A Santa Caterina con Santa Samanta

29 11 2012

Lunedì mattina stèv cummattènn con una gemma del vespino di mio zio che ce l’ho aggiustato e m’adda angòr pagà, e inzò mi sono messo a pensare a Samànd. E siccome che tenevo il numero ciagghij scritt nu messagg’ per sapere che faceva. Oh, quela scurnacchij’t m’ha rspùst e m’ha scritt che stava a fare la spesa e se volevo andare pure io insieme. Mang che agghij fnùt d legg’ ù messagg’ che stèv già cu rasòij in mano che mi sò fatt à varv, mi sono messo un bel profumo che è come l’acqua di george ma non è quello originale che quill costa assai, però è tale e quale.
E inzò ho preso la 127 e mi sono abbiàto, però s sndèv ù fìt d l’ascìsh che la sera prima io e Tonìn ciavèmm fatt nu cannòn nzimm. E inzò, passànn passànn da Pierìn quill dii detersìv sò andato a comprare nu deodorànd pa makn. Ho preso quello a fòrm d àlb’r. Stev scritt che s’aveva aprì piano piano e si doveva cacciare un po’ alla volta, però che m n frek a me, l’agghij mis da fòr tutt quand. Stucàzz! S’è imbestàta la 127 che assumigghièv alla Uno turbo di papà quando ero piccolo, che pur ù boss mttèv l’albemmagìkk da dentro alla Uno turbo.
Il profumo era assai, er bell, mo che entrava Samanta nella 127 s’aveva addicrià.
Inzò, sò andato sop ai treccorsèij’ che lei stava dallà perchè era andata fino al discàunt a fà a spès e quando che sò arrivato agghij mis à cassètt d Nino D’Angelo che lo so che a lei ci piace a catèn.
Però quell è trasùt nda makn e ha fatt: “madò che odore forte!” e ciagghij ditt: “cheghè? non ti piace?” e lei: “Non è che non mi piace, è che è tropp fort! Nz pot respirà!”
Mamm e ke fgùr d mmèrd! E allòr ciò menato la colpa ò boss: “no, uì… quill à colp è d papà che s penz che quest è la Uno turbo che teneva lui e mett semb sti cazz d deodorànd da ind” e allora l’ho stoccàto da imbaccia allo specchietto, ho acalàto il finestrino che stèmm ferm al semaforo e ciagghi ditt a quill della macchina affiàng: “tè, oh… pigghij stu còs che è nuv nuv, è peccato a ittàrl!” e ce l’ho menato appresso nella macchina sua e me ne sò partito sgummànn sgummànn.

La fiera di Santa Caterina

E siamo andato alla fiera di Santa Caterina, efèss e quanda gente che stava, stèvn pur nu sakk d nèr, mammamà, hanno imbestato tutta foggia, stànn a tutt vànn. Stèv pur ù messik’n, quill che parla foggiano. Mamm e quanda risate che m’ha fatt fà, stubbastardòn, dice sempre che tèng i sold sott ò matòn, però è nu smbatkòn. Infatti non l’ho mai paliàto pkkè è tog e fc paùr!
E inzò mentre che stavamo in mezzo alla fiera abbiamo visto quill che facèv i pat’n arravugghij’t sop ò stkknìll d lègn. Ce la volevo comprare a Samànd una patàna, ma quell ièv truànn dui èur e cinguànd. Ciagghij ditt: “oh signò tu sì kiù rabbìn d Cinzèll che vènn i pilanghìll, a te nn t’agghia dà mang nu cendèsm!” e ce ne siamo andati da quill affiàng che facèv i tarallùzz fritt ind a l’ugl che poi li metteva ndo zukkr. Co tre èur t facèv ù pakk da dic’ e ce li siamo presi io e Samànd. Stucà erano buoni, mii sò puluzz’t ndannìnd, a Samànd ce ne ho lasciati solo tre. Tenevo la cialanga, mammà muu dic’ semb che fazz proprij shkìf.
Comunque pò siamo passati da quill che vnnèv i prsèpij’, mamm quand custàvn! Quattcìnd èur p nu prsèpij! Ciu vulèv dic’ che là se non calava il prezzo ng vèn mang kiù gesù bambìn ind a qulu prsèpij’. Che pò non funzionava nemmàng bun, efèss stèv il motorino che facèv aggirà i fatt, però stèv ù ciùcce che fuièva troppo assai, quill adda iè piano piano.
Poi ci siamo fermati da quill che tnèv i calamìt che si appizzicano imbaccia al frigorifero. E stèvn i calamìt coi nomi e ci volevo comprare la calamita a Samànd ma qulu pngòn non tenevà la calamita col nome di Samànd, nemmang senza acca. E invece Samànd mi ha comprato a me la calamita col mio nome Luigi che l’ha trovata. E’ tropp tog sta uagliòn, me la devo fare per forza. Mò mi chiama sempre così perchè ha detto che ci piace di più Luigi e no Giggìn.
Samànd è a nùmmr ùn!

Annunci




Pesh ò cùl con CocaCola!

26 11 2012

A fà i sgurrùtt è tropp tog! Ognevvòt che mi vèvo la birra meng certi sgurrùtt che t ne fùij’! E vdè se m vèv à cocacòl, lamb e trùn, che quando sgorròttièio assummegghi che viene il tarramòto.

E inzò l’atu iùrn stavo a casa che stèv smundànn nu fatt che mi avevo frecato da dentro a una macchina, aveva ess robb d tòmm tòmm però avragghij fatt nu dammagg’ che non si capiva più niente e m stèv venènn pùr à sùst! Agghij fatt pur allìt k mammà che vnèv a romb cazz: “e che cumbìn, e mitt semb m’n, e allùrd semb tutt cos, e sta stanz fc shkìf” Cioddètto: oh te stà nu poc citt che m’è giàrrutt treqquart d cazz e l’utm quart s’è angumnz’t già a krpà. Vabbù io e mamma facìm semb storie.
Comunque è venuto Tonino e ha fatt: “oh, Gino, vid che mi hanno detto che a Fogg’ stc’ ù camiònn daa cocacòl“. Eh, piacer a stu cazz! “e kenammafà? Avìss ditt stèv ù camiònn daa peròn oppur duu borghètt
E Tonìn ha fatt: “no vabbè però m’hann ditt che à dànn aggratìss…
Stucà!
E quann èij aggratìss ‘e mnà pùr ù bbìss!!!” e allora ho lasciato tutto cum stèv e me ne sò asciùt cò Tonìn. Abbiamo preso la 127 che Tonìn ha ditt che quelli col camion si avevano messo nel parcheggio daa mongolfìr. Che vu dik a fà, efèss ù burdèll p’arruà, il traffico a Foggia è na cos che ogne iùrn e fà semb allìt. Stava uno che ù vulèv passà p sòp che si è menato in mezzo alla strada e mi ha fatto inghiommare e m’ha ditt i paròl “incivile, non vedi che c’è il verde ai pedoni? Tu hai il rosso!” ciagghij ditt: “mò se ascènn daa makn ù rush tu fazz ascì da mokk a bott d castagnùn nde dind, pngò!

la mia 127 vicino camiònn della cocacola

la mia 127 vicino camiònn della cocacola

Poi vabbè, siamo andati nel parcheggio e stèv stu camiònn gruss gruss che assomigliava ‘o camiònn d supercàrro. Cioddetto a Tonino: “oh Tonì, quist co na bott d verniciatùr d nèr assummagghij ‘o camiònn d supercàrr!” E quill ha fatt: “e cheghè?“. Mamm, u vulèv shkaffià: “kekkazz nn canush supercàrr? quill du telefilm che tnèv à makn ke parl da sòl, e s guid da sòl, t’arrcurd?

no, m sa m sa che nn mu vdèv
oooohhh! quill che facev ‘subito màico’, e capì?
chi è? Maicònn d l’indèrr?
cioddetto “mammamà, a te padt t’aveva palià p sti fatt e no pkkè t fì i cannùn, at ke kazz
E inzò siamo andato dove che stèv stu camiònn e stèv na uagliòn che ci dava le cocacole alle persone aggratìss. E pur là m stèv mttènn a fà allìt che uno ha fatt imbaccia a me: “giovane, la fila! che tu sì megghij d nàt che pass annànz?“. Tand nn l’agghij vulùt palià pkkè stèv ca uagliòn e mi dispiacèv che stava tutta shkandata angòr ù uagliòn s’aveva abbushkà na castàgn ndò muss. E inzò abbiamo aspettato che ci avvicinavamo e si sentiva sta uagliòn che a ogne cristiano che ci dava la cocacola facev “buon natale con cocacola” e a nateùn diceva “il natale è sempre più bello con cocacola“. E allora quando siamo arrivati noi è andato Tonìno, at ammalà, e non l’ha fatta nemmango parlare e ciaddìtt: “Pesce al culo con cocacola!” e quella uagliòn è rumast d cazz. Mamm le risate, m stèv pisciann sott. Che poi quann è arrivato il mio turno, ho fatto pure io pesh ò cul k cocacòl e la ragazza ha fatt caramelle per la tòss! e io cioddetto e ngul s’andòst e purtm a sor’t, à gròss!! Efèss Tonino tropp le rise s’è indorzato e s’è menato tutt à cocacol sop ò giubbòtt. Ho fatto vicino alla ragazza “oh che stk pazziànn, mica ti sei offesa?” e quell ha fatto “no no, non si preoccupi” e io mè allòr vin pur tu nzimm a sòr’t! ahahaha kesimmalà, sò tropp nu bastardòn.
Comunque ciamm vippt sta cocacol e abbiamo fatto un po’ di sgorrutti, a una signora ce l’abbiamo fatto da dietro, vicino all’orecchio, tropp ù shkand s’è inariàta cum e na mongolfìr, mo ci veniva l’infarto.
Uno voleva fare allìte cò Tonino. Agghij’ vist che faceva storie, sò andato e ho fatto: “oh giovane, tin qualche probblèm?” e ciò inzaccato una castagna di prima, senza fàrl capì nind. Poi ce ne siamo andati che Tonino mi ha mantenuto e mi ha portato nella 127. Turnann turnann ciò menato pure un calcio al trerruote con la pelliccia di cervo, che tnèv pùr i corn. Tonìn ha ditt che era una renna, ma che m n frèk. E vabbù.
Che adda èss ù camiònn daa cocacòl!!!





Natabbòmb a Foggia

22 11 2012

Sto pensando au shkattamùrt che fatìg affiàng ò negozij’ di cinìs che hann fatt zumbà la settimana scorsa. Quill secondo me nn dorm kiù à nott. Dopo che s’era pigliato la virminata quann ciànn mis à bomb ai cinesi, aìressèr si sarà shkandato natavòt collabbomba al viale della stazione. Se pò agàbbt proprij da quili part, oppur stèv ò cicolèll a frkà con l’amante è proprij che s’adda fà nu viagg’ a Lùrd p fars dà na benediziòn daa Madònn.
Io stavo cò Tonino che amm iùt ai giardinetti pkkè vulèv ngappà a Samànta. Madò ormai m n sò asciùt d k’p: ieri sera teneva nu ggìnz strìtt strìtt che s vdèv stu cul bell tùnn tùnn e tust tust che cioffàtto: “oh Samà, ma tu vì in palèstr? efèss e che tonificazziòn che tin aa vèij’ d rèt!” e lei si è messa a ridere e ha fatt: “no, io faccio i servizi a casa, pulìzz ndèrr, vk a fà à spès à kiazzètt e poi cucino pure”. E io cioddètto: “stucà, allòr sì na femmna da spusà!” ve lo giuro, maa vulev sfunnà tann stèss, a spigolo di panchina. Ndò à truv na femmn accussì?
E allora evì, mi sono fatto dare il numero del cellulare, però quell facèv à bastà che nn mu vulèv dà. Ci piace a pazzià alla signora. Mo che à fazz pazzià cu giocattl che teng sott amma vdè cum s’adda addicrià!
E inzò, alla fine pò il numero me l’ha dato, pkkè tand ù sacc’ che pur èss m vol a me, ndo vol iè fuiènn che à teng fàtt già. Qualche giorno me la porto con la 127 e ciu fazz nu bell servìzzij’!
Comunque nel frattempo Tonìn s’è scolato tre peròn da treqquàrt e nn m’ha lass’t nind, mang na stizz, stubbastardòn d mmèrd. E alla fine, dopo che ci ammo salutato co Samànd e co gli altri, lo dovevo accompagnare a casa. Però stèv proprij malamènd e facev: “madò se m’arritìr accussì, ù boss m sfrakìn d takkar’t!” e allòr cioddètto che ci facevamo un giro. Amm iùt in piazzetta ma ng’ stèv mang nu k’n… cioffàtto menare due o tre vomicatòni, efèss al terzo vomicatone ascèv à shkùm da mmòkk, non teneva più niente ngùrp. E si è cominciato a riprendere. Mendr che ce ne stavamo tornando amm sndìt nu bumbacchiòn: Sbadababòòò!!!

Il negozio che hanno fatto zombàre

Il negozio che hanno fatto zombàre

Stuuuucà!!! E keghè? Isdraèl è vnùt a Fogg’? Agghij ditt: “oh Tonì, qua è natavot robb d bòmb, e pur quarrèt” e quello faceva: “naaaa, kessò! sarà na cipòll”
Quala cipòll, efèss i mbulànz, i battùglij’, i pumbìr, a botta ndèrr, a guardiacè… nz capèv kiù nind. Siamo andati appriss a tutt quill che s’abbiàvn, stèv ùn che ha fatt: “ho controllato sul mio aifòn, su fèsbucc c’è scritto che hanno fatto saltare in aria un negozio su viale della stazione” e ciagghij ditt: “efèss e cum t chiamàvn? l’èffbià? mang l’è fatt zumbà ù negozij e già stì là!”
E inzò siamo andati, e stèv ù burdèll. Vetri a tutt vann, le gente a catèn, peggio di quando hann apìrt à cattedr’l d fògg! Ho fatto vicino a Tonino: “mamm Tonì, vid nu poc angòr angappiamo au shkattamùrt che ci facciamo quattro risate”. Però non lo abbiamo visto, megghiaccussì.
Poi siccome che tnèv nu poc asèkk mi sono andato a fare una birrozza al bar dirimbètta. Efèss ù sunn che m’è vnùt!
Che adda ess stu fatt che la birra non maa pozz vèv à nott che ognevvòt me ne vado al sonno. Vafammòkk!





Me ne esco di testa per Samanta

20 11 2012

Ho conosciuta a Samanta. Mamm e quand è bbòn Samànd… me l’hanno fatta accanòscere l’altro giorno e m n sò asciùt d k’p.  Stavamo io e Tonino e siamo andati a un compleanno ai giardinetti che stèv nu cumbàgn d nu cumbàgn che doveva festeggiare. E stèvn i bìrr e pur ù borghett. E andò s vèv, io e Tonino non possiamo mancare mai.

E inzò, eravamo andato che avemma salutà e poi ci stavamo un po’, iùst ù timb che ciavemma sfunnà nu poc. Però indand stèv sta uagliungèll tandabbèll che tnèv sta minigònn, tutta mbrufumata, coi capelli lunghi, ù rossètt… mamm e quand è tost! Oh, a sta bott non agghij vìppt p nind perchè m sò incantato a guardàrl… e Tonino s’è sfunn’t da sul.

E pò alla fine, quann proprij che ce n’avemma iè sò andato vicino: stuuucàzz e che profùm bell che tèn, e come addoràva, m’ha fatt nganià! e ci ho detto: “oh, bella!  ma tu come ti chiami?” e lei ha fatto: “Samanta… ma si scrive con l’acca”.

Azzoooo… samantha, samantah, sahmanta, samhanta… cum cazz s scrìv? Bò, che m n frek a mè, tand alla fine mik l’agghia scriv da qualche part.

Che pò Samand che cazz d nom è? Forse non è nemmango di Foggia, chissà da ndò vèn. Però ha detto che è di Foggia. Madò che n sacc’… l’unica cos è che è proprij bon e mò amma vdè se esh kokkekkòs. Mo che à prossma vòt m’agghia fa dà ù nummr du telefonìn. Pò ma port a fà nu gir ca cindvindisètt, andiamo da d’aloia o da Mario a magnà nu panìn e pò maaa fazz. Tèn doij pròvl che sò à fìn ù munn!

Solo che al viale delle banane stann avzànn nu palàzz e sta troppa luce, nn èij kiù à scurèij’ che stèv prìm. Sti kitammùrt vann shkitt avzànn palàzz ind a Fogg’… vuless sapè ste case chi cazz sìì ccàtt se stann tutt senza sold. E poi passano i nèr con le bici che t fann pur pigghià i shkand. L’altra volta che m’er purt’t a na femmn a frkà è passato uno che stèv pigghiànn nu squacciatòn proprio vicino alla 127 e quell à uagliòn s’è spaventata pkkè quill era rimasto proprio affiàng alla macchina mendr che si alzava. Allora ho calato il finestrino e ciagghij ditt: “Oh, kundakì! che e fà t ne iè da quà o t’agghia cavcià? Mo se nn vutt i gàmm ascènn daa makn e t fazz iè fuiènn fin ò paès tuij aa babbuàsij’!!”

Vabbù comunque Tonìn alla fine ha menato semb il vomicatòne mentre ce ne tornavamo. Però mi sono allacianato co Samànd, mamm e che fèmmn.





Mio nipote è peggio di me

15 11 2012

Mio nipote è allucinànd! Non si sta mai fermo, va già sfottendo le femmine e èij pur nu figghij d ndrokkij’. Ieri mattina lo dovevo accompagnare a casa che mia sorella nu putèv iè a pigghià à scòl. E allora sono andato io. Mamm e ke burdèll: appart ù fatt che annànz ‘e scòl stc’ semb ù traffk, non c’è mai posto e stànn semb ì scèm che m fann ngazzà e pò fazz allìt…
E inzò stev stu scèm d guèrr che ha accumnz’t a fà ù stubbtòn che io stèv pi cazza mèij nella 127 che mi stavo sentendo la cassetta di Tommy Riccio a tutto volùm, e quist che parl’v… e parl’v… e parl’v e guard’v semb daa parta mèij e allòr sò sceso dalla macchina e ciagghij ditt: “oh che tin cocche probblèm?”
E quill ha angumnz’t a fà: “eh ma lei è un incivile, la musica a tutto volume con queste canzoni grezze, poi questa macchina parcheggiata sulla pista ciclabile, lei crede di essere meglio di noi che stiamo qui civilmente, e patamìmm e patapàmm…” e inzò ciagghij ditt: “oh pngò! vid che agghij vnùt a pigghià a nipòtm che adda ascì daa scòl, e post ng’ n stèv, ando m’aveva mètt? ngulammàmt?”
E quill che continuava: “ma cosa crede che stiamo a fare noi? Qui siamo tutti genitori che stanno prendendo i figli all’uscita di scuola, se lei voleva trovare posto sarebbe dovuto venire prima…” a ungerto pundo sò andato vicino, ciagghij mnt nu shkaffètt imbaccia e cioddètto: “giovane, avash à crest, fà pok ù gallètt che i dind ti fazz zumbà da mmòkk. N’avzànn à voce k mè… ànz… akiùd quela vokk da ciànnarèll che tìn, che nn stì parlànn k frat’t”… e si è stato zitto. Ma ì n’agghij capìt, sti facc’ d mmèrd, parlano e parlano, poi s’abbushkn i shkaff e capiscono che s’avevna stà citt… vabbù poi comunque sò asciùt i criatùr da scol e ho preso a mio nipote che già s n stèv fuiènn e l’agghij mis nella 127 che cioffatto sentire l’imbiànd da trecìnd vàtt che a lui ci piace assai quando alzo il volume.
E inzò ci siamo abbiàti, efèss e che burdèll p ascì… stevn sti kitammùrt che nn m vulèvn fà passà e si menavano avanti. Qualche bastardòn m’ha pur ditt ì paròl… uno ha fatt: “oh, andò cazz vìj’! sop a pista ciclabb’l nz pot nghianà!”. Si è salvato pkkè stèv mio nipote e n’agghij vulùt fà questiòn annanz a iss, essinò evogghij che avèss ascinnùt dalla 127 e ciavèss fatt nu servìzzij’ d papagnùn mmokk.
Nzomm mendr che io facevo tutt sti burdèll, qulu curnutòn di mio nipote s’è mis a sfruculià nel portaoggetti e meno male che non tenevo na pistòl o nu curtiìll da ind sinnò avevna ascì pur i dammàgg’. E mendr che guidavo aveva dà arètt pur a ìss che stripitiàva sop ò sedìl, che me l’ha pure allurdàto e inghianava in piedi. Poi andava sul sedile di dietro, zombava cum e na cardella mostr, che demonio.
P farl stà ferm ciagghij vulut accattà na bust d ciccipolènd accussì magn e si sta fermo… makkè, è kiù quill che s’ha mnt ngùll e nò quill che s’ha mnt ngurp, stu strunz. Che pò i fònzi fann tutt quili cicirìll, sul sedile della 127 nonzicapiva piùnniende.
Alla fine, dop che ha strafocato, che ha fatt? Ha menato la busta sop au tappetìn!!! Kesimmalà! Ciagghij ditt: “ooohh! ma à ducazziòn a te non te l’ha imparata tua madre? à bùst nz mèn p ndèrr! Ho fermato la macchina, cioffatto raccogliere la busta delle fònzi, cioffatto calare il finestrino e ce l’agghij fatt ittà fòr. Anè, à bust di patatìn ndèrr sul tappetino della 127!!!
Che poi è passata una bizzòka e ha fatt: “incivile! La busta delle patatine non si butta a terra!” e io ho detto a mio nipote: “e vist? pure la signora te l’ha detto che nz iètt p ndèrr!”.
Che è fà, sò criatùr, amma tnè paciènz apprìss a lor.





La notte di bombe e virminàte

10 11 2012

L’altra sera stavo con Tonino. Ciavèmm sfunn’t d borghètt e stèmm cammnànn per il centro. Stavano pure un po’ di femmine, che io e Tonino i sfuttèmm. Efèss una era zamarrona a catèn e infatti quando Tonìn da dietro ha fatt: “psssssss!!!” è andata questa e ha rspùst: “keghè s’è buk’t à ròt, kitammù?” Mamm!! Mi sono innamorato di prima! kesimmalà, andò à trùv a na femmn accussì…
E inzò mendr che stèmm pazziànn è uscito il fatto degli elicotteri d l’ata sèr, con le battuglie dìì carabbnìr ki mitragliètt, i giubbòttandiproièttl e le palettine a fà i post d blòkk.
E Tonino che faceva: “oh ma quist che vann truànn mò? che s’ann mis a romb ù cà… stèmm tandabbèll prìm, mò ciamma stà pur attind che se ci mettiamo a fare le sgommate tùrn tùrn à rotònd dìì crùce, è capace che esh na battùglij’ da rèt à scòl “art e mstìr” e c’ vèn a pizzicà…”
E io cioddètto: “mè, kessò che anna fà… vui vdè che mò ci vado a mettere una cipolla che i fazz shkandà e si cacano sotto colla mitraglietta e tutto?”
Mamm, abbiamo accomenzato a ridere cum e dui balèng e na fnèmm kiù… e Tonino faceva: “và và! amma sparà na cipòll? và và!!”
E inzò, siamo andato a lasciare la 127 che stèv pur senza benzìn e abbiamo scavotato nel garàce duu boss che qualche cipòll à teng semb a r’quèst. E l’abbiamo trovata, efèss e quand èr togh, bell grossagròss. Er nu pallòn d maradòn, at che cazz!
Mè e mò ndo l’amma iè a piazzà sta cos? Andiamo imbiazzètt… no, è troppaggènd e fann i nvamùn… andiamo alla mezzaluna… no, è troppo lontano e la 127 stc’ senzabbènz… inzomm patapìmm e patapàm, va Tonino e fa: “oh, l’amma iè a mett annanz ò comùn?”
Kesimmalà, ciamm mis a rid che stemm chiecati p ndèrr ki lacrm a l’ukkij’… Che io mi immaginavo a Mongìll cum e nu magneddùrm ingandato che si shkanda quando ci scoppia la cipolla sott all’ufficio.

cipolla

La cipolla che volevamo sparare

E ci siamo abbiàti. Siamo andati dentro per dentro pkkè se ci vedevano in mano colla cipolla ciavevna arrèstà. E poi efèss le zaffate di borghetti, ci levavano tutt cos: i punti alla patente e pur i pund all’appìd.
A un certo punto, amm putùt send na bòmb, che à guèrr d “saddàmm ù scèm” e gheddàff mis nzimm avevna fà i pumbìn!!! Mamm e che bott! Sbadabooommm!!! Efèss Tonìn è zumb’t e s’è inariàto cum e na cardella mostr tropp ù shkand: ù còr nn è arr’v’t ngànn, è asciùt direttamend p mmokk e s n’è fuiùt che Tonino lo sta angora ringorrèndo!!! ahahah, makkeveramè…
E inzò ci siamo shkandati e subbito cioddètt: “oh, ìitt sta cos e fuimicènn!” e ce ne siamo scappati che la cipolla l’amm vulùt pùr lassà là ndèrr, vafammòòk e quanda vlèn che mi sono preso. Tutt nzimm, sirèn, ambulànz, elicòttr, carrarm’t, kitekkopp e kitestrakopp, nze capìt kiù nind: e che er succìss? Avevano messo una bomba daveramènd au cinès che stc’ arrèt a sammichele, affiang ai shkattamùrt. Che poi quill ù shkattamurt fa pure il turno di notte e fors s stèv addurmènn o stev vedènn nu poc d televisiòn. Mamm, se nn è murt d’infart è proprij ùn bùn.
Nzomm siamo andati a vedere, mamm e che ci stava: le battuglie dei carabbinieri e della polizzìa, i pumbìr, i cristiani in mezzo alla strada. Poi è arrivato pure il cinèse ma ngapèv nind. Il negozio stèv colla serranda arravogliata e ascèv tutt ù fùm, e Tonino ha fatto: “mamm e che fit, che cazz è iùt a fùk ind a qulu negozij’? I vicchiarìll murt ki polakkìn ‘e pid senza cavzett? Chiama allo shkattamorto!! Ooohhh, shkattamùù!!” e stava lo shkattamorto che er addivendato kiù iàng ìss d tutt i murt ke vc’ a sistmà… Efèss e quanda risate ci siamo fatti.
Poi vabbè venivano i carabbnìr e dicevano: “signori, qua non potete stare”. A Tonino me lo sono voluto portare che a cum stèv, era capace che s mttèv a fà allìt pur cu carabbnìr.
Turnànn turnànn gli ho fatto menare un vomicatone ind à stradunnèll arrèt alla pizzeria d Vittòrij ù nzvùs, tand nzvatorij p nzvatòrij non se ne accorge nessuno e poi ci siamo andati a stipare tizzone e caravone ognun ognun ‘e ks lòr.
Però onèst, che adda èss Foggia: se facìm à guèrr, pure condrallamèrica, ciù mttìm ngùl a tutt quand a bott d bòmb e cipòll.





Paliatone in mezzo alla strada

9 11 2012

Aìr m’ è success un fatto allucinànd. Ciagghij vulùt fà nu paliatòn a nu stubbtòn.

Stavo andando da sor’m che teneva il figlio, mio nipote, che l’aveva abbadà nu poc perchè lei doveva fare due servizi. E inzò, stèv cammnànn allappìd che la 127 sta senza benzina e nn ciagghij misss angòr à benzìn, e allora stavo a nà part che aveva passà à strd.
Mendr che stèv attraversànn, pass nu stubbtòn che natupòc e m stèv ficcànn sòtt e c’ vulèv dic’ “oh, pngò guardannànz, mò t magn’n ì mosk” però m’agghij st’t citt pkkè nn vulèv fà ù zamàrròn mmizz à strd, che stavano le gende assai.
Allòr è iùt quist qua pigghij e è ascinnùt daa makn e s’è abbiàto vicino a me. Io mi penzavo che m vulev dic’ kokkekkòs, e invcece s’è menato alla sigurdùn e mi ha inzaccato un pugno imbaccia. Maaaaa, ooohhh!!! Kesimmalà, iss m’aveva menà ù papagnòn a me, n’agghij capìt kiù nind, agghij accumnz’t a mnà pugn, shkaff e cavc’, e l’agghij mn’t da na part ‘e nàt cum e na pall da pingpò, prim sop au cofn daa makn e pò p ndèrr. Ciagghij mnt nu cavc’ ngùl che tenarrà angòr i mirròid che vann cammnànn p ngurp, e poi cioddètto: “à prossma vòt t paliè”.
E me ne sò andato… anè, atu pngòn, iss m’aveva mnà ù papagnòn a me alla sigurdùn… Ciagghij fatt arrcurdà ù mes d novèmbr…





La trasferta a Puteolana col borghetti

3 11 2012

Oggi siamo andati a Puteolana. Accussì, senza capì nind. Stammatìn è venuto Tonino, ha tuzzulato a casa che ì stèv angor durmènn e ha fatto: “ooohhh amma iè a vdè ù fò?” mi penzavo che giocava allo Zaccheria e ciòddetto: “vid che à partìt èij ai dòij e mezz” e quill ha fatt: “sì vabbù però ù timb che ci abbiiàmo, il viaggio e tutt ù rist, stìm là iùst iùst. tin cund che ciamma pur frmà a l’autogrìll a piscià e a frkarc’ qualcheccòs…” E là agghij capìt che Tonin s vulev fà à trasfert… “ma pò pì bigliett cum amma fà?” ì bigliett?!?! “Kessò? n’amm mìj fatt nu bigliett mang au sanzìr in serie A, l’amma fà mò che andiamo a Puteolana… makkedè…” Nzomm alla fine, il tembo di una sigaretta, nu cafè e una cacata e ce ne siamo usciti. L’appundamend er all’ipercòpp che stèvn pur l’at… efèss i megghij i megghij… Cum amm arruv’t già stèv n’addòr d cann che nz capev. Ci siamo organizzati coi furgoni e con le macchine efess e che carovana, che burdell. Mendr che stemm angòr sop alla superstrada è asciùt na buttigl d borghett da sott au sedìl… efèss a prima matìn già stemm cumbn’t a mostr… nda makn assummegghij che stev à nebbij, co sto cannone che girava. Ciamm mis a cundà nu poc d fatt, io ho detto a quelli il fatto delle sgommate al cimitero mamm quande risate che ciamm fatt. Poi siamo arrivati a un autogrill e sono andato a fare un pisciatone nel bagno. Stavano quelli che già menavano i vomicatoni, ciagghij ditt: “mamm e mò che arrìv a Puteolana che e fà, e caccià i stndìn da mmokk?” Nzomm mendr che stèmm là sò arrivati i tifosi di qualche altra squadra che n’agghij capit che squadra era, però sò asciùt i takkar’t. Io mi volevo andare a menare però qulu vilakkiòn che guidava s’è mis appaùr e ce ne siamo andati.

Lo stadio di Puteolana

Lo stadio di Puteolana

E comunque è nu paès d mmèrd Puteolana, e ù stadij è nu stadij d mmèrd. Anè, assummeghij una pezza arata, ho detto vicino a uno stiuàrt: “ooohhh, ma l’aràtr p arà ndèrr chi ù port?” ma quill stèv chiù mbrijk d me e non ha capito. Comunque non ci volevano far entrare e Tonìn facèv: “oooh se ci mettiamo e vottiamo ì sfunn’m e ci fann passà” però non siamo entrati più. Stavano le persone dal balcone che si vedevano la partita e allor sò andato mbaccia a nu purtòn du palazz che sta vicino al campo e ho suonato. Quill ha rspust “chi è?” e agghij ditt “volantini!” pigghij e m’ha apirt. Ho acchiappato a Tonino e ciagghij ditt: “mò vin k me, anghianiamo sopra!” e l’ho portato all’ultimo piano che stev à port p iè sop au terràzz. Mo io che mi frecavo gli sterei e aprivo le macchine u fà che nn er cazz d’aprì nu cusarill d mmerd che chiudeva quella porta? E nzomm siamo usciti sul terrazzo e fors siamo usciti pur sop a telereggiòn… Ciamm vist à partit ma io onèst n’agghij capit nind che stev chiù da là che da qua. Tonìn ha ditt che il rigore non c’era, sacc ndo cazz l’ha vist, io agghij vist solamend ù borghett… Alla fine siamo usciti, stev na smart ammucciata bene bene, l’agghij apert ma da ind ng stèv nind… sti kitammurt nn lassn kiù nind nde makn. Dopo non mi ricordo più niente perchè stèv cumbn’t a mostr. Mi ricordo solo che Tonin ha ditt che ù rigòr ng’ stèv. Ha sfrandum’t i cugghiùn p tutt ù viagg’ d ritòrn… Oh ma pò alla fine… che ha fatt ù fògg’?





2 novembre al Cimitero… sgummànn sgummànn!

2 11 2012

Il 2 novembre è sempre un bel giorno. Pkkè s fatìg accatèn! Sò andato al cimitero, che quann sò i murt la gente si fa sempre la camminata a truà i murt e i stramurt. E parcheggiano. E se parcheggiano esh à fatìg p me.

A sta bott mi sono avviato presto, ‘e sett stèv già là, e stèvn già i makn. E stèv pur nu stubbtòn che s’er mis là che addummann’v i sold ai cristij’n… makkedè! Sono andato e ciòddètto: “giovane, che t serv qua?” e quill ha fatt: “non mi serve niende, a te che t serv?”. Non ha capito. “giovane, ngiàmm capìt… che stì a fà qua?” e allor quist ha accumnz’t e patapìmm e patapàmm e à fatìg e ì sò vnùt prim… A nu cert pund l’ho stoppato sùbbito sùbbito: “uagliò, nn vogghij capì nind, qua è robba mèij

E allor quist ha fatt: “ma tu ù sì chi sò èij?

Taaaaaaaaaaaaaa!!!!!!! Allòr è proprij che n’ha capìt nind… “A me ki sì tu nn m n frek nind, mèn mè, vùtt i gàmm…” e quill ha fatt: “vid che ì sò ù fr’t d Pinùcc’ Fanalòn…” e io: “e se mò nd n vì da qua t’appicc’ pur l’abbagliànd a bott d shkaff!

E quello ha fatt: “kessò che e fà tu? camin vattìnn, stat pok d fit…

Maaaaammmm!!! Non è stato cazzo che ha putut dic’, ciò inzaccato una capozzata mizz à crucevèij d l’ukkij, che l’agghij fatt accapputtà d cuzzètt nderr, scurrènn sang. S n’è iùt che lucculava: “mo che t fazz angappà! aspìtt qua se sì bun

Ciòddètto: “và kij’m a chi vuij, che t’abbott i dind a te e a iss mis nzimm e a quand n tin” e se nè andato, ma indand m’avev fatt perd pur nu duij o tre makn che sò arrivate e hanno parcheggiato senza pagare. Poi è venuto uno che ha parcheggiato e nn vulev pagà. Pigghij e ha fatt: “lei è un posteggiatore abusivo! ma non si vergogna? invece di andare a lavorare!” ciagghij ditt: “e secondo te ì m’agghij avz’t ‘e seij stammatìn paa bella faccia tuij e p stà a send i chiacchij’r tuij? stat cretèn!” e ciò menato un mappino mbacc’ e s’è stato zitto e s n’è iùt senza dic’ mang na paròl. Poi come entrava ci facevo pure lo sgarro vicin ò spurtìll, oppure ci squacciavo una gemma, mò vdìm…

La mia 127 al cimitero di Foggia

La mia 127 al cimitero di Foggia

Comunque la giornata s’er pur mis bùn, la gente è venuta e si fadigava bene. Pò è turnt qulu stubbtòn che non erano fatte mango le undici. E stèv nzimm a nateqquatt!! Mamm stucà! Er iùt a ricòrr a quatt cristij’n! Appèn l’agghij vist che arrivavano e scendevano dàà makn me ne sono scappato, m’agghi mis nella 127 che me ne volevo andare e quill, fanalòn ù fr’t grùss e ciùtt ha fatt manovr e m’ha chius. Agghij ditt: “u sì che stc’ d nuv? mo m fikk ind ò cimitèr!” Kesimmalà, agghij trasùt colla 127 ind ò cimitèr, stev na foll che p scanzàrl natu poc e m ièv a nzppà ind a n’albr… e quill arrèt chem fuièvn appriss!!! Nzomm sono passato annanz a na cappèll che ù spazzij pàà manovr er tropp stritt e ho menato il freno a mano, efèss e cum s’è girata perfett! Se stèv Tonìn si addicriava che a iss ci piace quann fazz i testocòd colla 127…

Si sono girati tutti quanti, na vicchiarèll s’è pur mis a chiagn per lo spavendo. E poi me ne sono andato pkkè secondo me co tutt quili gend qualcheùn (che nz fann i cazza lor) avrà chiam’t na battùglij della polizia o di carabbnìr… che poi ù probblem è che la 127 è facile da truà che la tengo solo io ki fendinebbij giall…

Nzomm alla fine m n sò vulùt iè e n’agghij putut fadgà kiù… che cazz d iurn’t d merd m’aveva ascì ogg… chi cazz m l’aveva dic’ a me…

eh, ma mo ke u ngapp a qulu nvamòn e vilakkiòn…





Castagne nei denti a Orsara

2 11 2012

Ieri abbiamo andato a Orsara. Tonìn ha ditt che stèv na fest che è come “allouìnn” ma non è “allouìnn”. Nzomm è cum e na sagr d paès che s magn e s vèv accatèn. E andò che s vèv stìm semb ì e Tonìn.

Ci abbiamo aabbiàto colla macchina sua pkkè con la mia 127 potèss che n’arruàmm. Quando ammo arrivati stèv nu burdèll, nemmang nu post. Mannaggiakkitammù, non facevano mango salire nel paese. Tonìn vulev nghianà p truà nu post mizz ai stradunnèll, ma quill ha fatt: “da qua non si può andare, solo i residenti”. Taaaa, e cum’è, a quill l’è fatt nghianà… “quello è un residente”.

E che ù tèn scritt mbrònd che è residend? Vabbù và, ciamm mis d rmbètt che stèv nu bell post e quill è vnut natavot “nò, lì non potete parcheggiare perchè deve arrivare un pullman”. Taaaaaa allor quist è stù…  nn agghij ascennùt daa makn a shkaffiàrl proprij pkkè non m vulev mett a fà ù grezz annanz a tutt quili cristij’n, e pò stèvn pur i carabbnìr.

Tonìn ha ditt: “mè Gino, a makn a mttìm sott ò paès” e siamo scesi sulla strada però efèss e quanda macchine che stavano. Abbiamo trovato un posto e sono sceso prima accussì Tonìn à putev azzeccà di kiù au murètt. Oh, stèv natu stubbtòn che aveva parchiggià e rumbèv ù cazz a nuij: “che e fà, te luà da nanz che agghia parchiggià?”. Anè, iss m’aveva dic’ a me accussì… sò andato vicino, nn è st’t cazz che ha putut dic’ kiù… ciò inzaccato un papagnone che l’agghij fatt stà citt per tutta la serata. Anè, stù pngòn d mmèrd.

Fucacost e castagn nde dind

Fucacost e castagn nde dind

Poi siamo salito al paese. Efèss e quanda gende che stava, stèv kìn kìn. Nz putev mang cammnà. Stevn i k’kozz a form d cocce d mort con le candele da dendro, come i film di paura, e tutt quill che facevano le foto.  Mamm quand er togh. E pò stèvn nu sakk d fèmmn… mamm e quanda ciànn, s sndèv à ddòr a tutt vann. Vabbè però stev pur ù fit du fum delle legne bruciate e delle fornacelle che facevano le zavizicchie e i panini. E vendevano pure il vino. Nzomm io e Tonino ciamm fatt duij o tre panin (un paio ovviamend non pagati perchè ce li siamo fatti dare senza pagare da quill che li vendeva) e poi ciamm vippt na buttigl d vin appdùn.

Nel paese pò stèv pur à band e facevano le canzoni e ballavn, e stev tutt ù paès appriss, tutti mbriachi, e ciamm mis pur nuij appriss. Ma no per la banda, ma pkkè Tonìn avev vist a na femmn che c’ piacèv. Però stèv troppa foll e allor Tonin ha menato solo una toccata di provole e di culo con la mano e poi ce ne siamo andati ridendo ridendo.

Poi stavano quattro balenghi che cercavano le castagne: “scusa, sai dove vendono le castagne?”. Ciagghij ditt: “mò, vin qua che tu dk aggratìs nu castagnòn!” Sbadabà! Ciò inzaccato un castagnone nei denti per pazziàre che ciagghij fatt ascì ù sang da mmokk. Efèss Tonino quanda risate che si ha fatto.

Alla fine ce ne siamo tornati a Foggia, abbiamo menato un vomicatone a parco san felice e pò ciamm iùt a kork. Stammatìn m’agghij sviglij’t ki lukkl d mammà dind ‘e rekkij: “kitestramù andò cazz t sì iùt a mbrushnà!! efèss ù giubbòtt e cum fet d fùm!”

Che adda èss Orsara, che adda ess…