La Madonna dei pescatori d Margherìt

23 07 2013

Onèst, a Margherita ci siamo fatto le rìse accatèn! Siamo andato l’altro giorno che quill stava un’amica di Samànd che tiene la casa e siccòm che à mamm e ù padr non ci stavano, ci ha invitato a fà na bella vacànz d tre iùrn e ci abbiamo portato tutt i fatt p dòrm.marghe
Efèss e quanda burdèll che amm fatt, co Lilìn che addvènd semb kiù mattignòn ogne iùrn d kiù. E inzò già all’andata stèv sta cumbàgn d Samànd che mendr passàmm per la strada delle saline ha fatt: “qui ci sono i fenicotteri rosa” e io mi penzavo cum se foss che èr robb d elicòttr, invece pò Tonìn m’ha ditt che adda èss cum se fòss robb d passarìll…
Comunque non sono dormito per niente, nu poc pkkè stèv Lilìn che russava (efèss assummegghij nu trattòr, peggio d quill che tèn Giuànn in cambàgn) e nu poc pkkè stèvn sti bastard d zambàne che la casa stev senza zanzarìr. Efèss il muro ce l’hamm fatt tutto ciambiàto ki kianìll e ki zukkl per uccidere le zambane. Pò amm vist che stava la racchetta dei cinesi ca currènd, che quell i ccìd avvòl e fa pure le scintille, mamm e quand è tog! TATTARATTATTA!! Efès e come shkattièia!
E inzò sabato ciamm fatt i bagn accatèn, co Robbertìn che facèv à ricòtt sop a quella dell’aqquaggìmm, atapòrk, efèss e che provl e che cul che tnèv! Poi sabbt e ssèr siamo andato a Trani che stèv ù burdèll: mamm e che addòr d ciànn che s s’ndèv, stavano a tutt vànn, una kiù bon dell’altra, co sti vstìt aderènd ki perizzòm da sòtt, i scarp ki takk alti alti cu polpàcc’ che s’abbòtt e che t fc’ vnì ù vlèn e la raggia nel sangue. Robbertìn stèv ca shkùm mmòkk!
E inzò io stavo sfracanato pkkè già n’avev durmìt p nind la notte prima, poi ci avevamo sfunn’t d borghett e di vino. Quann amm turn’t a Margherìt, che si avevano fatto le quattro e mezz, quasi le cinque, vulèv vdè shkitt u litt!! Cioddètto agli altri: “oh, domani mattina ì rumang a dorm, che teng tropp asùnn!Foto-0143
Non è stato cazzo che agghij putùt dorm: alle otto è partìt na batterèij d fuk proprij d rimbètt alla casa, che quell sta proprio sul mare… kesimmalà! Assomigliava che stèv u tarramòt e che stevn sparann i fuk dentro alla stanza andò stèmm a dorm! Ma ke l’anm d kitestramilamurt ndèrr! M’hann fatt pigghià na gocc’! Efèss e ke shkànd! Siamo zombati da dentro al letto co Lilìn che lucculava: “Saddàmm! Saddàmm!! à uèrr!!
E inzò me ne sono voluto andare pure io sop à spiagg’, e amm capìt che i fuk sono per la festa daa Madònn dii pescatùr, che fann pur la processione nel mare cu quadr daa Madònn… e stèv nu vikkiarìll che ha detto che se ièmm al porto ci facevano inghianare sopra alle barche per fare la processione inzième. E inzò, rirènn e pazziànn siamo andato al porto e ci siamo ficcato sop a nu specie d peschereccio che talmend che stava pieno che parèv cum e le navi dei pròfug che fann i sbàrk a Lambedùs! Mammamà!
E là mi sono fatto le rìse accatèn pkkè Lilìn ha iniziato a quartiàre che quill non sa nuotare e si è avvilacchiato angòr che le navi si affondavano… e stèv la nave cu quadr daa Madònn con il prete da sop che faceva le preghiere “avemmaria piena di grazzia issignòreccondè” e Lilìn che pregava apprìss apprìss, ma no paa Madònn ma p ìss che nn vulev affucà!! Nat poc e si cacava sott… e io cioddetto: “Oh Lilì, nd proccupànn che se mur affuk’t, pur se i pish t magn’n la faccia e il trippone, putim fà u stess u riconoscimend dalla manozzèlla offesa che quell è origginale che a tìn shkìtt tu!“… efèss e quanda risate che ci siamo fatto.Foto-0141
Nzòmm ci siamo divertito accatèn, però alla fine stèv accìs d sùnn… mi sono menato sop alla seggiasdràia che tenèmm sòtt au mbrllòn e ho detto: “oh, kitammù, io agghia dòrm! Non cacate u càzz che se mi svegliate v paliè!“… E inzò nn passano nemmang cinque minuti che vèn nu nèr che vendeva l’okkiale e i braccialètt e m vèn a sviglià: “ehi amico, combrare combrare!“… kesimmalà, l’agghij anghiùs d castagnùn che l’agghij fatt iè fuiènn a stubbastàrd! Anè iss m’aveva vnì a romb u cazz a me che stèv durmènn!
Alla fine ciagghij ditt: “mò p punizziòn mè dà pur l’okkiale aggratìss” e me lo sono pigliato. Quill vulèv i sold, ma si ha abbushkato n’ati mmafalùn da sop… alla fine m’agghij mis nrvùs e non prendevo più sonno. E ce ne siamo tornato a Foggia.
Ma tu vid nu poc a sti cacacàzz… Però onèst, ci abbiamo addivertùto.

Annunci




Mio nipote e i compiti – #1

13 07 2013

-zio
-cheghè
-mi aiuti a fare i compiti?compiti-bambini
-kessò? i còmbt? nn è fnùt à scòl?
-sì però mamma ha detto che devo studiare l’estate perchè celà detto la maestra
-e pkkè?
-perchè ha detto che tengo le lagune in aritmetica e giometria
-appòst… e se stànn i lagùn stànn pur i zamb’n, và pigghij ù flìtt!
-che cosa?
-nind nind, stèv pazziànn…
-allora mi aiuti?
-ciaccanì, ci vòl chi m’aiùt a me
-dai, zio!
-e dall, dall… e vdìm dà, kessò che e fà?
-le potenze e la radice quadrata
-stucà… e fà fà…
-e non le so fare, me le fai tu?
-noooo, e le fà tu… io a scuola già ho andato quand èr criatùr cum a te
-e allora me le spieghi e me le faccio io?
-e che t’agghia spiegà… allòr Putènz è nu paès che stc’ sopra alla via di Candela…
-zio che dici!! dai!
-oh, e ditt che tin i lagùn a giografèij’
-giometria!!
-ah… e mi ero penzato che èr la radice che cresh a Putènz sop a mundagn… quill sò bon che sta la liquirizzia da ind’…
-ma no! si chiama estrazione della radice! è una cosa di matematica
-e sì… quill la radice s pigghij e s stòkk da ndèrr: è matematico che s n vèn!
-zio non hai capito niente…
-efèss tu… sindammè, le vuoi le fònzi?
-Sììì!!!
-e mè, akiùd stì quadèrn e mitt’t i scarp che ci andiamo a fare un giro ca cindvindisètt!
-Sììì!!!

A mio nipote la scuola ù stc’ arruvnànn… meno male che sto io che ù ggiùst nu poc…





Musica, peròn e mafalùn in piazzetta

11 07 2013

Ieri ciamm fatt i megghij rìs… siamo andato in piazzetta a farci na camminàta e stavano tre balenghi annànz alla cattedrale ki cammìs sgargiànd, che candàvn tutte le canzone vecchie, quella del continente nero paraponziponzipò, quella del cacagghio che dice A-A-Abbronzatissima, fatti mandare dalla mamma, unazzèbbrappuà, e còs e còs…
E inzò stèmm tutt quand che ci avevamo bevuto una birrozza e Samànd ha sentito le canzoni e ci piaceva che pò stèvn pur quill che abballàvn e quell ha fatt: “Luigi balliamo anche noi?” ciagghij ditt: “e che stì ò spusalìzzij che è abballà?” Stavano due o tre femmine che abballàvn, una er proprij bòn accatèn. E stèv quill ca chitàrr che ascennèv do palk e si menava a suonare in mezzo alle gende. Efèss e che at mattignòn.peròn
Oh, a nu cert pund è partìt la canzone che faceva “perchèpperchèèèè la domenica ti mangi la brasciola e non vieni a vedere la partiiiita del fooooggia… perchèèèè perchèèèè, à brasciòl nn taa magn e cinghemmè!” e Tonìn è partìt a zumbà cum e nu bruttabbèstij e cantava cum se foss che stèv ò stadij’, kesimmalà…
Poi quello s’è mis a candà “vorrei la pelle nera” e diceva “cantate voi” e tutt a luicculà, è andato Tonìn che ormai s’èr esaltato, piglia e lucculava “vorrei la pinga nera!“… efèss e quanda risate che ciamm fatt…
Poi, alla fine, mendr che quelli stavano finendo di cantare, arrèt ò palk stèv varvòn varvanèr (che mò s’è fatt vicchiarìll e la varva s’è fatt iàng) che pur quill è mattignòn e s’è mis a fà allit co due femmine che stèvn là, che io le ho messe a nome sdrèg e sdreghètt… e inzò io facevo imbaccia a Tonìn: “oh, vid che mò varvanèr ciadda mnà nu mafalòn” e Tonino facèv: “nooo kessò“… e inzò, non è stato cazz che ha putut fnèsh di dire così che quill cià inzaccato daveramend nu papagnòn a sdreghètta!! Kesimmalà, er tropp da rìr ù fatt, che sti dui s paliàvn tutti scordinàti che fors stevn pure tutti imbriàchi. Quill’at baleng da sop au palk, mendr che cantava ha accumnz’t a fà: “intervenga la forza pubblica!” e io cioddètto: “cumbà e parè bell, anè la forza pubblica… andò stànn! u fà che ni vann a spart i cumbàgn evogghij che s’hann accìs!
Samànd che faceva: “Luigi vall a spàrt” e io cioddetto: “che m n frekammè, s ponn pur accìd“. Onèst, ki cazz i pènz, m’agghij fatt i cazzamèij. Io mi mèngo se agghia difènd ai combagni miei, a Samànd, a mio nipote, no a varvanèr e sdreghètt.
Che poi sono andati gli altri a spartire e pò se ne sono andati. Quill pò si avrà avvilacchiato e ha finito di cantare e se ne sono andati tutti quanti.
Ciàmm vippt un’altra Peròna, anzi er nu bell perongìn, e ce ne siamo andato. Stavòt Tonìn non ha menato i vomicatoni pkkè aveva vìppito poco.





Sgamatòn

1 07 2013

èss: oh, ciaccanì… ma se io muòro accussì, d sùbb’t, tu che faciarrìst? t spusarrìst natavòt?
ìss: No ciaccanè, kessò…
èss: No? E pkkè? Allòr nn sì cundènd che sì spus’t?
ìss: Sì, sò cundend… ma kecciakkò…?tradim
èss: ciakkòkkij, ciakkòkkij’!! cum’è? nd spusarrìst natavòt se sì cundènd d stà spus’t?
ìss: e vabbù, dà… m spòs natavòt… bast che sì cundènd e a fnìsh d ròmb ù cazz…
èss (tutta trìst): Ah, nzòmm allòr t spusarrìst natavòt…
ìss: ma scus, che amm ditt finemmò?
èss: e a faciarrìss dorm k te ind ò lìtt nustr? tu e èss?
ìss: embè, andò l’agghia fà dòrm? p ndèrr?
èss: e scagnarrìst i fotografèij suij ò post dii fotografèij mèij??
ìss: penz che sì… avessa ess accussì…  o no?
èss: e c’ faciarrìss pur purtà à makna mèij?
ìss: no, kessò… naa tèn à patènd, ndò s’adda abbià…
èss: Eeeeehhhhh!?!???!!
ìss: ummadò…..