòkl.
Comunque è stata una bella giornata, solo che alla fine aveva succèd p forz kokkekkòs… e à colp d chi è? Semb duu cumbàgn d Tonìn, qulu pngòn. Ha bucato à ròt daa makn e si sono fermati sòp à vèij d Candèl. Mi chiama Giuànn ù cambagnùl piglia e fa: “Gino, s’è buk’t à gomm…” Efèss… povr Giuànn, ciagghij ditt: “vid che pui fà p cagnà sta ròt, ma nd facènn aiutà da nisciùn che quill fann shkitt dammagg! Quill stann nguaij’t kii prèt, anzi, coi sassi!”
Mò u fatt… quill si avevano accocchiàti bun bun: u cumbàgn d Tonìn è nu pngòn, Lilìn tèn a manuzzèll offès e nn s’p svità mang nu bullòn, Robbertìn Ukkijstùrt nn vèd nu cazz, che quill guardammè e neruèr. Però onèst, meno male che stèv Giuànn sinnò s’avevna attaccà ò cazz!!!
Onèst, Matera è bell… mi sono addicriàto.